18/07/2024

The Warning, Bologna

19/07/2024

Rufus Wainwright, Melpignano (LE)

19/07/2024

Marlene Kuntz, Bologna

19/07/2024

Vintage Violence, Soriano nel Cimino (VT)

19/07/2024

Vinicio Capossela, Otranto (BA)

19/07/2024

Tre Allegri Ragazzi Morti, Roma

19/07/2024

Teenage Dream Party, Sarzana (SP)

19/07/2024

Dropdead, Piacenza

19/07/2024

A Forest Mighty Black, Montecchio Maggiore (VI)

20/07/2024

Laufey, Gardone Riviera

20/07/2024

Nick Mason, Bologna

20/07/2024

Loreena McKennitt, Bard (AO)

Agenda

Scopri tutti

Erja Lyytinen intervista

Un caldo cuore blues venuto dal freddo

Dopo aver ascoltato “Diamonds on The Road” (la nostra recensione), l’ultimo lavoro di Erja Lyytinen, chitarrista finlandese con all’attivo con dodici album in studio e quattro dal vivo, non potevamo che conoscerla meglio e soprattutto farla conoscere meglio nel nostro paese.

Vorrei che ti presentassi al pubblico italiano. Quando e perché hai deciso di diventare un chitarrista?
Ho iniziato a suonare il violino quando avevo sette anni, e quando sono diventata adolescente, la chitarra ha iniziato a interessarmi. Mio padre è un chitarrista, a casa avevamo tantissime chitarre, mia madre è una bassista e negli anni Sessanta avevano una band insieme. Quindi sono cresciuta in una famiglia di musicisti, quindi questo probabilmente spiega molto. Sono rimasto davvero affascinata dalla chitarra elettrica e all’età di 14 o 15 anni ho iniziato a studiarla da sola. In realtà ho frequentato alcune lezioni di chitarra quando avevo 13 anni, erano lezioni di chitarra gratuite, ma l’insegnante ha lasciato il lavoro. E così ho deciso che avrei aspettato finché non avessi finito con il violino e poi avrei ripreso in mano la chitarra, perché mi piaceva davvero suonare la chitarra. Suono da molti decenni da quel momento! Mi è piaciuto subito suonare la chitarra perché ero in grado di suonare assoli, suonare il ritmo e cantare allo stesso tempo. Era perfetto perché mi è sempre piaciuto anche cantare.

Hai iniziato suonando il Blues o altri generi musicali?
Generi diversi, generi diversi. Prendevo in prestito libri di notazione dalla biblioteca e quindi suonavo classici del Rock e del Pop, sì, è iniziato così, e qualche volta cantavo quei brani. Poco a poco ho iniziato a suonare gli assoli perché richiedeva più tecnica. Decisi definitivamente che volevo diventare una chitarrista solista.

Quando hai scoperto di avere una voce meravigliosa?
Quando ero molto giovane cantavamo sempre a casa con i miei genitori, da quando avevo forse tre anni ho sempre cantato. Questo è stato semplicemente qualcosa che facevamo. Ho due fratelli e abbiamo sempre suonato e cantato insieme.

Stai dipingendo l’immagine di una famiglia molto felice…
Sì, siamo una famiglia felice. Cantare insieme crea un legame speciale, si sa, quando canti insieme ad altre persone che ami. Oggi cantiamo insieme solo durante il periodo natalizio o alle feste di compleanno, cantiamo le canzoni base, ma è comunque bello.

Non è facile essere una chitarrista solista donna, soprattutto una blueswoman. Penso che dovevi essere molto forte per intraprendere una carriera del genere.
Beh, è ​​stata una lunga strada, te lo dico. Ho avuto la visione. Volevo diventare una chitarrista e una cantante e creare la mia musica. Sono stata molto persistente al riguardo, miravo sempre a quello. Quindi sono andata a scuola di musica e ho provato a entrare in contatto con le persone, a suonare in gruppi diversi e a un certo punto stavo creando la mia musica. Alla fine degli anni Novanta ho incontrato il mio ex compagno e abbiamo messo insieme una band e questo ha dato una buona spinta a tutto perché prima suonavo con molte band, ma di colpo c’erano solo due persone. Avevamo la stessa direzione, volevamo fare un grande Blues e avere una grande blues band insieme. Nel 2003 ho realizzato la mia prima registrazione da solista. Questo è successo 20 anni fa, il tempo passa così in fretta! Ma prima di allora, lavoravo già molto e provavo a fare molte cose nel mondo della musica. È stata una lunga strada e ha richiesto molto lavoro. Ma penso di essere una donna piuttosto tenace, non mi sono mai arresa, anche quando ero in ginocchio.

Questo è un buon esempio per le giovani musiciste, perché è facile scoraggiarsi nel music business …
Oggigiorno ci sono molte più chitarriste donne sulla scena, ma c’è voluto molto tempo per vederle. Ora sembra che i nuovi acquirenti di chitarre siano per la maggior parte donne o ragazze, sono statistiche sorprendenti, quello che sta succedendo là fuori. Sai, che tu abbia soldi per promuovere te stesso o no, se non hai soldi, se sei bravo, hai ancora un modo di farti vedere, al giorno d’oggi puoi avere successo attraverso Internet. È davvero sorprendente.

Hai appena realizzato questo bellissimo doppio album dal vivo, ma non è il primo. Immagino che tu adori davvero tanto suonare dal vivo.
Assolutamente! Mi è piaciuto farlo, è una sfida registrare un album dal vivo per un artista. Penso che sia semplicemente fantastico. Adoro esibirmi. Adoro stare sul palco. Adoro l’interazione tra il pubblico e la band, è così gioioso. Oggi mi diverto più che mai. È un po’ forse la fiducia in se stessi e un po’ l’età. Sono maturata abbastanza, sono felice con me stessa e come chitarrista, cantante e cantautrice ho raggiunto un certo livello di cui inizio a essere soddisfatta. Sai, come artisti, siamo sempre un po’ insoddisfatti di noi stessi. Vogliamo sempre migliorarci, quindi non siamo mai pronti. Ma devi anche accettarlo, okay, sono qui, non sono ancora pronta, ma è proprio questo il bello. Penso che l’umiltà sia la chiave per imparare. Altrimenti rimani bloccata e ti senti frustrata.

Quando componi le tue nuove canzoni? Ti siedi sul divano o hai uno studio tutto tuo? Dove prendi ispirazione?
Tutte queste cose. Di solito è un sentimento che devo esprimere o qualche situazione che devo cantare al riguardo. E ovviamente crepacuore, dare amore, avere amore e perderlo. Questi sono argomenti così enormi per ognuno di noi. E non ho nemmeno paura di cantare cose difficili. Come, per esempio, nel mio ultimo album in studio, “Waiting for the Daylight”, canto del bullismo nelle scuole, come quando sei escluso in un gruppo di amici, e penso che sia un argomento molto importante, o “Waiting for the Daylight” che è stata scritta durante la pandemia. Attraverso la musica mi piace esprimere me stessa e le mie emozioni. Per me è una terapia e spero che lo sia anche per alcuni dei miei ascoltatori. Non so davvero da dove venga l’ispirazione. Naturalmente ho studiato musica, quindi ho alcuni strumenti con cui lavorare; uno ha alcune idee teoriche e musicali e diversi strumenti. Hai l’emozione, i testi, e poi avviene un po’ di magia. È difficile spiegare come ciò avvenga, ma è magia. Comincio con un riff di chitarra, o una melodia, o dei testi, oppure può succedere qualsiasi cosa del genere. A volte è solo una melodia che sento nella mia testa, e poi canto qualunque cosa ci stia sopra, inventando velocemente alcuni testi solo per farlo sembrare ragionevole. Quindi ci sono diverse variazioni su come scrivo le canzoni.

Cosa pensi delle altre donne blues, come Ana Popovich, Samantha Fish e tutte queste ragazze che fanno il tuo stesso duro lavoro?
Ovviamente sono felice di vedere il cambiamento, quello che sta succedendo là fuori, perché ho iniziato a suonare la chitarra più di 30 anni fa, e non c’erano molte donne che lo facevano allora. E oggigiorno ne vedo molte, quindi è un cambiamento enorme. Penso che sia un buon sviluppo, sicuramente. Ma la musica non dovrebbe essere basata e valutata sul genere delle persone… Ci arriveremo.

Come è successo che ti sei dedicata di recente maggiormente alla musica hard rock? È stato un ascolto che hai fatto o è solo un’evoluzione della tua musica?
So che è un’evoluzione. Ma da quando avevo 15 anni ascoltavo i Led Zeppelin, i Black Sabbath, i Deep Purple e simili. Quindi ho sempre avuto l’Hard Rock in me, ma sono comunque andata verso il Blues. Sono stata nella Blues box per molto tempo, e solo negli ultimi anni ho iniziato a essere molto aperta con la scrittura di canzoni e a essere più coraggiosa e a non pensare se sono nella Blues box o altro, Jazz box, Rock box: ovunque posso usare tutti questi elementi nella mia musica, va bene. E sto migliorando me stessa come chitarrista, sto aggiungendo più effetti alla mia chitarra, suoni diversi. Non ho paura di provare cose nuove, semplicemente suonare il Blues senza effetti, l’ho già fatto. Quindi ora voglio divertirmi e impazzire con la chitarra.

A breve ti esibirai con un’orchestra sinfonica, quali altri progetti hai per il futuro?
Sì, suonerò la mia musica con un’intera orchestra sinfonica per la prima volta. Penso che sarà semplicemente fantastico. Ho suonato con big band, sai, ma è diverso avere un’orchestra sinfonica. Forse prima o poi registrerò della musica con un’orchestra del genere, chi lo sa? Al momento, ho già iniziato a scrivere nuova musica, sono molto entusiasta di tornare presto in studio e iniziare a lavorare! Ma la sfida attuale è la quantità di concerti che farò quest’anno. Abbiamo poco meno di 40 spettacoli fino alla fine di maggio. Mi piacerebbe venire in Italia, è qualcosa che dovremmo assolutamente rifare.

Grazie per l’intervista Erja!
Grazie Francesca, spero di vederti ad uno dei miei concerti! Potete trovare qualsiasi informazione sui tour sul mio sito web, sui miei canali social o iscrivendosi alla mia newsletter.

Erja Lyytinen interview

I’d like you to introduce yourself to the Italian public. When and why did you decide to become a guitar player?
I started playing violin when I was seven years old and when I became a teenager guitar started to interest me. And my father is a guitar player, we had lots of guitars at home. My mother is a bass player and they had a band together in the Sixities. So I grew up in a musical family, so this will probably explain a lot. I really got fascinated about electric guitar and at the age of 14 or 15 I just started to practice it on my own. I actually went to some guitar lessons when I was 13, they were free guitar lessons, but the teacher quit the job. And so I decided that I was going to wait until I finished my violin and then I’ll pick up guitar again, because I really fancied playing guitar. I’ve been playing many decades since that time! I really instantly loved guitar playing because I was able to play solos and play rhythm, and sing at the same time.  That was perfect because I always liked singing as well. 

Did you start with playing the Blues or different genres of music?
Different genres, different genres. I was borrowing notation books from the library and therefore playing evergreen rock and pop classics, yeah, it started like that, and sometimes I sang  along the tunes.  And little by little I started to get into playing solos because, it required more technique. I definitely decided I wanted to be a lead electric guitar player. 

When did you discover you have a wonderful, beautiful voice?
At a very young age, we were always singing at home with my parents, since I was maybe three years old, I’ve been always singing.  That was just something we did. I have two brothers and we sang together. We played together and we sang together. 

You’re painting a picture of a very happy family… 
Yey, we are a happy family. Singing together create a special bondage, you know, when you sing along with other people you love. Nowadays we only sang together during Christmas time or birthday parties, we sang the basic songs, but it’s still nice to have that

It’s not easy to be a female solo guitar player, especially a Blueswoman. I think you had to be very strong to pursue such a career.
Well, it’s been a long road, I tell you. I had the vision. I wanted to be a guitar player and a singer and make my own music. I was very persistent about it, I was aiming to that all the time. So I went to music schools and try to connect with people, to play in a different bands and at some point, I was making my own music and.At the end of the Nineties I met my ex-partner and we put together a band and that kind of gave a good ignition for everything because I was doing a lot of bands before that, but then there was only two people. We had the same direction, like, we wanted to make great Blues, and have a great big blues band together. In 2003 I made my first solo recording. That was 20 years ago, time goes so fast! But before that, I was already working a lot, and trying to do lots of stuff in the music business.  It’s been a long road, and it required a lot of work.  But I think I’m quite a persistent and tough woman in that matter. I’ve never given up, even if I was on my knees. I always got up and, you know. Did things as soon as long as I needed to.

That’s a good example for young musicians, and young female musicians, because you know, these are not times where people are so strong, they give up after a while if they don’t get to their goal in music business.
We have a lot more female guitar players on the scene nowadays, but it has taken a long time to have that.  And nowadays, it seems that the new guitar buyers, the most of them are women or girls.  So that’s amazing statistics, what’s happening out there. You know, whether you have money to help promote yourself or not, if you don’t have money, if you’re good, you still have a way of showing, you can have a success through Internet nowadays.  That’s quite amazing.

You’ve just made this very beautiful double live album, but It’s not your first live album. I imagine you really, really love playing live!
I do.  I enjoyed it, it’s a challenge to record a live album for an artist. I think it’s just great. I love performing. I love being on stage. I love the interaction between the audience and the band. And it’s so joyous. I’m enjoying it more nowadays than ever. It’s kind of, maybe it’s the confidence and the age. I’ve matured enough, I’m happy with myself and as a guitar player, singer and a songwriter, I’ve achieved some certain level that I’m starting to be pleased. You know, as an artist, we are always a bit dissatisfied to ourselves.  We always want to improve ourselves, so we’re never ready. But you have to also accept that, okay, I am here, I’m not ready yet, but that’s kind of the beauty of it.  I think humility is the key to learning. Otherwise, you get stuck, you get stuck and you get frustrated.

When do you compose your new songs? Do you sit on the sofa or do you have a studio of your own? What do you like to do? 
All of those things. Usually it’s a feeling I need to express or some situation I need to sing about it.  And of course heartbreak, love, having love and losing it. Those are so, so huge topics for each of us. And I’m not afraid of singing about hard stuff either.  Like, for instance, on my latest studio album, “Waiting for the Daylight”, I was singing about bullying in schools, like when you’ve been left out in a friendship group, I think that’s such an important topic, and the title track called “Waiting for the Daylight” was written during the pandemic. Through music I like to express myself and my emotions. For me it is a therapy and I hope and it is for some of my listeners, it’s definitely that as well.  I don’t really know where the inspiration comes from. Of course, I’ve studied music, so I have some tools to work with; one has some theory and musical ideas and different instruments. You get the emotion, the lyrics, and then there’s a bit of magic happening together. It’s hard to explain how it happens, but it’s magic. I start with a guitar riff, or a tune, or you have some lyrics that you want to transform into music, or it may happen anything of this. Sometimes it’s just a melody I hear in my head, and then I’m just singing whatever on top of that, making up quick, some lyrics just to make it sound reasonable. So there are different variations about how I write songs. 

How did it happen that you turned more into hard rock music? It was some listening you made or it’s just an evolution of your music?
I know it’s an evolution. It must be that. But since I was 15, I was listening to Led Zeppelin, Black Sabbath, Deep Purple, and such. So I always kind of had that in me but I still went towards the Blues. I was in the Blues box very long time, and just in recent years, I’ve started to be very open with songwriting and being more courageous and not thinking if I’m in the Blues box or whatever, Jazz box, Rock box: wherever I can use all of those elements in my music, that’s fine. And I’m improving myself as a guitar player, I’m adding more effects on my guitar playing, different sounds. I’m not afraid to try out new things, just playing the Blues without any effects, I’ve done that already. So now I want to have fun and go crazy with guitar. 

What do you think of the other female blueswomen, all these girls that, you know, they make the same hard work as you? 
Of course I’m happy to see the change, what’s happening out there because I started to play guitar over 30 years ago, and there wasn’t too many women doing it back then. And nowadays I see lots of them, so it’s kind of, it’s such a huge change. I think it’s a good development, definitely.  But music shouldn’t be gender based.

Shortly you are going to be performing with a symphonic orchestra, what other future plans have you got?
Yes, I will be playing my music with a whole symphonic orchestra. I think that’s gonna be just amazing. That’s my first symphony orchestra show.  I’ve played gigs with big bands, you know, but it’s different to have a symphonic orchestra. Maybe at some point I will record some music with such an orchestra, who knows? At the moment, I’ve already started to write new music and I was just recently demoing the songs, I’m very excited to go back to studio and start working! But the present challenge is the amount of gigs I’m playing this year. We have a little bit less than 40 shows until by the end of May. I would love to come to Italy. That’s something that we should definitely do. One can find any information on my website, on my social media channels, or subscribe to my newsletter.

Thank you for having me Erja!
Thank you Francesca, I hope to see you at one of my concerts!

Articolo di Francesca Cecconi

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!