03/03/2024

Appino, Roma

03/03/2024

Appino, Roma

03/03/2024

Shawn James, Milano

03/03/2024

James Senese JNC, Agrigento

03/03/2024

Suicide Silence, Milano

03/03/2024

Filippo Graziani, Milano

04/03/2024

Shawn James, Bologna

04/03/2024

Adam Bomb, Sacile (PN)

05/03/2024

IDLES, Milano

05/03/2024

Tinlicker, Milano

05/03/2024

Kim Petras, Milano

06/03/2024

Appino, Trento

Agenda

Scopri tutti

Musica per Prato

Bluagata, Porto Flamingo, Edipo e il suo complesso, Paolo Benvegnù, i Legno, Finaz, Simona Bencini, Irene Grandi e molti altri

Il 27 dicembre nel bellissimo Teatro Politeama Pratese abbiamo assistito a una serata intensa di musica, senza genere e di immensa qualità, per raccogliere fondi e sostenere il Comitato “Città di Prato – Pro Emergenze” Onlus che si adopera dall’inizio di novembre, per la precisione da quello sciagurato 2 novembre quando il maltempo ha flagellato la Toscana, per portare aiuto e sostegno alla popolazione della città toscana.

Il concerto è stato pensato e coordinato da uno dei musicisti figli di questa orgogliosa città, che nonostante il successo non l’ha mai lasciata: jl chitarrista Riccardo Onori, che ha radunato intorno a sé molti musicisti amici concittadini e non solo. Una lunga preparazione, prove accurate, e tutto è risultato perfetto, grazie anche alla preziosa organizzazione di Fonderia Cultart.

Sul palco, chi per un brano, chi per due e a volte tre, si sono susseguiti: Giuseppe Scarpato, Danny Bronzini. Bluagata, Porto Flamingo, Luca Floridi, Costì, Blebla, Fabio Fantini, il grande ritorno su un palco di Edipo e il suo complesso (acclamatissimi), Sabina, Marco Cocci, Paolo Benvegnù, i Legno, Finaz, Simona Bencini, Irene Grandi.

A parte l’ultima artista, tutti accompagnati da Riccardo onori alla chitarra, Marco Polidori al basso e Michele Papadia alle tastiere, con intermezzi comici, la testimonianza di uno degli operai della GKN, e l’accorato intervento del sindaco Biffoni, che ha fatto un discorso apolitico e sincero (per poi restare sul palco a cantare coralmente).

Il gran finale ha visto rientrare tutti gli artisti insieme sul grande palco per una bellissima versione corale de “L’anno che verrà” di Lucio Dalla.

Iniziativa bellissima, oltre tre ore di musica senza filtri, senza schemi, fatta solo con il cuore, e tanta perizia.

Articolo e foto di Francesca Cecconi

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!