23/02/2024

Appino, Livorno

23/02/2024

Appino, Livorno

23/02/2024

Stef Burns with Mr. Feedback, Bergamo

23/02/2024

Bengala Fire, Torino

23/02/2024

Piqued Jacks, Pistoia

23/02/2024

Davide Van De Sfroos, Saronno (VA)

23/02/2024

Any Other, Piacenza

23/02/2024

Rosko’s, Cusano Milanino (MI)

23/02/2024

Billy Cobham, Milano

23/02/2024

Menk’, Bologna

24/02/2024

Appino, Bologna

24/02/2024

Appino, Bologna

Agenda

Scopri tutti

Melancholia video-intervista

Nel loro “Time. Sleep” tour hanno macinato date su e giù per lo stivale, noi li incontriamo nell’appuntamento fiorentino

MELANCHOLIA foto_LiaBaccelli

Melancholia. Una ragazza, due ragazzi, giovani fuori, ma “navigati” dentro (lo so, lo so, voi usate un altro aggettivo). Giovanissimi anzi, ma sanno il fatto loro, e parecchio. Vengono dalla provincia, hanno sogni, hanno la musica dentro, non hanno timore di sputare sangue per … arrivare? No, in primis per esprimersi in modo personale e soprattutto libero, nell’accezione di rispettosi di sé stessi, della loro anima fresca, ribelle, curiosa, intensa, sensibile, aperta, impavida, sperimentale. E questo non soltanto durante la gavetta, ma anche poi, quando si aprono gli orizzonti, i grandi palchi.

Nel loro “Time. Sleep” tour hanno macinato date su e giù per lo stivale, tra luglio e fine settembre, noi incontriamo Benedetta, Filippo e Fabio prima del penultimo appuntamento, quello fiorentino all’anfiteatro Ultravox.

Articolo di Francesca Cecconi, foto di Lia Baccelli

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!