14/07/2024

Ludovico Einaudi, Roma

14/07/2024

Escape the Fate, Milano

14/07/2024

Massimo Silverio, Locorotondo (BA)

14/07/2024

Porretta Prog Legacy, Porretta Terme (BO)

15/07/2024

Calexico, Milano

15/07/2024

Mogwai, Bologna

16/07/2024

Black Eyed Peas, Rho (MI)

16/07/2024

Cristiano De André, La Spezia

16/07/2024

Blue, Bologna

16/07/2024

Crocodiles, Marina di Ravenna (RA)

17/07/2024

Thomas Umbaca, Camaldoli (AR)

17/07/2024

Ludovico Einaudi, Stresa (VB)

Agenda

Scopri tutti
A Will Away

A Will Away “Stew”

Un hit album che racchiude dieci anni di carriera, piccola ricerca nelle radici del Folk-Rock a stelle e strisce

Esce il 18 di marzo 2022 il nuovo disco degli A Will Away per la Rude Records: “Stew”. A circa cinque anni di distanza da “Here Again” il quartetto di Naugatuck ripropone la formula vincente che oscilla fra Emo-Pop e Alt-Rock, un disco senza tantissimi fronzoli, coriandoli o complicazioni. Qualcuno dall’altra parte dello schermo urlerà al monotono, banale, monotematico e compagnia cantante, ma signori miei bisogna sottolineare che se la ricetta del Big Mac rimane immutata dal 1967 qualche motivo ci sarà.

A tutti piacciono i fronzoli e la complicazione e son stato uno dei primi, per esempio, ad accettare il cambio di direzione dei Foxing con il completo abbandono della componente classica del Post-Emo made in Midwest per l’avvicinarsi a delle sonorità più Indie-Pop. Oppure accettare completamente la distruzione degli At The Drive In dopo “Relationship Of Command” e intonare una osanna per “De-Loused In The Comatorium” l’anno successivo, dove Omar e Cedric riscrissero il Prog-Rock in chiave moderna mentre Jim Ward continuava a dettare legge nel Post-Harcore con gli Sparta di “Wiretap Scars”.

Quindi non c’è bisogno di cambiare se si creano ancora hit songs come “Re-up’ di sicuro uno dei pezzi che funzionano di più nell’album, melodico e accattivante con una struttura ritmica incastrata ad hoc. Interessante la scelta pseudo-americana di “Matchstick”, vero e proprio esercizio di stile e di sicuro un qualcosa di completamente diverso fra le undici tracce del disco.

Dieci anni di esperienza alle spalle, tre album e d una serie interminabile di Ep e Split hanno dato la confidenza e la forma mentis per creare uno piccolo capolavoro come “I’ve Got A Five” traccia che include elementi Alternative con una shakerata di Pop-Rock e una spolverata di questa nuova tendenza Folk che sembra passare in modo trasversale nel disco (e chissà, forse predominante nel prossimo disco). La scelta di “Karma” come ultimo singolo, dopo “Spittin’ Chiclets” e “Re-Up” e a mio avviso un salutarci dall’altra parte del fiume e farci capire che i quattro sono ancora qui a fare quel che sanno fare meglio.

Un hit album che racchiude dieci anni di carriera, la voglia di non cambiare mai e una piccola ricerca nelle radici del Folk-Rock a stelle e strisce.

Articolo di Alessandro Marano

Tracklist “Stew”

  1. The Rock
  2. Karma
  3. Spittin’ Chiclets
  4. I’ve Got A Five
  5. Parachute
  6. Hereditary
  7. Re-Up
  8. Matchstick
  9. Montezuma Blue
  10. Speechless
  11. Rubbed Out

Line Up A Will Away:  Matthew Carlson Chitarra Ritmica e Voce / Shean Dibble  Batterie / John McSweeney Basso e Voci /Manuel Fonseca Chitarra e Voci

A Will Away online:
https://www.facebook.com/awillawayct
https://www.ruderecords.com/artist/a-will-away/
https://open.spotify.com/artist/3E5tLMdfD5wjBXI0hV6L2E

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!