01/02/2023

The Kooks, Milano

01/02/2023

Banco del Mutuo Soccorso, Firenze

02/02/2023

Rancore, Torino

02/02/2023

Blindur, Torino

02/02/2023

Banco del Mutuo Soccorso, Lucca

03/02/2023

Dead Visions, Bologna

03/02/2023

Big Cream, Bologna

03/02/2023

Tacobellas, Bologna

03/02/2023

Strana Officina, Roma

03/02/2023

Foja, Torino

03/02/2023

Rancore, Brescia

Agenda

Scopri tutti

Octopuss “Reponymphomania” video

Video del quarto singolo tratto dall’album “A nut for a jar of tuna”

Si chiama “Reponymphomania” il nuovo singolo degli Octopuss, il quarto tratto da “A nut for a jar of tuna”, l’ultimo album registrato ai leggendari Shangri-La Studios di Malibu, in California, e uscito in Europa a maggio 2022 per Freecom/ZdB. Il video è stato realizzato a Milano in collaborazione con la Scuola Civica di Cinematografia Luchino Visconti di Milano.

Ci piace considerare questo brano come una breve e irriverente operetta rock funk – commentano gli Octopuss – compendio e summa delle influenze e dei nostri colori. Amiamo usarlo come pezzo di chiusura durante i concerti dal vivo, per questo lo abbiamo posto come ultima traccia a chiusura dell’album.

Il brano incarna completamente il caratteristico sound del trio italiano che si colloca tra sonorità rock e funk condite con una buona dose di irriverenza e ilarità. Il brano si costruisce intorno ad un velocissimo riff di basso e chitarra, intrecciati in un botta e risposta senza tregua, dall’inaspettato tempo dispari, che rivela subito i virtuosismi di cui la band è capace e le sue influenze, a metà tra il sound di band come i Primus e quello più vintage della Jimi Hendrix Experience, e che ad alcuni potranno anche ricordare le sonorità dei più recenti Vulfpeck.

La copertina del singolo per il releasing europeo del brano è opera dell’artista internazionale Paolo Maggis, da sempre amico e supporter della band, attualmente in mostra al Museo GASC di Milano e prossimamente presso la galleria L&B di Barcellona. L’immagine utilizzata é relativa a un quadro del 2005, parte del progetto Monitor ideato dal critico e scrittore Gian Paolo Serino.

Il disco da cui è tratto il brano, “A nut for a jar of tuna”, segna il ritorno del trio italiano, dopo aver conquistato oltre un migliaio di palchi tra Europa, Nord America e Asia, condividendoli con star internazionali come Deep Purple e Scorpions, e dopo essere diventato uno dei gruppi europei più importanti in territorio cinese, con dieci tour e centinaia di concerti all’attivo nel Paese del Dragone.

Gli Octopuss (la nostra intervista) sono un power trio dall’impatto live devastante, fuori dagli schemi e dall’appeal decisamente internazionale. Il gruppo, composto da Reepo, chitarra e voce, Garrincha, basso (membro fondatore di “Le Vibrazioni”) e Nick Turri, batteria, subentrato al batterista originario Luca Capasso, ha nel live la propria dimensione fondamentale. Infatti, la band è una delle poche realtà italiane a poter contare oltre un migliaio di concerti tenuti in tre continenti: Europa, Nord America e Asia. Con all’attivo innumerevoli show in tutta Italia, in Gran Bretagna e resto d’Europa, ma anche tour negli Stati Uniti, e recentemente ben dieci tour in Cina di grande successo, sono la band europea che ha tenuto più concerti in territorio cinese negli ultimi 6 anni, con esibizioni in tutte le livehouse più famose del Paese e molteplici inviti sia ai festival più grandi e prestigiosi del Sol Levante, suonando davanti a centinaia di migliaia di persone, sia alle principali trasmissioni televisive superando i 70 milioni di telespettatori nella sola Cina.

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!