08/02/2023

Electric Callboy + Holding Absence, Milano

08/02/2023

Foy Vance, Milano

08/02/2023

Pvris + Charlotte Sands, Milano

08/02/2023

Beast in Black, Trezzo sull’Adda

09/02/2023

Foy Vance, Bologna

09/02/2023

Foja, Roma

10/02/2023

Diaframma, Bergamo

10/02/2023

Fanfara Station, Poggibonsi

10/02/2023

I Fiumi, Lugagnano

10/02/2023

BardoMagno, Pistoia

10/02/2023

Strana Officina, Torino

10/02/2023

Rancore, Treviso

Agenda

Scopri tutti
David Paich

David Paich “Forgotten Toys”

Cantante, pianista, tastierista arrangiatore, produttore, membro fondatore dei Toto

Ha partecipato nella sua carriera oltre 2000 album contribuendo a definire, nel bene e nel male aggiungo io, il suono di almeno tre decadi del ventesimo secolo. David Paich è il cantante, pianista, tastierista arrangiatore, produttore, membro fondatore dei Toto, e mai aveva accarezzato l’opportunità di pubblicare un disco solista.

“Forgotten Toys”, fuori il 19 agosto su Mascot, è il risultato di due anni di pandemia, non tanto per quel che riguarda la composizione, ma quanto perché Paich ha trovato il tempo e lo stato d’animo per dedicarsi alla scelta della sei tracce – più un breve intro sinfonico – che lo compongono. È qui che scatterebbe in me il desiderio irrefrenabile di chiedergli cosa lo abbia portato a scegliere queste tracce.

Un musicista prolifico e attivo come lui, in oltre 40 anni di carriera, quante canzoni avrà avuto nel famoso “cassetto” – immaginario o reale poco importa – da cui scegliere? Io mi troverei già in difficoltà, terribilmente schiacciato dal senso di responsabilità che scaturisce dall’idea di pubblicare il mio primo disco solista, figuriamoci scegliere le canzoni… David però sembra essersi affidato all’istinto e agli amici: ecco quindi “Spirit Of The Moonrise” scritta a quattro mani con Steve Lukather, amico e compagno di mille session, dove lo spirito rock dei Toto si fa sentire potente, o lo shuffle blues ruffiano e chiassoso di “Queen Charade” che fa tanto anni ’90, svolgono bene il loro compito.

Diverso è il discorso per i brani più di atmosfera come “All The Tears That Shine” con Michael McDonald alla voce o nella dolce “First Time”, che ci permettono di scoprire sfumature diverse di David Paich come autore, senza dimenticare che è lui l’autore di canzoni iconiche come “Africa” e “Rosanna” e per lui è normale scrivere canzoni come “Will I Belong To You” con Joseph Williams alla voce e coautore.

Queste canzoni sono forse troppo poche per poter formulare un giudizio definitivo, quello che è indubbio è la forte personalità del nostro che s’insinua in ogni nota di questo ep, da cui forse ci saremmo aspettati qualcosa di sorprendente e inaspettato.

Articolo di Jacopo Meille

Track list “Forgotten Toys”

  1. Forward
  2. Will I Belong To You
  3. Spirit Of The Moonrise
  4. First Time
  5. Queen Charade
  6. All The Tears That Shine
  7. Lucy

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!