14/07/2024

Ludovico Einaudi, Roma

14/07/2024

Escape the Fate, Milano

14/07/2024

Massimo Silverio, Locorotondo (BA)

14/07/2024

Porretta Prog Legacy, Porretta Terme (BO)

15/07/2024

Calexico, Milano

15/07/2024

Mogwai, Bologna

16/07/2024

Black Eyed Peas, Rho (MI)

16/07/2024

Cristiano De André, La Spezia

16/07/2024

Blue, Bologna

16/07/2024

Crocodiles, Marina di Ravenna (RA)

17/07/2024

Thomas Umbaca, Camaldoli (AR)

17/07/2024

Ludovico Einaudi, Stresa (VB)

Agenda

Scopri tutti

Blicher Hemmer Gadd live Verona

Lo spirito del trio è un ritorno alle origini del Jazz

Il 14 settembre il Teatro Ristori a Verona inaugura la stagione 2023/24 proponendo un appuntamento jazz con artisti d’eccezione Cosa dire di Steve Gadd? Leggenda della musica, una carriera da session drummer che tocca diversi sottogeneri del Rock-Jazz-Pop; collabora con talmente tanti artisti di primo livello da non poter essere menzionati tutti – per citarne solo alcuni: Paul Simon, Eric Clapton, Chick Corea, Michael Petrucciani.

Il trio nasce nel 2014 dopo che Gadd incontra Michael Blicher (sax tenore) a una masterclass in Danimarca. Blicher gli fa ascoltare un album inciso con Dan Hemmer (organo Hammond) e quel modo di suonare intriga Gadd a tal punto da spingerli a un nuovo progetto da costruire assieme. Da quel momento ricercano un suono “onesto”, come lo definisce lo stesso Blicher: lo spirito del loro trio è un ritorno alle origini, un suono in acustico dove la ricerca del groove giusto e il dialogo con la musicalità che ciascuno sa esprimere è l’obiettivo principale. E infatti questo ha portato la fruttuosa produzione di ben 4 album: il primo “Blicher Hammer Gadd” nel 2014, il secondo “Omara” nel 2018, il terzo “Get That Motor Runnin’” nel 2019 e l’ultimo “It Will Be Alright” nel 2023.

Dal momento in cui salgono sul palco trasuda il loro modo di fare musica assieme, con la semplicità dell’amicizia e allo stesso tempo con la complessa ricerca dell’incastro “che funziona” a cui il Jazz vuole tendere. I primi tre brani sono eseguiti di seguito senza interruzioni da parte degli artisti: il primo mette in risalto il suono più dolce e vellutato del sax per poi passare gradualmente a un ritmo sempre più incalzante con il secondo e terzo dove Gadd dà il primo assaggio del suo groove unico al mondo.

Proseguono con un brano tratto dal loro ultimo album, “It Will Be Alright”;unsuono rilassato fa apprezzare particolarmente la tecnica dell’organo Hammond, prima scivolato poi più puntato a riempire gli spazi lasciati dal sax, un bel tuffo nel Jazz d’oro degli anni ‘50-‘60.

Con “Get That Motor Runnin’” (brano pensato da Blicher durante un viaggio in macchina) viene ripreso un ritmo insistente, dove la batteria esalta al massimo le potenzialità del sassofono che viene spinto progressivamente verso un suono accattivante, quasi graffiante nelle sue note spezzate sul finale. Con il successivo, “Lady Tambourine”, tratto dal loro ultimo album, in primo piano irrompe invece il dialogo dei tre strumenti: Gadd guida i suoi compagni attraverso un labirinto di controtempi che sembrano quasi naturali ma che nascondono un gioco di grancassa e piatti davvero pazzesco; questo fino all’assolo finale di batteria dove sono esaltati al massimo il talento e la precisione nella velocità del rullìo sul tamburo. Un vero spettacolo!

“Any Moment New” porta a un ritmo quasi di samba, molto rimbalzato; e fioccano di nuovo applausi e ovazioni. Hemmer e Gadd, seduti ai loro strumenti uno di fronte all’altro, accolgono con grandi sorrisi il calore del pubblico, che si emoziona a ogni assolo e si fa sentire con grida di approvazione; lasciano però che sia Blicher ad annunciare i brani e a raccontare qualche aneddoto sulla loro nascita ed esecuzione.

In “I Love It When You Smile” infatti il sassofonista danese spiega che vuole essere un brano dedicato alle persone che ognuno ha più care: si fa silenzio completo, una musica dolce e avvolgente riempie la sala, quella musica che ricorda la dolcezza dei primi lenti Jazz standars carichi di un sentimento nostalgico.

La serata volge al termine ma non prima di regalare “Korean Bbq” tratto dal loro secondo album: l’atmosfera che sanno creare riporta a quel carattere del Jazz sempre inquieto e ribelle, quel jazz che cerca di fuggire via dal ritmo perché nasconde sempre molto, molto di più; quel Jazz che questi grandi artisti vogliono condividere in tutte le sue forme donando a chi li ascolta un’esperienza da ripetere.

Articolo di Perla Suppi, foto di Michele Arduini

Set list Blicher Hemmer Gadd 14 settembre 2023 Verona

  1. The First One To Know
  2. Well I’m Not Really Much Of A Dancer
  3. Roll
  4. It Will Be Alright
  5. Get That Motor Runnin
  6. Lady Tamburine
  7. Any Moment New
  8. I Love It When You Smile
  9. In A Little Spanish Town
  10. Korean Bbq
© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!