14/04/2024

Dotan, Milano

14/04/2024

Myrkur, Milano

14/04/2024

Yard Act, Milano

16/04/2024

Patrick Wolf, Roma

16/04/2024

Erlend Øye & La Comitiva, Milano

16/04/2024

Cristina Donà e Saverio Lanza, Pisa

16/04/2024

Spite, Milano

16/04/2024

Tré Burt, Savona

17/04/2024

Benjamin Ingrosso, Milano

17/04/2024

The Jesus And Mary Chain, Milano

17/04/2024

Erlend Øye & La Comitiva, Torino

17/04/2024

Patrick Wolf, Milano

Agenda

Scopri tutti

King Hannah live Prato

Il concerto ha confermato che i King Hannah sono indubbiamente una delle band migliori degli ultimi tempi

King-Hannah-Live-Prato-Foto_Michele-Faliani

La seconda serata dell’Off Tune Festival di Prato, 10 luglio, ha visto salire sul palco il duo inglese dei King Hannah, per un set di un’ora come antipasto al concerto di Thurston Moore. Le impressioni più che positive date dal loro bellissimo album d’esordio “I’m Not Sorry, I Was Just Being Me” sono state confermate da un live strepitoso, che ha visto Craig Whittle e Hannah Merrick conquistare ogni singolo spettatore.

Dalla splendida “A Well-Made Woman” che ha inaugurato la scaletta, uno splendido e polveroso psych-rock a metà strada fra Mazzy Star e Giant Sand, a una sontuosa versione di “State Trooper” di Bruce Springsteen, alla canzone che da il titolo all’album che mette in mostra le grandi doti di chitarrista di Whittle, il concerto ha confermato che i King Hannah sono indubbiamente una delle band migliori degli ultimi tempi, e che sono destinati a un futuro luminoso. Splendida Hannah, con le sue movenze à la PJ Harvey e la voce eterea e profonda, che fino alla conclusiva “It’s Me and You, Kid” ha incantato tutti. Compresi quelli che hanno raggiunto Prato per ascoltare Thurston Moore e sono andati via con i dischi dei Kings Hannah sotto braccio. Un concerto da ricordare.

Articolo e foto di Michele Faliani

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!