14/04/2024

Dotan, Milano

14/04/2024

Myrkur, Milano

14/04/2024

Yard Act, Milano

16/04/2024

Patrick Wolf, Roma

16/04/2024

Erlend Øye & La Comitiva, Milano

16/04/2024

Cristina Donà e Saverio Lanza, Pisa

16/04/2024

Spite, Milano

16/04/2024

Tré Burt, Savona

17/04/2024

Benjamin Ingrosso, Milano

17/04/2024

The Jesus And Mary Chain, Milano

17/04/2024

Erlend Øye & La Comitiva, Torino

17/04/2024

Patrick Wolf, Milano

Agenda

Scopri tutti

SLASH: nuovo album solista

L’album uscirà il 17 maggio e ospita featuring stellari

SLASH ha annunciato il suo attesissimo sesto album solista intitolato “Orgy of the Damned”, che uscirà il 17 maggio su Gibson Records ed è ora disponibile per il preordine QUI. Una raccolta di 12 canzoni dinamiche che scuote e rivitalizza i classici del blues con un approccio essenziale e istintivo. Il nuovo album di SLASH, “Orgy of the Damned”, crea un’espressione singolare che rende omaggio al Blues.

“Orgy of the Damned” sarà disponibile anche su vinile e su CD. Per informazioni www.slashonline.com.

Il primo singolo “Killing Floor”, che vede la partecipazione di Brian Johnson degli AC/DC alla voce e Steven Tyler degli Aerosmith all’armonica, è una versione elettrizzante, rauca e allegramente sfrenata dello standard blues di Chicago del 1964 di Howlin’ Wolf. La sua sua blues band comprende Johnny Griparic (basso), Teddy Andreadis (tastiere), Michael Jerome (batteria) e Tash Neal (voce/chitarra).

Sebbene sia cresciuto in Inghilterra, la nonna americana di SLASH lo ha avvicinato presto al Blues e lui è stato subito affascinato da B.B. King. Allo stesso tempo, i suoi genitori lo hanno allevato con una dieta sana a base di Rock ‘n’ Roll britannico degli anni ’60, dagli Who ai Kinks. Una volta trasferitosi a Laurel Canyon, SLASH si ritrovò circondato da cantanti rock e folk come Joni Mitchell, Crosby, Stills & Nash e Neil Young, che alla fine ispirarono il suo modo di suonare e scrivere canzoni. Fu solo quando iniziò a suonare lui stesso la chitarra che SLASH si rese conto che tutti i suoi musicisti preferiti erano stati influenzati dagli stessi dischi blues di B.B. King che ascoltava da ragazzino.

“Orgy of the Damned” mostra un aspetto meno sentito dell’abilità musicale di SLASH. Sebbene abbia sempre abbracciato un’ampia gamma di stili e generi, l’album offre una rara opportunità di esplorare un lato unico del suo modo di suonare e portare in primo piano un viaggio divertente attraverso le sue forti ispirazioni blues, che sono state a lungo sullo sfondo di la sua illustre carriera.

La tracklist di “Orgy of the Damned” è la seguente:

  1. “The Pusher” feat. Chris Robinson (vocal and harmonica)

Written by Wayne Hoyt Axton

  1. “Crossroad Blues” feat. Gary Clark Jr (vocal, rhythm guitar, and solo)

Written by Robert Leroy Johnson

  1. “Hoochie Coochie Man”  feat. Billy F. Gibbons (vocal, rhythm guitar, and solo)

 Written by Willie Dixon

  1. “Oh Well” feat. Chris Stapleton (vocal)

Written by Peter Alan Green

  1. “Key to the Highway” feat. Dorothy (vocal)

Written by Charles Segar, William Broonzy

  1. “Awful Dream” feat. Iggy Pop (vocal)

Written by Sam (Lightnin’) Hopkins, Clarence Lewis, C Morgan Robinson

  1. “Born Under a Bad Sign” feat. Paul Rodgers (vocal)

Written by William Bell and Booker T. Jones

  1. “Papa Was a Rolling Stone” feat. Demi Lovato (vocal)

Written by Barrett Strong, Jesse Norman Whitfield

  1. “Killing Floor” feat. Brian Johnson (vocal)

Written by Chester Burnett
*Special guest Steven Tyler on harmonica.

  1. “Living for the City” feat. Tash Neal (vocal)

Written by Stevie Wonder
                  *Special guest background vocals: Jenna Bell, Jessie Payo

  1. “Stormy Monday” feat. Beth Hart (vocal)

Written by T-Bone Walker

  1. “Metal Chestnut” 

Written by Slash

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!