18/07/2024

The Warning, Bologna

19/07/2024

Rufus Wainwright, Melpignano (LE)

19/07/2024

Marlene Kuntz, Bologna

19/07/2024

Vintage Violence, Soriano nel Cimino (VT)

19/07/2024

Vinicio Capossela, Otranto (BA)

19/07/2024

Tre Allegri Ragazzi Morti, Roma

19/07/2024

Teenage Dream Party, Sarzana (SP)

19/07/2024

Dropdead, Piacenza

19/07/2024

A Forest Mighty Black, Montecchio Maggiore (VI)

20/07/2024

Laufey, Gardone Riviera

20/07/2024

Nick Mason, Bologna

20/07/2024

Loreena McKennitt, Bard (AO)

Agenda

Scopri tutti

Giudi e Quani “Out of my way”

Teneteli d’occhio perché la possibilità che questi due volino lontano è molto concreta

“Out of my way” è il nuovo disco dei veronesi Giudi e Quani, in uscita il 19 gennaio preceduto dal singolo, con annesso video, “Fool yourself”. Sono probabilmente il gruppo che ogni agente di booking vorrebbe avere nel proprio roster: sono in due e con una punk attitude per niente secondaria. Qualità che per la logistica sono oro che cola. Ma non di booking siamo qui a parlare. Giudi e Quani scrivono il proprio nome in una lunga fila di cosiddetti Power Duo e con ogni probabilità potrebbero farlo anche fuori dallo stivale, ma noi vogliamo mettere il focus più sulle canzoni che sul numero dei musicisti.

Mi perdoneranno gli amanti del track by track ma non è proprio il mio stile. Mi piace più farmi inondare dalle canzoni e dal disco e poi raccontarvi cosa ho sentito.
Le canzoni sono piacevoli. E il disco è piacevole.
Attenzione: non diamo poco peso alla parola “piacevole”: è qualcosa che ti fa provare piacere. E le caratteristiche di un qualcosa di piacevole sono diverse e non tutte scontate. Per prima cosa il piacere chiama altro piacere, e deve essere fruibile, pronto, disponibile, abbondante. “Out of my way” lo è.
Poi il piacere deve essere goloso, intenso, attraente, accattivante e “Out of my way” lo è.
Ancora: il piacere deve in qualche modo svegliare qualcosa dentro, non importa tanto cosa ma deve fare rizzare le antenne, mettere sull’attenti, in stato vigile, in attività. E “Out of my way” lo fa. A tratti in modo anche sensuale. Insomma, non voglio continuare all’infinito. Ma come sempre cerco di descrivere sensazioni attraverso parole troppo piccole per contenerle. Un limite spesso invalicabile.

C’è qualcosa che ti travolge ma accarezzandoti, senza farti male mai. Se mi è concesso conierei la definizione di “disco-flirt” perché questa musica è esattamente quello che fa con chi la ascolta: flirta.
Rock, Garage, Punk, Soul, Blues sparsi qui li trovate tutti. Cercateli come un ragazzino cerca il suo gusto di gelato preferito per poi dire che semplicemente … gli piace il gelato, senza che sia importante se sia di pistacchio o di amarena. Finalmente un disco che si ascolta senza troppi patemi, senza troppo impegno ma senza risultare banale, mai caciarone, mai una nota fuori posto, mai una sbavatura, ma che bella botta! Che belle proposte di suono, che belle idee chitarristiche, e … che voce! Giudi e Quani sono pronti per il salto. Non c’è dubbio. Teneteli d’occhio perché la possibilità che questi due volino lontano è molto concreta. E ora lo rimetto da capo, otto brani tutti di fila. Perché il piacere è tale se lo puoi provare e riprovare.

Articolo di Bruno Giraldo

Tracklist “Out of my way”

  1. Fool yourself
  2. To the bone
  3. High school was a jail
  4. Gimme reasons
  5. Fear/Love
  6. Out of my Way
  7. Princess Prison
  8. Wrong

Line up Giudi e Quani: Giuditta Cestari voce, batteria / Francesco Quanilli chitarra e voce

Giudi e Quani online:
Facebook: www.facebook.com/giudiequani
Instagram: www.instagram.com/giudi_e_quani
YouTube: www.youtube.com/giudiequani
Web: www.giudiquani.wixsite.com/giudiequani

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!