30/05/2024

American Football, Milano

30/05/2024

Sgranar per colli & Bellavista Social Fest 2024, Buggiano (PT)

30/05/2024

Cor Veleno, Nerviano (MI)

30/05/2024

Nils Frahm, Milano

30/05/2024

Nils Frahm, Milano

30/05/2024

Vintage Violence, Novate Milanese (MI)

30/05/2024

Giorgio Canali & Rossofuoco, Roma

31/05/2024

Gabriella Martinelli, Firenze

31/05/2024

Diaframma, Buggiano (PT)

31/05/2024

Charlotte Sands, Milano

31/05/2024

Indie Head Quarter 2024, Malborghetto di Boara (Ferrara)

31/05/2024

Wacken Metal Battle Italy 2024, Firenze

Agenda

Scopri tutti

Thalia Zedek Band live Firenze

Il marchio di fabbrica rimane il suo cantautorato scuro e “spettinato”, ricco di venature blues

Thalia-Zedek-Band-foto_Michele-Faliani

È da poco uscito “Perfect vision”, il nuovo album della Thalia Zedek Band, e puntualissima è arrivata una data del tour promozionale della musicista bostoniana nel sempresialodato locale fiorentino “Progresso” della sempresialodata Associazione La Chute. Qualche cambiamento nella line up della band – per esempio non c’è David Michael Curry, occupato in altri progetti al momento, e con Thalia sul palco salgono Kaethe Hostetter (violino), Dave Bryson (batteria) e Winston Braman (basso).

Si parte con un piccolo ritardo alle 22,05 con un’accoppiata dall’ultimo lavoro, “Smoked” e “Cranes”, ma ci sarà addirittura più di un ripescaggio da quel “Been here and gone” fresco di ristampa, che ha rappresentato l’esordio da solista della Zedek dopo le esperienze con gli Uzi e – soprattutto – con i Come dell’amico Chris Brokaw. Il marchio di fabbrica rimane il suo cantautorato scuro e “spettinato”, ricco di venature blues e di quell’indie americano che ha segnato l’inizio dei ’90.

Atmosfere ruvide, oscure, che si arricchiscono delle melodie della brava violinista Kaethe e di una grandiosa sezione ritmica. E, non al centro del palco come qualsiasi leader di una band ma spostata sulla sinistra del palco, una Thalia Zedek indiavolata, con la sua voce graffiante e la sua Hagstrom sulla quale campeggia da anni la scritta FUCK NAZIS, ad eseguire una dozzina che (di questi tempi) sono un pugno nello stomaco come “Fighting season” (If you wanna fight then fight, You don’t have to have a reason).

L’unico rimpianto della serata è dato dalla scarsa durata del concerto (circa 50 minuti), causato dal coprifuoco che scatta alle 23 a causa di qualche vicino troppo solerte nel chiamare la polizia, magari un altro paio di canzoni avremmo potuto ascoltarle. Ma questo è stato uno dei quei concerti in cui la quantità non è certo la cosa principale.

Articolo e foto di Michele Faliani

Set list Thalia Zedek Band Firenze 4 marzo 2022

1. Smoked
2. Cranes
3. Everybody Knows
4. Overblown
5. Treacherous Thing
6. Revelation Time
7. From the Fire
8. Desanctified (Full Circle)
9. Remain
10. Fighting Season
11. 1926 (V cover)
12. Ladder

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!