23/06/2024

IDLES, Padova

23/06/2024

Apolide Festival, Ivrea (To)

23/06/2024

Fontaines D.C., Lido di Camaiore

23/06/2024

Brujeria, Bologna

23/06/2024

La Prima Estate Festival, Lido di Camaiore (LU)

23/06/2024

E, Fano (PU)

23/06/2024

Gossip, Segrate (MI)

23/06/2024

Dogstar, Gardone Riviera (BS)

23/06/2024

Tre Allegri Ragazzi Morti, Ivrea (TO)

23/06/2024

Comeback Kid + Bane, Bologna

23/06/2024

The Smile, Roma

24/06/2024

Paolo Nutini, Lignano Sabbiadoro (UD)

Agenda

Scopri tutti

Ananda Mida “Reconciler”

Questo disco è una totale esperienza psichedelica, incantevole e che sfrutta al massimo il suo significato profondo

Ananda Mida tornano il 3 novembre con “Reconcilier” per Go Down Records. Collettivo musicale italiano, che fluttua liberamente nel cosmo sonoro e talvolta condivide i resoconti dei suoi viaggi su supporti fonografici come questo terzo lavoro che segue i due album dai nomi molto particolari “Anodnatius” e “Cathodntius” (roba da elettricisti? No, poi lo spiego meglio). Stiamo cavalcando una delle code della Psichedelia, chiunque si metta ad affrontare un disco del genere deve fare i conti con le proprie abitudini musicali, in quanto di recente ho “masticato” molti dischi che tendono ad essere brevi, mentre qui abbiamo un gigante.

Siamo davanti a un doppio album, della durata di 83 minuti, che racchiude un’abbondanza di Psichedelia ma vuole sintetizzare anche tutto quello che è successo dagli anni ’60 a oggi senza dimenticare l’evoluzione che la Regina delle Arti ha avuto nel frattempo. L’opera rappresenta l’ultimo capitolo di una trilogia ispirata al libro “I racconti di Belzebù a suo nipote” di Georges I. Gurdjieff e si concentra sulla riconciliazione sacra. Il progetto è stato sviluppato in collaborazione con l’artista Eeviac. Nell’intenzione del gruppo, nella vena artistica che spinge a scrivere un questo determinato modo, vedo un suono del gruppo che cerca di sviluppare una Psichedelia che possieda notevole profondità, trasformandosi in un’espansione della coscienza che modifica la realtà circostante, influenzando anzitutto la nostra mente.

I brani hanno similitudini e differenze robuste, sia nella lunghezza (dai 3:44 di ‘Reconciling’ ai 22:08 di ‘Doom and the Medicine Man – Pt V-VIII’) che nelle sonorità. Trovo stimolanti le dissonanze nella dilatazione di ‘Lucifer’s Wind’ (dove gradisco particolarmente il suono del basso), cosi come vedo nella title track una spinta divertente ed energica. In questi brani si può cogliere una moltitudine di sfumature sonore, con texture elaborate, pur lasciando spazio allo spirito dell’improvvisazione in sala prove. Il marchio sonoro di Ananda Mida è chiaramente riconoscibile, e in ogni canzone e quasi in ogni passaggio c’è un cambiamento, la scoperta di un elemento diverso, una continua esplorazione delle possibilità della vita e del cosmo che la circonda.

Ci troviamo di fronte a un lavoro che per molte altre band potrebbe sembrare ambizioso, ma Ananda Mida riesce a concentrarsi su di esso in modo impeccabile, intrecciando perfettamente la loro musica, proprio come si faceva tanti anni fa e come è sempre più raro oggi. Questo disco è una totale esperienza psichedelica, incantevole e che sfrutta al massimo il suo significato profondo. “Reconciler” è un viaggio sonoro che ti cattura e ti trascina in un mondo che credevamo lasciato alle spalle, ed è avvolgente, dimostrando ancora una volta la maestria di Ananda Mida nel creare musica che sfida le convenzioni e apre la mente a nuove prospettive. Probabilmente questo disco sarà la pietra miliare nel percorso musicale della band e una dimostrazione della loro capacità di creare musica che va oltre i confini del genere, regalando all’ascoltatore un’esperienza straordinaria.

Dove si ascolta questo disco? Forse questa volta addirittura dovrei chiedermi “in che stato”, ma non voglio esagerare. Sicuramente non è un ascolto da serata in compagnia di amici, non è la colonna sonora di uno scambio di sguardi con una fanciulla dagli occhioni azzurri sfiorando il bicchiere del gin tonic, tanto quanto non userei questo disco come accompagnamento di un viaggio che mi porta in vacanza. Qui serve usare la testa, serve usare la percezione di quello che succede, sia da semplici ascoltatori che da musicisti. Si, il disco è pretenzioso, vuole la vostra attenzione, e deve averla. Dategliela.

Articolo di Marco Oreggia

Tracklist “Reconciler”

  1. Stormy Lady
  2. Lucifer’s Wind
  3. Reconciling
  4. Swamp Thing
  5. Never Surrender
  6. Following The Light
  7. Reconciling – Reprise
  8. Doom and the Medicine Man – Pt V-VIII

Ananda Mida online:
Facebook https://www.facebook.com/anandamidaband
Instagram https://www.instagram.com/anandamidaband/

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!