01/02/2023

The Kooks, Milano

01/02/2023

Banco del Mutuo Soccorso, Firenze

02/02/2023

Rancore, Torino

02/02/2023

Blindur, Torino

02/02/2023

Banco del Mutuo Soccorso, Lucca

03/02/2023

Dead Visions, Bologna

03/02/2023

Big Cream, Bologna

03/02/2023

Tacobellas, Bologna

03/02/2023

Strana Officina, Roma

03/02/2023

Foja, Torino

03/02/2023

Rancore, Brescia

03/02/2023

Enzo Gragnaniello, Sant’Agata Bolognese

Agenda

Scopri tutti

Big Daddy Wilson video-intervista

Personaggio d’altri tempi, un bluesman di grande spessore, headliner della serata conclusiva del Seravezza Blues Festival 2022

Big Daddy Wilson foto_FrancescaCecconi2022

Big Daddy Wilson nasce in una piccola città nella Carolina del Nord, lavoravo nelle piantagioni di tabacco e nei campi di cotone, ero un vero ragazzo di campagna. Wilson cantava in chiesa ma non pensava proprio di salire su un palco; lascia la scuola a 16 anni e qualche tempo dopo si unisce all’esercito degli Stati Uniti, con destinazione Germania, dove sente il Blues per la prima volta, ed è folgorazione.

Non passa molto e il ragazzo timido che aveva scritto alcune poesie inizia a cercare melodie. Ecco, sale su un palco, poi suona in tutta la scena blues tedesca, e impressiona con la sua voce calda e piena di sentimento. La strada è tracciata: dal 2009 ha pubblicato molti album, sia in solo che in collaborazione con altri artisti. Un personaggio d’altri tempi, un bluesman di grande spessore, è stato quest’anno headliner della serata conclusiva del Seravezza Blues Festival.

Articolo di Francesca Cecconi, intervista di Daniele Gemignani

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!