19/07/2024

Rufus Wainwright, Melpignano (LE)

19/07/2024

Marlene Kuntz, Bologna

19/07/2024

Vintage Violence, Soriano nel Cimino (VT)

19/07/2024

Vinicio Capossela, Otranto (BA)

19/07/2024

Tre Allegri Ragazzi Morti, Roma

19/07/2024

Teenage Dream Party, Sarzana (SP)

19/07/2024

Dropdead, Piacenza

19/07/2024

A Forest Mighty Black, Montecchio Maggiore (VI)

20/07/2024

Laufey, Gardone Riviera

20/07/2024

Nick Mason, Bologna

20/07/2024

Loreena McKennitt, Bard (AO)

20/07/2024

Rufus Wainwright, Fiesole (FI)

Agenda

Scopri tutti

Weekend di live internazionali al Seravezza Blues

Sul palco The Cinelli Brothers, Lachy Doley e molti altri bluesmen

Dopo le prime due serate dal vivo con lo spettacolo “Un uomo chiamato Bob Dylan” di Ezio Guaitamacchi con Davide Van De Sfroos e il live contest di band “Road to Seravezza Blues Festival”, quella di domani (sabato 22 luglio), nella seconda delle tre serate del Seravezza Blues Festival dedicate alla musica dal vivo (sempre a ingresso gratuito), sarà l’unica data italiana nel 2023 dei The Cinelli Brothers: potrebbe bastare questo per evidenziare la portata di un concerto che vedrà protagonista, nel Parco di Palazzo Mediceo nella località versiliese, una band che grazie a un interessante mix di origini e generi musicali (blues, rock e soul anni ‘60 impreziosito da un tocco di contemporaneità) si è fatta prepotentemente largo nel panorama britannico ed europeo, riscuotendo un seguito in continua ascesa.

La performance live (prevista per le 22.30) del gruppo fondato da due fratelli italiani da anni trapiantati a Londra (Alessandro e Marco Cinelli: batterista il primo; cantante, pianista e voce il secondo) e completato da un armonicista inglese (Tom Julian-Jones) e un batterista francese (Stephen Giry) sarà il momento clou di una serata che dalle 19 vedrà salire sul palco L&M, Moscato Blues Band (vincitrice nel 2022 del contest “Road to Seravezza Blues”), Brothers John’s Jubilee, Nick Becattini Band e Ray Cashman&Michele Biondi Band: 6 gruppi con radici e percorsi diversi, che permetteranno al pubblico di godersi il blues in ogni sua declinazione.

Nell’ultimo anno i The Cinelli Brothers hanno vissuto una crescita esponenziale, certificata da una serie di prestigiosi riconoscimenti: il trionfo allo UK Blues Challenge 2022, il secondo posto all’International Blues Challenge a gennaio e il terzo all’European Blues Challenge, l’omologo blues dell’Eurovision Song Contest, in rappresentanza del Regno Unito, a giugno. La band ha all’attivo tre album (“Babe Please Set Your Alarm” 2018; “Villa Juke Joint” 2021; “No Country For Bluesmen” 2022) e un quarto fresco di registrazione a Woodstock (negli Stati Uniti) e può vantare uno speciale apprezzamento rivolto direttamente dal mito Iggy Pop.

È un grande onore per noi partecipare al Seravezza Blues Festival, considerato che è la nostra unica data italiana per il 2023. Siamo orgogliosi di tornare in patria e suonare di fronte al pubblico di casa. I nostri show sono dinamici, aiutano il pubblico ad accantonare i problemi per un’ora e mezzo. Ci definiamo una “Carnival band”, siamo sempre in movimento: sul palco non c’è mai un momento statico. Ci scambiamo gli strumenti e ci divertiamo: questo è un elemento caratteristico delle nostre performance, afferma Alessandro Cinelli, batterista e co-fondatore del gruppo.

Domenica 23 il gran finale, con l’altro ospite di punta della rassegna: Lachy Doley, musicista e cantautore australiano da tempo definito “Il Jimi Hendrix delle tastiere” per la straordinaria capacità di creare i suoni più incredibili con lo strumento a lui più caro. Sulla scena internazionale dal 2010 con all’attivo partecipazioni a oltre 300 spettacoli e festival in tutto il mondo, nelle sue infuocate performance Lachy Doley è accompagnato da basso e batteria. Inoltre, sui social è divenuto virale con video che hanno totalizzato milioni di visualizzazioni.

Prima di Doley il pubblico potrà godersi le esibizioni live di Suinghein Acoustic Blues, Tennesee Rose Blues Band, Filippo Antonini Band, Jaime Dolce’s Innersole e X Jam feat. Deviana P. Morgan, che esploreranno tutte le frontiere del blues con sonorità dai tratti fortemente distintivi.

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!