14/07/2024

Ludovico Einaudi, Roma

14/07/2024

Escape the Fate, Milano

14/07/2024

Massimo Silverio, Locorotondo (BA)

14/07/2024

Porretta Prog Legacy, Porretta Terme (BO)

15/07/2024

Calexico, Milano

15/07/2024

Mogwai, Bologna

16/07/2024

Black Eyed Peas, Rho (MI)

16/07/2024

Cristiano De André, La Spezia

16/07/2024

Blue, Bologna

16/07/2024

Crocodiles, Marina di Ravenna (RA)

17/07/2024

Thomas Umbaca, Camaldoli (AR)

17/07/2024

Ludovico Einaudi, Stresa (VB)

Agenda

Scopri tutti

…A Toys Orchestra live Prato

Il concerto si svolge senza soluzione di continuità, niente presentazione dei brani, niente chiacchiere, solo musica

Ed ecco, che dopo tanto attendere, ma proprio tanto, è arrivato il concerto perfetto. Hallelujah. E mi mangio le mani per non aver visto prima …A Toys Orchestra dal vivo, mi sarei risparmiata questa attesa che pareva infinita.

Il 22 giugno è sabato sera dove c’è poca gente in giro a Firenze, anzi quasi nessuno, complice il ponte con il lunedì del santo patrono. Come spesso accade, sempre di più, per sentire buona musica, mi dirigo a Prato, città capoluogo confinante, e stavolta scopro una nuova venue, un giardino nascosto all’ombra della ciminiera di un antico lanificio, dal nome appunto di Ex-Fabrica. Quasi un giardino segreto, circondato da mura dove rampicano le rose, e dove l’erba è ancora verde. In più con ampio parcheggio a un tiro di schioppo. Si mette molto bene, penso tra me appena varco il cancello e mi dirigo al food truck per una birretta.

Stasera suonano i … A Toys Orchestra, e sono qui per questo. Li trovo seduti a uno dei tavoli a finire la cena, e chiacchierano con chiunque ne abbia voglia.

Concordo in linea di massima con Enzo Moretto quando canta Italian Rock Music makes me sick nel secondo brano del nuovo, attesissimo album, “Midnight Again”, uscito il 22 marzo sulla fiorentina Santeria Records , a distanza di sei anni da “Lub Dub”. Ma stavolta la musica italiana mi rende felice! Definire rock … A Toys Orchestra è limitante, comunque.

Tutto questo tempo di riflessione ha portato a un nuovo lavoro senza trucchi e affatto farcito di orpelli inutili, registrato prevalentemente in analogico utilizzando il digitale solo quando indispensabile, suonato da musicisti-pluristrumentisti raffinati e impegnati nella ricerca di un suono vero che racchiude semplicità e complessità in una fusione non semplice da raggiungere e da rendere fruibile a tutti senza trasformarla in qualcosa di cervellotico e plasticoso.

Ecco, il live racchiude gli stessi valori, la stessa visione.

I suoni sono incredibilmente perfetti, nonostante la quantità di strumenti sul palco e la giostra di musicisti che ruota intorno agli stessi. Ed è perfetto dalla prima all’ultima nota del concerto, quindi iniziamo con un plauso immenso al fonico che poi è la stessa persona che ha registrato e mixato l’album: Bruno Germano.

La sua conoscenza profonda della musica dei …A Toys Orchestra lo porta ad “orchestrare” la serata in modo eccellente, e riesce a gestire il tutto pure abbandonando ben quattro volte la consolle del mixer, per salire sul palco a imbracciare la chitarra elettrica, intessendo sulla trama musicale della band ottimi assoli.  

…A Toys Orchestra sono Enzo Moretto, cuore e autore della band, alla voce, chitarra, piano, tastiere; Ilaria D’Angelis alla voce, chitarra, basso, piano, tastiere; Raffaele Benevento al basso, chitarra, voce; Alessandro Baris alla batteria, percussioni, basso, chitarra, voce; Mariagiulia Degli Amori voce, piano, tastiere, basso, batteria, voce. E mi sa che forse mi sono scordata qualcosina di questa giostra intorno agli strumenti… Enzo Moretto a fine concerto presenta i suoi musicisti in modo ironico, non si può infatti fare presentazioni standard, ogni musicista ha suonato di tutto!

Il concerto si svolge senza soluzione di continuità, niente presentazione dei brani, niente chiacchiere, solo musica. Ma non pensiate che la band non abbia interagito con il pubblico, lo ha fatto semplicemente e sinceramente con gli sguardi, i sorrisi, e suonando con un’intensità che ha avvolto tutti i presenti, incantati sulle coperte stese sul prato, ma totalmente partecipi.

La scaletta pesca da “Midnight Agan” cinque brani, e spazia in tutti gli altri album, con un solo brano da “Lub Dub”.

Un’ora e mezzo abbondante di sola musica, senza disturbo, senza fumo, senza schermi, senza tecnici che sistemano e/o cambiano strumenti, questi musicisti professionisti si gestiscono tutto da soli, riuscendo a garantire un suono omogeneo, pulito, intimo, perfetto, nonostante l’alternarsi agli strumenti e alle relative pedaliere di controllo. Mai visto un concerto così perfetto, così coinvolgente, così vero.

I prossimi concerti:

Luglio: 3 Terracina (LT) – Tracce Festival; 5 Sesto al Reghena (PN) – Sexto ‘Nplugged; 7 Teramo – Remind Festival; 12 Paderno d’Adda (LC) – Pintupi Open Air; 13 Padova – Porto Vecchio Festival; 20 Bologna – Botanique; 24 Roma – Villa Ada; 25 Assisi (PG) – Riverock.

Agosto: 07 Marina di Ravenna (RA) – Peter Pan 3d; 9 Agropoli (SA) – Cilentart Fest; 10 Rivello (PZ) – Polifonie Music Festival; 11 Catanzaro Lido – Dalì Beach Club; 14 Montebello di Bertona (PE) – Rock Your Head Festival; 31 Torino – Todays Festival.

Set list A Toys Orchestra 22 giugno Prato

  1. Hallelujah
  2. Welcome to Babylon
  3. Goodbye day
  4. Wake me up
  5. Midnight Gospel
  6. Our souls
  7. Life Starts Tomorrow
  8. Backbone Blues
  9. My Heroes are all dead
  10. Miss U
  11. Invisible
  12. Look in your eyes
  13. Midnight (r)evolution
  14. Celentano
  15. Summer
  16. Lub Dub
© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!