#iosonodacasa bilancio

#iosuonodacasa, i fondi raccolti non sono generosi   Rock Nation ha aderito con entusiasmo al progetto #iosuonodacasa, ideato da Rockol.it e promosso da quattordici testate musicali italiane, con uno spirito di condivisione bellissimo. Tanti sono

#iosuonodacasa

#iosuonodacasa, i fondi raccolti non sono generosi

 

Rock Nation ha aderito con entusiasmo al progetto #iosuonodacasa, ideato da Rockol.it e promosso da quattordici testate musicali italiane, con uno spirito di condivisione bellissimo. Tanti sono i progetti per raccogliere fondi per supportare le risorse necessarie per fronteggiare la pandemia da COVID-19, ma questo è quello più a noi vicino, perché fatto intorno alla musica, ai live che ormai sono soltanto dalle abitazioni degli artisti. Sono passate quasi 4 settimane, e sono stati raccolti soltanto 43.000,00 euro. Non molti, vista l’offerta abbondante di dirette proposte. Il lavoro fatto dagli organizzatori è immenso, ogni giorno trovate pubblicato il calendario aggiornato con precisione. Qui sotto le riflessioni di Franco Zanetti di Rockol.it

Domani 7 aprile saranno passate quattro settimane da quando abbiamo iniziato il progetto #iosuonodacasa. Quattordici siti musicali italiani hanno messo da parte concorrenza e rivalità per unirsi con due scopi ben precisi.

Il primo era quello di dare la maggiore visibilità possibile ai concerti “da casa” che molti artisti italiani hanno deciso di offrire ai loro fan, trasmettendoli via Instagram e/o Facebook. E diremmo che questo obiettivo è stato raggiunto: ogni giorno, per quattro settimane, i quattordici siti (Allmusicitalia, Frequenza Italiana, Musica dal Palco, Newsic, Ondefunky, Onstage, Optimagazine e Rockol, più bellacanzone.it, fourzine.it, ilmohicano.it, rocknation.it, spettacolo.eu, spettacolonews.com) hanno pubblicato e promosso ogni concerto “da casa” che abbia utilizzato l’hashtag #iosuonodacasa e lo abbia comunicato all’indirizzo email iosuonodacasa@gmail.com.

A oggi sono più di trecento i concerti che abbiamo messo in cartellone, di artisti famosi e di artisti sconosciuti, senza fare differenze. E pubblicando data e ora anche dei concerti in programma nei giorni successivi abbiamo consentito di evitare, per quanto possibile, inutili sovrapposizioni nella programmazione.
Il “marchio” #iosuonodacasa (che, lo ricordiamo, abbiamo preso a prestito da Vasco Brondi, a quanto ci risulta il primo ad utilizzarlo) ha avuto grande diffusione, ed è stato impiegato anche da molti che non hanno utilizzato il nostro servizio (niente di male, s’intende). E fin qui, grande soddisfazione per il risultato della nostra iniziativa.

L’altro scopo preciso di #iosuonodacasa è quello di raccogliere fondi sollecitando donazioni via sms o via telefono fisso al numero solidale 45527, concesso in uso dall’Associazione Nazionale Italiana Cantanti (in coda all’articolo tutti i dettagli utili per donare).

#iosuonodacasa, in cambio della promozione della loro attività, ha chiesto agli artisti di impegnarsi, durante il loro concerto “da casa”, a rendere sempre visibile il numero di telefono solidale e a sollecitare agli spettatori donazioni via telefono.
E qui, spiace dirlo, la nostra soddisfazione è decisamente minore.

Nonostante le nostre insistenze, e nonostante abbiamo inviato, a tutti quelli che hanno comunicato alla nostra email la data del loro concerto perché venisse promossa, un cartello da stampare e da tenere in evidenza durante la durata della loro esibizione, con il numero solidale al quale inviare donazioni (alcuni l’hanno fatto, e li ringraziamo; molti no); e nonostante abbiamo chiesto a tutti gli artisti che abbiamo ospitato nel nostro cartellone di sollecitare esplicitamente a chi li stava guardando da casa l’invio di un sms al costo simbolico di un biglietto, due euro! (alcuni l’hanno fatto, e li ringraziamo; molti no), ebbene, nonostante ciò le donazioni al 45527 sono state davvero insoddisfacenti.

Da quando è stato “aperto” il numero solidale, cioè da sabato 14 marzo, la somma raccolta tramite donazioni via SMS o via bonifico è 43.000 euro. L’obiettivo minimo per poter acquistare una postazione letto attrezzata è 70.000 euro: ne mancano ancora 27.000.

A noi sembra che una media di donazioni di poco più di 100 euro a concerto sia davvero scarsa.

A noi sembra che tutti quelli che guardano gratuitamente un’esibizione on line dovrebbero sentirsi moralmente in dovere di pagare un “biglietto virtuale” di due euro in beneficenza.

A noi sembra che chi si esibisce on line per il suo pubblico dovrebbe sentirsi in dovere di insistere per sollecitare donazioni.

Ecco: senza tanti giri di parole, siamo insoddisfatti e delusi. Continueremo a lavorare su #iosuonodacasa, ma ci auguriamo che d’ora in avanti ci siano più buona volontà e partecipazione, anche da parte degli artisti che promuoviamo e da parte del loro pubblico. Cerchiamo, per usare un eufemismo, di non fare una figura di merda.

 

 

Ti è piaciuto? Condividilo!

22/09/2021

Zucchero, Taormina

22/09/2021

Zucchero, Roccella Jonica

24/09/2021

Zucchero, Verona

24/09/2021

Piero Pelù, Firenze

25/09/2021

Zucchero, Verona

26/09/2021

City of the Sun, Milano

26/09/2021

City of the Sun, Bologna

26/09/2021

Omar Pedrini, Erba

27/09/2021

Sting, Taormina

06/10/2021

Zucchero, Firenze

23/10/2021

Ancillotti, San Marino

Agenda

Scopri tutti