A Place To Bury Strangers

A Place To Bury Strangers “See Through You”

Esperimento sciamanico che si alterna fra dosi folli di mescalina, curve prese con il freno a mano ed eccezionali dimensioni atmosferiche

È uscito il 4 febbraio 2022 in digitale (vinile e cd disponibili dall’11 marzo, con edizione in vinile giallo solo per i negozi) il piccolo capolavoro del geniaccio delle sovra-incisioni e dei suoni acidi Oliver Ackermann, che ritorna con gli A Place To Bury Strangers. Ma prima di entrare nella conversazione e farvi capire quanto contorto possa essere il mondo del loro album “See Through You”, facciamo un leggerissimo passo indietro e dedichiamo una laurea honoris causa ad Oliver perché perdue decenni si è dedicato completamente al combinare il Post-Punk, Noise-Rock, Shoegaze e Psichedelia.

Il suo ultimo progetto con A Place To Bury Strangers è un esperimento sciamanico che si alterna fra dosi folli di mescalina, curve prese con il freno a mano ed eccezionali dimensioni atmosferiche, infine voci registrate completamente Low-Fi con cenni di Garage-Rock come piacciono a noi giovani. Il geniaccio poi crea la sua casa discografica, la Dedstrange, interrompendo pure i vincoli creativi e la canonizzazione del suono, quindi più libero di fare quel che gli pare senza tanti “se” e tanti “ma”.

Settimo album dunque, dopo una prolifica carriera fatta di collaborazioni e manipolazioni del suono; mantiene la matrice distruttiva e una distorsione costante su tutte le bellissime tracce di un disco che non ha niente da invidiare ai precedenti, e anzi ha un gusto più immediato, contorto e completo. Le chitarre buttate alla mercé di quel che capita, ma controllate in maniera meticolosa le batterie elettroniche filtrate alla Bontempi con la cassa in quattro che faranno emozionare e buttare giù una lacrimuccia a tutti i nostalgici, come me, di quella Noise estrema sfonda timpani.

Tredici tracce dedicate completamente alla ricerca, al confermare uno status immutato di compositore premium con tante stelle. Impossibile non apprezzare il lavoro stilistico di “Ringing Bells”, esempio perfetto del connubio fra Post-Punk e Noise-Psichedelica dove un cantato pacato si poggia perfettamente fra delay e quella costante distorsione come marchio di fabbrica. Colpisce il modo in cui l’album riesce a diversificarsi traccia dopo traccia e a creare differenti atmosfere e lucide evoluzioni stilistiche in modo impressionate. La distruzione e la decontestualizzazione del suono la si trova in maniera evidentissima in “Hold On Tight” dove le chitarre non hanno nessuna connotazione melodica, è semplicemente ritorno e distorsione.

Un disco che riesce in maniera molto generosa a soddisfare un pubblico esigente e a rispecchiare una corrente solida che non ha paura di spingersi oltre verso terre inesplorate, a non spaventarsi come per il puzzo che viene da un frutto di durian quando lo apri, ma dimostra il coraggio di addentarlo e apprezzare l’anticonvenzionale e il diverso.

Articolo di Alessandro Marano

Tracklist “See Through You”

  1. Nice Of You To Be There For Me
  2. I’m Hurt
  3. Let’s See Each Other
  4. So Low
  5. Dragged In A Whole
  6. Ringing Bells
  7. I Disappear (When You’re Near)
  8. Anyone But You
  9. My Head Is Bleeding
  10. Broken
  11. Hold On Tight
  12. I Don’t Know How You Do It
  13. Love Reaches Out


Line up A Place To Bury Strangers Oliver Ackermann – Voce, Chitarra e Basso / Sandra Fedowitz – Batteria / John Fedowitz – Basso

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!

25/05/2022

Francesco Bianconi, Brescia

25/05/2022

Ross The Boss, Bergamo

25/05/2022

Marky Ramone, Modena

26/05/2022

Brunori SAS, Jesolo

26/05/2022

Francesco Bianconi, Rovereto

27/05/2022

Punkreas, Bologna

27/05/2022

Bandabardò, Firenze

28/05/2022

Bluagata, Prato

28/05/2022

Crashdiet, Milano

Agenda

Scopri tutti