06/12/2022

Talèa, Gorizia

06/12/2022

Tre Allegri Ragazzi Morti, Prato

06/12/2022

Voivod, Mezzago

06/12/2022

The Zen Circus, Bologna

07/12/2022

Pierpaolo Capovilla e i Cattivi Maestri, Pordenone

07/12/2022

Talèa, Vicenza

07/12/2022

Voivod, Cagliari

Agenda

Scopri tutti

Diamond Head live Milano

Band iscritta nei cuori di ogni hard rocker, e non ne avremo mai abbastanza

Diamond Head live Milano

I Diamond Head, una delle leggende della N.W.O.B.H.M., hanno fatto tappa all’Alcatraz di Milano il 10 ottobre in apertura per i Saxon (la nostra recensione), tour sicuramente da non perdere per vedere in azione due band che hanno in modo davvero personale segnato indelebilmente la storia del genere.

La band di Brian Tatler ha suonato un breve ma intenso set, 45 minuti densi senza chiacchiere, dove insieme ad un paio di pezzi tratti dalla produzione più recente non hanno mancato di proporre una mezza dozzina dei loro pezzi più classici tratti dai loro primi due album.

Sopravvissuti nei tempi bui anche grazie al ripescaggio del loro materiale da parte di band famose, che attraverso cover – più o meno riuscite – hanno comunque tenuto a galla il nome della band, spesso e giustamente indicata come fonte di ispirazione per molto Metal.

Un rispetto che si percepisce nell’aria, che è palpabile fra il pubblico presente nel locale milanese, “The Prince” apre le danze con il solito inossidabile Karl Wilcox alla batteria, l’eleganza di un chitarrista come Tatler e la voce convincente di Rasmus Bom Andersen che gestisce con sicurezza le non facili linee vocali di Sean Harris. “Bones” e “The Messenger” scivolano via davanti a un pubblico sempre più coinvolto lasciando il posto ad alcuni classici senza tempo.

L’età media del pubblico è abbastanza alta e gran parte dei presenti probabilmente ancora ricorda il giorno in cui sono usciti da un negozio di dischi con la loro copia sotto il braccio del primo album o di “Borrowed Time” appena usciti, motivo per cui brani come “In The Heat Of The Night”, “Lightning To The Nations” o “It’s Electric” (dove nell’attacco Wilcox accenna “Stargazer” dei Rainbow, a sottolineare come certe band di un certo periodo hanno scritto la storia dell’Hard Rock e dell’Heavy Metal più di tanti baciati dal successo commerciale) sono classici irrinunciabili, attesi, e goduti.

Una potente versione di “Am I Evil?” chiude il set lasciandoci con la voglia di ascoltare molto, molto di più, speriamo dunque in un prossimo futuro tour da headliner, intanto auguriamo lunga vita ai Diamond Head, c’è bisogno ancora di loro!

Articolo e foto di Francesca Cecconi

Set list Diamond Head 10 ottobre 2022 Milano

  1. The Prince
  2. Bones
  3. The Messenger
  4. In The Heat Of The Night
  5. Lightning To The Nations
  6. It’s Electric
  7. Helpless
  8. Am I Evil?

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!