27/02/2024

Yann Tiersen, Padova

27/02/2024

X Ambassadors, Milano

27/02/2024

Nothing But Thieves, Milano

28/02/2024

Galoni, Roma

29/02/2024

Davide Van De Sfroos, Milano

29/02/2024

Any Other, Bologna

29/02/2024

Bobo Rondelli, Firenze

01/03/2024

Appino, Perugia

01/03/2024

Appino, Perugia

01/03/2024

N*O*Y*S*E, Mezzago (MB)

01/03/2024

David Ellefson (ex Megadeth), Bergamo

01/03/2024

Giorgio Canali & Rossofuoco, Milano

Agenda

Scopri tutti

Mick Harvey live Bologna

Harvey è sul palco del Locomotiv con Amanda Acevedo, JP Shilo & Sometimes With Others

Sono passati nove anni da quando riuscii a portare a Livorno Mick Harvey per l’unica data italiana di quel tour, quello di promozione al quarto capitolo dedicato al catalogo di Serge Gainsbourg. In questi anni sono cambiate tante cose, io e Mick abbiamo parecchi capelli bianchi in più ma lui mantiene un’aria da ragazzino come se fosse Dorian Grey, il locale dove suonò è come se non esistesse più e in mezzo c’è anche stata la pandemia, che ha finito per dilatare ancora di più i tempi.

Arrivo al Locomotiv Club di Bologna verso le 18 del 9 maggio, mi godo il soundcheck e prima di cena c’è anche il tempo di uno shooting nel bel giardino di via Serlio, per una cosa che sta per accadere e della quale vi parleremo fra poco più di un mese. E quando l’orologio segna le 21:20 Mick Harvey, JP Shilo e lo straordinario quartetto dei Sometimes With Others salgono sul palco, e Harvey dice scherzando Scusate se cominciamo così presto, iniziando con un paio di brani di JP Shilo, straordinario songwriter, cantante e chitarrista australiano autore di un paio di album che vi straconsigliamo.

Le atmosfere sono ovviamente quelle del Rock From Down Under che oltre a Mick Harvey, e di conseguenza Nick Cave, vede i Dirty Three, Hugo Race e i poco conosciuti Midnight Scavengers, tra i protagonisti che più ci piacciono: sonorità calde ritmi che derivano dal Blues, con contaminazioni fra Psichedelia e New Wave. Harvey per ora sta seduto al piano, si mette a servizio dei colleghi di palco e lascia che i Sometimes With Others incantino con le canzoni del loro album “Nous” e con la bellissima voce della cantante Mika Bajinski.

Tra il pubblico c’è anche qualche musicista a noi caro, che sembra apprezzare parecchio, anche quando sale sul palco Amanda Acevedo, cantante messicana classe 2000 che a settembre sarà sul mercato con un album a doppio nome proprio con Mick Harvey. Un album che conterrà sia cover opportunamente filtrate attraverso la loro sensibilità che brani inediti.

E infatti la parte finale del primo tempo vede due strepitose cover di Tim Buckley (“Song to The Siren” e “Phantasmagoria in Two”) che mettono in mostra le doti di Amanda, già perfettamente a proprio agio anche accanto a un mostro sacro di Harvey.

Una irriconoscibile e splendida versione di “Love is a Battlefield” di Pat Benatar, rallentata e trasformata in una ballad disperata e spaccacuore, porta all’intervallo di un quarto d’ora, che serve soprattutto ai fumatori. Si riparte con lo stesso schema della prima parte, ovvero tutti i musicisti ad alternare canzoni prima di uno e poi dell’altro, ed è davvero difficile trovare il momento migliore della serata.

Il mio amore per la musica sudamericana trova pieno appagamento con la Acevedo che canta, in maniera davvero convincente, “Mi unicornio azul” di Silvio Rodriguez (credevo che solo Fossati fosse in grado di tradurre efficacemente l’immenso cantautore cubano, ma mi sbagliavo) e “Al alba” di Luis Eduardo Aute, ma c’è anche spazio per due inediti dell’album, che a giudicare da quello che abbiamo ascoltato stasera sarà un’autentica bomba, e per altre gemme di Shilo e dei SWO.

Non poteva mancare il bis, con Harvey che riporta in vita Gainsbourg con “Bonnie & Clyde”, e con i Sometimes che eseguono un’incendiaria, lunghissima e incredibile versione blues di “Whole lotta love” dei Led Zeppelin.

Dopo solo applausi, applausi ed ancora applausi per un gruppo di artisti che ha regalato una serata unica e bellissima.

Articolo e foto di Michele Faliani

Setlist Mick Harvey, Amanda Acevedo, JP Shilo & Sometimes With Others 9 maggio Bologna

  1. Invisible You (JP Shilo song)
  2. Voodoo Talking (JP Shilo song)
  3. Naked When You Come (The Lollipops cover)
  4. The One (Sometimes With Others song)
  5. Hey Hey, Les Chevaux (Sometimes With Others song)
  6. Tamed (Sometimes With Others song)
  7. Song to the Siren (Tim Buckley cover)
  8. Phantasmagoria in Two (Tim Buckley cover)
  9. Love Is a Battlefield (Pat Benatar cover)
  10. I Hear a New World (JP Shilo song)
  11. The Blue Unicorn (Silvio Rodríguez cover)
  12. Al alba (Luis Eduardo Aute cover)
  13. She Won’t (Mick Harvey song)
  14. Milk + Honey (Mick Harvey song)
  15. Misty Light (JP Shilo song)
  16. In Time (JP Shilo song)
  17. Widow’s Peak (JP Shilo song)
  18. Easy as a Gun (Sometimes With Others song)
  19. Know It (Sometimes With Others song)
  20. Untitled (Sometimes With Others song)
  21. Bonnie & Clyde (Serge Gainsbourg cover)
  22. Whole Lotta Love (Led Zeppelin cover)
© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!