30/05/2024

American Football, Milano

30/05/2024

Sgranar per colli & Bellavista Social Fest 2024, Buggiano (PT)

30/05/2024

Cor Veleno, Nerviano (MI)

30/05/2024

Nils Frahm, Milano

30/05/2024

Nils Frahm, Milano

30/05/2024

Vintage Violence, Novate Milanese (MI)

30/05/2024

Giorgio Canali & Rossofuoco, Roma

31/05/2024

Gabriella Martinelli, Firenze

31/05/2024

Diaframma, Buggiano (PT)

31/05/2024

Charlotte Sands, Milano

31/05/2024

Indie Head Quarter 2024, Malborghetto di Boara (Ferrara)

31/05/2024

Wacken Metal Battle Italy 2024, Firenze

Agenda

Scopri tutti

Bruce Soord live Bologna

La musica del cantautore inglese ci trasporta direttamente in un altro mondo, creando un universo a sé stante

Dopo l’uscita di “Luminescence” il 22 settembre (la nostra recensione), Bruce Soord è partito in tour con il compagno di band Jon Sykes e la batterista Tash Buxton. Noi non ci potevamo perdere la prima tappa delle tre previste nel nostro paese, il 5 ottobre al Locomotiv Club di Bologna.

Philipp Nepstal

Ad aprire il concerto ci ha pensato il Philipp Nepstal con il suo personalissimo progetto “Smalltape”. Con la semplicità di una chitarra acustica, una tastiera e una loop station, il cantautore tedesco ha saputo creare un’atmosfera sognante e soprasensibile. Nepstal sa emozionare con canzoni complesse dalle tematiche importanti. Spazia dagli argomenti più personali come la ricerca di sé, a quelli più universali come l’olocausto. Un artista emergente con un sound personale non facile da imitare.

È stato poi passato il testimone all’attesissimo Bruce Soord. Se il nome vi suona famigliare non è una coincidenza, è infatti il cantante dei Pineapple Thief dal 1999. È uno di quegli artisti che vive di musica e per la musica, e questo tour ne è stata la conferma.

Dopo la pubblicazione del suo terzo album da solista ha iniziato il tour dove, come lui stesso ha ammesso, non ci sono gli stessi fondi che hanno i concerti dei Pineapple Thief. La crew era ridotta al minimo e tra una canzone e l’altra erano gli stessi musicisti a dover accordare i loro strumenti e sistemare il palco. Ma questa atmosfera non ha fatto altro che costruire un clima ancora più intimo, dove gli stessi musicisti dialogavano e scherzavano con il pubblico come se fossero amici di vecchia data.

Il concerto è stato aperto con “Instant Flash of Light” e “Dear Life”, due canzoni del nuovo album. Soord ha poi chiesto chi nel pubblico lo avesse già ascoltato e vedendo quasi tutte le mani alzate il cantante ne è rimasto commosso. Ha più volte ringraziato il pubblico per aver supportato non solo la sua carriera solista, ma per soprattutto essere presenti da vicino. Il concerto ha continuato con “All this Will be Yours”, del suo precedente album, per poi tornare a “Lie Flat” di Luminescence.

Oltre all’innegabile bravura di Soord, Sykes e Buxton non sono stati da meno. La timida batterista ha offerto una performance dalla tecnica perfetta, mentre al bassista dei Pineapple Thief bisogna riconoscere non solo la sua bravura come musicista ma anche come cantante. Ha armonizzato quasi tutti i brani con una naturalezza ammaliante cercando, pur la sua innegabile riservatezza, di inglobare il pubblico nella dimensione della musica di Soord.

Sì, perché la musica del cantautore inglese ci trasporta direttamente in un altro mondo, creando un universo a sé stante. Dopo averci presentato quasi tutte le canzoni del nuovo album e alcune vecchie glorie, la band ha chiuso regalando “No Man’s Land” dei Pineapple Thief.

Un concerto all’insegna dell’emozione e dell’intimità. Merita un ascolto anche per chi Soord non lo ascolta, per il puro piacere di assistere a tre musicisti di talento eccezionale.

Articolo di Ambra Nardi, foto di Irene Arditi

Set list Bruce Soord 5 ottobre 2023 Bologna

  1. Instant Flash Of Light
  2. Dear Life
  3. Day of All Days
  4. All This Will Be Yours
  5. Lie Flat
  6. Buried Here
  7. Nestle In
  8. Solitary Path
  9. Field Day pt1
  10. Cut the Flowers
  11. Rushing
  12. Stranded Here
  13. Read to me
  14. Find Peace
  15. Alone At Sea
  16. Snow Drops
  17. The Odd
  18. So Simple
  19. No Man’s Land

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!