30/05/2024

American Football, Milano

30/05/2024

Sgranar per colli & Bellavista Social Fest 2024, Buggiano (PT)

30/05/2024

Cor Veleno, Nerviano (MI)

30/05/2024

Nils Frahm, Milano

30/05/2024

Nils Frahm, Milano

30/05/2024

Vintage Violence, Novate Milanese (MI)

30/05/2024

Giorgio Canali & Rossofuoco, Roma

31/05/2024

Gabriella Martinelli, Firenze

31/05/2024

Diaframma, Buggiano (PT)

31/05/2024

Charlotte Sands, Milano

31/05/2024

Indie Head Quarter 2024, Malborghetto di Boara (Ferrara)

31/05/2024

Wacken Metal Battle Italy 2024, Firenze

Agenda

Scopri tutti

Duke Garwood live Fiesole

Nonostante la perdita dell’amico Lanegan, Garwood può tranquillamente continuare il proprio cammino da solo

Ci sarò passato almeno 20 volte davanti al Circolo Il Girone, tutte le volte che mi sono recato in Romagna attraverso il passo del Muraglione. Non avrei mai pensato che in questa piccola frazione all’inizio della tosco-romagnola (partendo da Firenze, ovvio) avrei assistito prima o poi a un concerto, men che meno all’unica data italiana del tour 2023 di uno degli artisti più evocativi degli ultimi tempi. Ci ha pensato l’Associazione La Chute, ormai uno dei promoter di punta dell’Italia centrale, chiamando Duke Garwood al Circolo Il Girone di Fiesole il 12 marzo.

Sì, Duke Garwood, il musicista inglese che ha all’attivo anche due album a doppio nome con il compianto Mark Lanegan, e che ha rilasciato da qualche mese il nuovo album “Rogues gospel”. Insieme a lui, sul palco, Paul May alla batteria e John J. Presley al basso. Il suono tipico di Garwood, ossia quel Blues denso e nebbioso che abbiamo imparato a conoscere negli ultimi anni, ha conquistato il numeroso pubblico fino dalle prime note di “Maharaja blues” e dall’incedere quasi lisergico di “Love comet”; pochissime parole fra una canzone e l’altra, solo applausi calorosi che Duke dimostrava di apprezzare sussurrando qualche timido thank you, andando subito a controllare l’accordatura della sua chitarra.

Qualche incursione negli album del passato (strepitosa “Heavy love”, magnifica la ballad “Sleep” eseguita solo voce e chitarra), anche se i presenti hanno più apprezzato l’incendiaria “Neon rain is falling” che ha avuto il merito di portare un deciso cambio di ritmo al concerto, proprio a fondo setlist prima dell’immancabile encore e del rito dei selfie e delle firme sui vinili. Proprio un gran bel concerto, che ha dimostrato che nonostante la tristezza per la perdita dell’amico Lanegan, Garwood può tranquillamente continuare il proprio cammino da solo: una manciata di dischi e concerti come questo sono lì a ricordarcelo.

Articolo e foto di Michele Faliani

Setlist Duke Garwood live Fiesole
1. Maharaja Blues
2. Heavy Motor
3. Love Comet
4. Blue
5. Disco Lights
6. Heavy Love
7. Deep as the Sun
8. Coldblooded The Return
9. Country Syrup
10. Rogues Gospel
11. Lion on Ice
12. Neon Rain Is Falling
13. Sleep
14. Burning Seas
15. I Can Wait

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!