14/04/2024

Dotan, Milano

14/04/2024

Myrkur, Milano

14/04/2024

Yard Act, Milano

16/04/2024

Patrick Wolf, Roma

16/04/2024

Erlend Øye & La Comitiva, Milano

16/04/2024

Cristina Donà e Saverio Lanza, Pisa

16/04/2024

Spite, Milano

16/04/2024

Tré Burt, Savona

17/04/2024

Benjamin Ingrosso, Milano

17/04/2024

The Jesus And Mary Chain, Milano

17/04/2024

Erlend Øye & La Comitiva, Torino

17/04/2024

Patrick Wolf, Milano

Agenda

Scopri tutti

Bent Trees Society / Teddy Daniels split

Un brillante esempio della musica underground sarda

Gli album split erano molto in voga nel periodo d’oro del vinile, prodotto che trasuda ancora fascino e nostalgia. Dalla Sardegna arriva questo lavoro discografico autoprodotto, fuori il 17 febbraio, che rappresenta il grosso potenziale musicale delle due band isolane e della locale realtà underground. Le due band (la nostra intervista) risentono del suono di Seattle facendo percepire le venature grunge nei rispettivi lavori. Parliamo di venature perché non è possibile ascrivere il sound in un genere così definito date le tante influenze di ogni musicista.

Bent Trees Society “Crosswords and Crosses”

Il nome del gruppo evoca un’immagine molto comune nei paesaggi sardi: gli alberi piegati dal maestrale. Un moniker molto rappresentativo. Il l brano della band logudorese, “Crosswords and Crosses”, è una canzone contro la guerra dolorosamente attuale, vista la situazione mondiale, scritta e arrangiata con molta maturità. La voce graffiante di Luigi rappresenta al meglio il testo supportato pienamente dai vari componenti della band che creano un sound perfetto per la linea vocale. Ottima anche la scelta dell’utilizzo del phaser nelle chitarre che riesce ad avvolgere l’ascoltatore per l’intero brano.

Teddy Daniels: “Alpha”

Anche qui siamo di fronte a un tema di grande attualità, purtroppo, quello del maschilismo più esasperato e malato. Con i cagliaritani Teddy Daniels si cambia registro sonoro virando più su sfumature garage e punk. Le chitarre saturate dal fuzz si intrecciano con le ritmiche serrate di basso e batteria. Un amalgama sonora potente e tagliente perfetta per il cantato aggressivo di Max. Un brano che riesce a colpire nel segno trasportando l’ascoltatore nel mood evocato dal testo, grazie a un arrangiamento che non risulta banale e scontato e che tiene molto viva l’attenzione.

Un lavoro davvero interessante e degno di nota questo split proposto dalle band che va anche a sugellare l’amicizia fra i due gruppi e che lascia presagire sia delle ottime produzioni future che il fermento musicale dell’Undeground sardo.

Articolo di Daniele Bianchini

Teddy Daniels online:
Facebook https://www.facebook.com/teddydanielsband/
Instagram https://www.instagram.com/teddydanielsband/

Line up Teddy Daniels: Max voce / Brandon batteria / Mik chitarra, cori / Jack basso, cori / Giulio chitarra

Bent Trees Society online:
Instagram https://www.instagram.com/benttreessociety/
Facebook https://www.facebook.com/Bent-Trees-Society/

Line up Bent Trees Society: Luigi voce e chitarra / Giuseppe chitarra e cori / Nino basso / Riccardo batteria

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!