22/07/2024

Loreena McKennitt, Roma

22/07/2024

Kool & The Gang, Bologna

22/07/2024

Goran Bregovic, Ostia Antica (RM)

22/07/2024

Max Gazzé, Sarzana (SP)

22/07/2024

Banco Del Mutuo Soccorso, Agerola (SA)

22/07/2024

Vasco Brondi, Roma

23/07/2024

JB, Montefiascone (VT)

24/07/2024

Loreena McKennitt, Udine

24/07/2024

Marlene Kuntz, Roma

24/07/2024

Cristiano De André, Cernobbio (CO)

24/07/2024

Lauryyn, Rocca di Braccio (PG)

24/07/2024

Kool & The Gang, Taranto

Agenda

Scopri tutti

The Winery Dogs live Bologna

Occorre davvero reggersi forte perché insieme questi musicisti blasonati sono spaziali

Ritorna in Italia, per una data unica fissata per l’1 novembre 2023 a Bologna, un gruppo, anzi un super-gruppo, di vere punte di diamante del Rock: potenti, autentici e, occorre dirlo, tecnicamente perfetti: sono i The Winery Dogs.  L’Estragon Club è una location di riferimento nel panorama musicale, più che adatta per accoglierli, così come lo è una stella del panorama Rock italiano che ha l’onore e il piacere di aprire la serata: Gennaro Porcelli, chitarrista di enorme bravura e con un mare di collaborazioni alle spalle. Gennaro e il suo gruppo suonano un Blues convincente e incisivo, tutto quello che vorresti ascoltare per iniziare con l’energia giusta; la sua voce dal timbro basso quasi graffiato accompagna al meglio i virtuosismi di un crescendo di ritmo e velocità tipico del blues; davvero bravissimo. Ci presenta brani dal suo ultimo lavoro “Me, You and the Blues (la nostra recensione e la nostra intervista).

Gennaro Porcelli

Il palazzetto nel frattempo si riempie di chi ha una voglia matta di ascoltare questi mostri sacri del Rock, e siamo in tanti: quando The Winery Dogs vengono illuminati dalle luci del palco, esplode all’unisono in un’ovazione come una scarica di adrenalina. Sono Richie Kotzen voce e chitarra, Billy Sheehan al basso e Mike Portnoy alla batteria, e potremmo anche fermarci qui. 

Solo che c’è tanto, troppo da dire; per citare lo stesso Portnoy in un’intervista rilasciata dopo l’uscita del loro ultimo album (“III”, Febbraio 2023) È come un circo a tre piste: non importa chi tu stia guardando o ascoltando, ti divertirai sempre. Ed è proprio così: l’orecchio salta da un componente all’altro perché vorrebbe cogliere il piacere del loro talento ma nel frattempo loro dialogano talmente bene che tutto ciò che fanno è comunque parte di un grande spettacolo. 

Ognuno di loro può vantare una grandissima carriera e numerosi riconoscimenti ai più alti livelli. 
Richie Kotzen, da musicista prodigio (a soli 7 anni si ritrova in tournée) ha sempre portato avanti progetti da solista come anche partecipazioni con grandi gruppi quali i Poison e i Mr. Big, dove sostituisce Paul Gilbert dal 1997 al 2002. Billy Sheehan è stato definito il miglior bassista rock al mondo dalla testata Guitar Player: cofondatore dei Mr. Big, ha collaborato con numerosi musicisti del calibro di Joe Satriani e David Lee Roth. Mike Portnoy, co-fondatore dei Dream Theater assieme a John Petrucci e John Myung, ha ricevuto il premio come “miglior batterista progressive rock/metal” per ben 12 volte consecutive.

Con queste premesse occorre davvero reggersi forte perché insieme sono spaziali. La batteria ha una potenza che solo Portnoy sa sprigionare, abbinata a una velocità quasi disumana e a una pulizia del tocco che non sembra possibile poter raggiungere. Il basso di Sheehan si amalgama alla perfezione nel dare continuità ai brani mentre la chitarra di Kotzen sembra che voglia infilarsi tra i controtempi del rullante, anche lei troppo veloce per sembrare vera. 

È evidente che il loro enorme talento gli consente di essere autentici, quasi “liberi” dai vincoli materiali degli strumenti e della voce, per lasciarsi andare in quello che è il loro obiettivo, ovvero dare alle persone un’esperienza d’ascolto realmente piacevole, come ha detto in passato lo stesso Kotzen. 

E ci riescono, soprattutto perché tutti i brani sono anche molto orecchiabili; come se riunissero sonorità già conosciute in mille altri pezzi fondamentali del Rock e allo stesso tempo assolutamente originali. 

Non sono preoccupati di rientrare in certi canoni o di non sembrare fedeli al loro modo di fare musica perché raccontano quello che sono. Si potrebbero definire dei “creatori del Rock” perché suonano ciò che vivono, senza forzature o artifici, quasi che la musica fosse tanto naturale come respirare: semplicemente eccezionali.

Articolo di Perla Suppi, foto di Michele Arduini

Set list The Winery Dogs 1 novembre 2023 Bologna

  1. Gaslight
  2. Xanadu
  3. Captain Love
  4. Hot Streak
  5. Desire
  6. Mad World
  7. Stars
  8. Damaged
  9. Drum Solo
  10. The Other Side
  11. Bass Solo
  12. The Red Wine
  13. I’m No Angel
  14. Oblivion
  15. Regret
  16. Elevate
© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!