01/12/2022

Irene Grandi, Bologna

01/12/2022

In Flames + At The Gates, Milano

01/12/2022

Elisa, Trieste

01/12/2022

David “Boosta” Dileo, Trento

02/12/2022

Elisa, Trieste

02/12/2022

Davide Van De Sfroos, Parma

02/12/2022

Tre Allegri Ragazzi Morti, Napoli

02/12/2022

Punkreas, Cagliari

02/12/2022

Red Beach, Bergamo

02/12/2022

Haggard + Eternal Silence + Dragonicon, Novara

Agenda

Scopri tutti
Cris Pinzauti

Cris Pinzauti “Moonatica”

Per l’occasione sono stati radunati una serie a dir poco invidiabile di musicisti e produttori

Cris Pinzauti è un’anima irrequieta, sempre alla ricerca, sempre curiosa, sempre pronta a mettersi in gioco. “Black”, il suo ultimo disco era uscito nel 2015 ed era cantato in inglese. Non solo: era un disco in cui la chitarra acustica era la star regina dal momento che tutti i suoni di quel disco, anche la sezione ritmica per intendersi, era totalmente stata registrata utilizzando una schiera di sei corde.

“Moonatica” già leggendo i titoli delle canzoni incuriosisce, perché al di fuori della cover di “Shock The Monkey” di Peter Gabriel, vede il nostro cimentarsi nel cantato in italiano. A questo si aggiunge anche il fatto che per l’occasione sono stati radunati una serie a dir poco invidiabile di musicisti e produttori ognuno dei quali ha lasciato qualcosa di sé nelle registrazioni.

Per progetti come questo ci vuole una personalità forte che riesca a tenere insieme tutti gli elementi, gli spunti, le influenze musicali che nel caso di Cris sono molteplici – la curiosità è una brutta bestia lo sappiamo – e che potrebbero in qualche modo confondere l’ascoltatore. In questo disco però c’è qualcosa che riesce a unire tutto ed è una vera piacevole scoperta: la voce di Cris.

Cantare in italiano ha letteralmente fatto esplodere le incredibili sfumature della sua voce, facendoci scoprire una maturità difficile da pensare di ottenere alla prima pubblicazione. Ma non solo: la voce di Cris unita alle parole da lui scritte, per la prima volta a me sembrano in sintonia con la musica che attinge dal reggae, dal rock, dalla ballata rock come raramente mi è capitato di ascoltare in tanti anni. Finalmente mi trovo ad ascoltare una manciata di canzoni cantate in italiano dal respiro internazionale, che non rincorrono i modelli inglesi, ma li utilizzano con profonda sensibilità.

Ci trovate la leggerezza mista a quel tocco di sano pessimismo che domina “Parafulmine” che ben si associa all’intensa “Non Andar Via” – con un Giuseppe Scarpato impeccabile alla chitarra e alla produzione insieme a Fabrizio Simoncioni – e all’intima e straziante “Stanza 202” dedicata al padre ma anche la sbarazzina “Conta1,2,3,4,5… Sex!” e “Strega” l’unica canzone che si riaggancia per sonorità al disco precedente.

A Cris Pinzauti piacciono le sfide e cantare “Qualcuno Mi Renda L’Anima” di Renato Zero, scontrarsi con un gigante dell’interpretazione dalla voce inconfondibile, è il termometro perfetto per capire il suo desiderio di stupire ma soprattutto di stupirsi in prima persona. Come diceva David Bowie: è solo quando ti imponi di camminare su sentieri in cui non ti senti completamente a tuo agio, che puoi scrivere qualcosa di veramente buono. Cris ha seguito il consiglio.

Articolo di Jacopo Meille

Track list “Moonatica”

  1. Parafulmine
  2. Conta 1,2,3,4,5… Sex!
  3. Non Andar Via
  4. Giuda
  5. Qualcuno Mi Renda L’Anima
  6. Strega
  7. Normalità
  8. Stanza 202
  9. Santi Come Me
  10. Shock The Monkey

Line up: Cris Pinzauti: voce, chitarre, basso, campionamenti
Special guests:
Paolo Loppi: chitarra su traccia 1, 4, 10
Marzio Pinzauti basso su tutte le tracce tranne traccia 5 e 7, voce su traccia 7
Federico Sagona: tastiere su traccia 1 e 10
Marco Confetti: batteria su traccia 1, 2, 3, 4, 8, 10
Dado Pecchioli: batteria su traccia 6 e 9
Giuseppe Scarpato: chitarre su traccia 3
Leonardo Ricotti: chitarre su traccia 8
Mario Assennato: chitarra solista su traccia 6
Luca Moriani: pianoforte su traccia 5
Eleonora Comemipare: voce e cori su traccia 6 e 9
Federico Pelle: Moog e tastiere su traccia 6
Giulia Riboli: Theremin su traccia 4

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!