05/02/2023

Dropkick Murphys, Jesolo

05/02/2023

Strana Officina, Pescara

05/02/2023

Blindur, Genova

05/02/2023

Caterina, Roma

08/02/2023

Electric Callboy + Holding Absence, Milano

08/02/2023

Foy Vance, Milano

08/02/2023

Pvris + Charlotte Sands, Milano

08/02/2023

Beast in Black, Trezzo sull’Adda

09/02/2023

Foy Vance, Bologna

09/02/2023

Foja, Roma

10/02/2023

Diaframma, Bergamo

10/02/2023

Fanfara Station, Poggibonsi

Agenda

Scopri tutti

Fantasmi dal Futuro “Io non voglio” video-première

Sano e robusto Alt Rock, in cui a tratti emergono aspetti più Hard/Stoner

La rock band Fantasmi dal Futuro irrompe sulle scene musicali con il brano “Io non voglio”, singolo che anticipa il debut album in arrivo l’11 marzo per Seahorse Recordings, in video-anteprima su Rock Nation.

Il progetto prende il via nel 2018 dall’incontro di un trio eterogeneo di musicisti già attivi nella scena musicale veneta: Davide Dalla Pria (basso e voce nei Polar For The Masses) si aggrega al duo già formato da Denis Forciniti e Luca Zordan (rispettivamente chitarra e batteria nei Vaio Aspis) con l’intento di dare vita a un nuovo progetto musicale che sfocerà in una commistione di elementi tipicamente rock da power trio con inserti contemporanei.

Il testo del singolo “Io non voglio” parla dei social e della contemporanea ansia di apparire. Vecchi che cercano di sembrare eternamente giovani e giovani la cui unica ambizione è un gran numero di like. Il relativo video, rigorosamente live e in bianco e nero (riprese e montaggio a cura di Luca Rizzi e Davide Càgnes) viene così descritto dalla band stessa: Il video è stato girato nello studio di registrazione di Luca, il batterista, dove abitualmente la band fa le prove, dove tutto è nato e dove sono state registrate tutte le canzoni dell’album. La band esegue il pezzo, ma inevitabilmente si distrae con gli smartphone. D’altronde anche la nostra vita, se ci pensiamo, è ciò che accade tra un selfie e l’altro, giusto? Siamo tutti malati e drogati di narcisismo e ci interessa solo apparire. Perché in fondo le nostre vite sono un po’ alla mercé di tutti o lasciamo che lo siano. Abbiamo svenduto una sorta di armonia con il mondo e dato più importanza alla “virtuale condivisione”, perdendo di vista ciò che più conta: il vissuto.

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!