14/04/2024

Dotan, Milano

14/04/2024

Myrkur, Milano

14/04/2024

Yard Act, Milano

16/04/2024

Patrick Wolf, Roma

16/04/2024

Erlend Øye & La Comitiva, Milano

16/04/2024

Cristina Donà e Saverio Lanza, Pisa

16/04/2024

Spite, Milano

16/04/2024

Tré Burt, Savona

17/04/2024

Benjamin Ingrosso, Milano

17/04/2024

The Jesus And Mary Chain, Milano

17/04/2024

Erlend Øye & La Comitiva, Torino

17/04/2024

Patrick Wolf, Milano

Agenda

Scopri tutti

Danjlo “Post Internet”

L’ultima realizzazione di un artista poliedrico, confezionata in un originalissimo dispositivo elettronico

È uscito il 7 aprile su Soundinside Records “Post Internet” di Danjlo, pseudonimo del polistrumentista e produttore Danilo Turco, album che si nota prima di tutto per il formato fisico: una scatola contenente un chip con auricolari, definita dall’artista una “time-capsule” proveniente dal futuro, un vero e proprio dispositivo elettronico, capace di riprodurre autonomamente l’album. Toccando una levetta si accende un led, la scatola si illumina di rosso e la musica inizia … Insomma un concept-album che non è solo musicale e testuale, ma anche visivo, a testimonianza che Danjlo è un artista tutto tondo, capace di fornire suggestioni visive e tattili oltre che musicali. Si tratta del suo terzo lavoro da solista dopo i precedenti “Sette Domande da fare allo Specchio” (Lamanodedios, 2020) e “Il Minuscolo Abisso” (Lamanodedios, 2020) e dopo il primo EP “Tennis” (Mamely, 2018).

L’ascolto dell’album potrebbe venir voglia di ascriverlo al genere Trip-Hop e in effetti l’opera appare una sorta di viaggio mentale, che a volte sconfina nel Rap altre volte nella ricerca delle sonorità particolari, e che poco si ricollega alle radici dei precedenti album, abbastanza diversi come stile.Si potrebbe dire che si tratta di un’evoluzione artistica dai lavori di prima, più ritmati, più melodici, anche meno criptici.

Nel complesso l’album, fra l’altro anticipato dal singolo “Nella testa dello scemo”, ha una buona omogeneità musicale, uno stile singolare, con alcuni brani che si distinguono. In particolare “L’alieno” con suoni particolari, un effetto stereo iniziale così incisivo da notarsi, volute dissonanze e il tema della diversità evidenziato dal testo, dell’alterità rispetto al mondo attuale. Qui l’autore sembra costituire un parallelo con il re Ludwig II di Baviera, anche lui produttore di musica (quella di Richard Wagner) come Danjlo, anche lui che si sentiva alieno in questo mondo, travolto da una solitudine esistenziale che terminerà con la morte per suicidio e in effetti anche in questo album c’è un pezzo che si intitola “Il suicidio”. Ma ne “L’alieno” si incontra anche il tema della falsificazione, della bugia reiterata, che ormai, come lapidariamente sentenzia Danjilo “Per tutti è normale”.

Altro pezzo che si nota, questa volta per il ritmo, è “Il posto impossibile” dove i suoni di synth sono ben abbinati con il testo: “Perdo la testa quando il mio cervello è regalato a tutti questi personaggi con la testa vuota”. Ancora, “Il suicidio”, con quel testo incisivo, con l’idea della mosca sulla testa, fortemente connessa a quel penetrante suono di synth, con le parole “mi fa strada lentamente alla finestra”, un pezzo che termina in modo musicalmente apodittico e proprio per questo fa vivere l’inesorabilità dell’atto estremo.

Si notano anche altri due pezzi. “Post internet”, che poi dà il titolo all’album, con quelle sonorità iniziali molto belle e il mescolarsi della voce con in suoni, mentre il sottofondo di batteria elettronica tesse una ragnatela ritmica particolare. “Acqua”, dove le sonorità accompagnano il testo facendo immaginare all’ascoltatore una serie di parallelismi, acqua e cielo, acqua e terra, l’omnicomprensività dell’acqua che tutto ricopre, tutto avvolge, tutto ingloba, ma anche tutto costituisce, il ritmo martellante qualcosa come il suono di una fucìna sempre più martellante per poi stemperarsi, per aprirsi definitivamente pur mantenendo di sottofondo il ritmo che nella fase finale prevale su tutto. Riepilogando il tutto, si tratta di un artista completo e la dimostrazione è questo album di nove pezzi dai titoli emblematici, da lui scritti, suonati, registrati e mixati. Danjloè in tour per presentare il disco, un occasione per scoprirlo; sarà il 24 maggio al germi di Milano e il 25 maggio al Boogie Club di Roma.

Articolo di Sergio Bedessi

Tracklist “Post Internet”

  1. L’alieno
  2. Nella testa dello scemo
  3. Il posto impossibile
  4. Post Internet
  5. Regina del niente
  6. Il suicidio
  7. Gemelli
  8. Il sistema
  9. Acqua

Line up: Danjlo voce, synth, batteria, basso

Danjlo online:
Facebook https://www.facebook.com/danjloishere
Instagram https://www.instagram.com/danjloishere
Web https://danjlo.onuniverse.com/

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!