Joe Barbieri live Prato

Le sue canzoni sono racconti dove elementi della vita di tutti giorni si trasformano in melodie da ascoltare

Abbiamo incontrato Joe Barbieri, cantautore e produttore napoletano, il 27 novembre 2021 sul palco allestito da Fonderia Cultart nell’azienda tessile Luilor di Montemurlo (PO), nell’ambito degli appuntamenti con le attività di turismo industriale proposte da TIPO (Turismo Industriale Prato), tra spettacoli, percorsi a piedi e visite nelle fabbriche e nei musei.

Barbieri, con uno spettacolo di sole voce e chitarra, ha dato il benvenuto lasciando che fosse la musica a parlare con “Niente di grave” dal suo nuovo progetto “Tratto da una storia vera” uscito in aprile per la Microcosmo Dischi. L’intero album è il resoconto di una vita ed è stato composto per ringraziare gli anni in cui è cresciuto, il pubblico e i musicisti che lo hanno ispirato oltre a tutte le persone incontrate. Il ritmo in crescendo sosteneva la voce vellutata svelandone la forte capacità interpretativa che gradualmente coinvolgeva tutto il corpo con piccoli movimenti, creando un insieme unico tra canzone e cantante. Subito dopo, l’attacco in fingerpicking e le piccole percussioni sulla chitarra di “In questo preciso momento” hanno scandito un ritmo di un lento dolce e intimo, talmente pieno di complicità da far desiderare di alzarsi dalle sedie e ballare.

Dopo i primi brani, Barbieri si è fermato per aprirsi e raccontare di sé e del significato che hanno per lui la canzone e la musica stessa viste nelle emozioni che cerca di suscitare. Si è soffermato sul valore della bellezza e di come questa sia il cuore di una ricerca che lega l’attività dell’artista a quella del distretto tessile di Prato.

La serata è stata un susseguirsi di canzoni tratte dal nuovo album e vecchi successi a cui si sono alternati altri racconti e confidenze che hanno creato un rapporto di immediata complicità con i presenti. Lo stesso pubblico è stato più volte chiamato dall’artista a diventare protagonista della serata con semplici vocalizzi e battiti di mani. In breve tempo lo spettacolo si è trasformato in momento di vera musica vissuta nella sua capacità di annullare il palco e creare una comunità per un effetto di coinvolgimento e condivisione totale.

Chitarra e voce si sono spesso scambiati i ruoli immerse tra sonorità sudamericane e jazz, le note sono diventate parole delicate oppure forti, briose o lente, come l’interpretazione nostalgica ma senza retorica di “Felicità”, cover di Lucio Dalla, o “Lacrime di coccodrillo”. Un gioco di schiocco di dita tra lui e il pubblico ha introdotto “Una tempesta in un bicchier d’acqua” per lasciare spazio a tonalità basse che sono cresciute in un brano che respira e fa respirare la voglia di rincorrersi e allontanarsi tra immagini poetiche e cinematografiche di un perfetto gioco d’amore. Con “Tu, io e domani”, Barbieri ha condiviso con i presenti quello che lui stesso considera “il puzzle centrale del quadro”, un brano che dà un senso a tutti gli altri proprio per la coralità che ne ha caratterizzato la genesi grazie ai colleghi Sergio Cammariere, Tosca, Fabrizio Bosso e Luca Bulgarelli.

Con l’interpretazione emozionante di “Lazzari felici” di Pino Daniele, Barbieri ha reso omaggio non solo all’artista che lo ha ispirato, ma anche a Napoli, alle sue origini e ai suoi primi passi nella musica con la band formata dal fratello e dal migliore amico e le prime canzoni scritte. Un passato che è tornato presente anche con le note di Malegria con cui si è chiuso il concerto: un’ultima esecuzione elegante e raffinata, ma anche accogliente e piena di un calore che ha avvolto i presenti nella calda coperta di note e calore.

Joe Barbieri si è confermato un musicista coinvolgente con una presenza elegante e accogliente sul palco. Le sue canzoni sono racconti che parlano di emozioni e voglia di vivere con la semplicità del cuore, dove elementi della vita di tutti giorni diventano immagini alternative e preziose che si trasformano in melodie da ascoltare.

Articolo di Alma Marlia, foto di Giulia Breschi

Joe Barbieri foto_GiuliaBreschi

Set list Joe Barbieri Montemurlo (PO) 27 novembre 2021

  1. Niente di grave
  2. In questo preciso momento
  3. Gira e rigira
  4. Fammi tremare i polsi
  5. Felicità (cover di Lucio Dalla)
  6. Una tempesta in un bicchier d’acqua
  7. In buone mani
  8. Cicale e chimere
  9. Lazzari felici (cover di Pino Daniele)
  10. ‘O surdato ‘nnamurato (cover di Califano/Cannio)
  11. Vedi Napoli e poi canta
  12. Tu, io e domani
  13. Lacrime di coccodrillo
  14. Zenzero e cannella
  15. Normalmente
  16. Microcosmo
  17. Malegria

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!

20/01/2022

Roberto Angelini, Torino

26/01/2022

Pier Cortese, Bologna

27/01/2022

Cheap Wine, Bergamo

27/01/2022

Mogwai, Milano

28/01/2022

Nada, Prato

28/01/2022

Cheap Wine, Pavia

28/01/2022

Mogwai, Roma

29/01/2022

Mogwai, Modena

01/02/2022

Boston Manor, Milano

05/02/2022

Jethro Tull, Varese

06/02/2022

Jethro Tull, Padova

07/02/2022

Jethro Tull, Milano

Agenda

Scopri tutti