25/09/2022

Foy Vance, Torino

27/09/2022

Opeth, Milano

27/09/2022

Three Days Grace, Milano

28/09/2022

Opeth, Roma

29/09/2022

C’Mon Tigre, Milano

30/09/2022

Paolo Nutini, Milano

30/09/2022

Negramaro, Milano

Agenda

Scopri tutti
Earthset

Earthset “Bound”

A un ibrido di Post Grunge e Dark si aggiungono componenti avanguardiste Post Rock e Noise con piglio melodico delle linee vocali

“Bound” è il nuovo disco dei Bolognesi – in parte d’adozione – Earthset, uscito l’8 marzo 2022 per Dischi Bervisti, etichetta che tra gli artisti prodotti conta i Bologna Violenta e la produzione solista di Xavier Iriondo degli Afterhours.

Dal 2013, anno a cui risale la prima pubblicazione del gruppo, gli Heartset hanno progressivamente raffinato il loro stile partendo da un ibrido di Post Grunge e Dark Rock alla Interpol aggiungendo man mano componenti avanguardiste riconducibili al Post Rock e al Noise con un piglio melodico delle linee vocali.

Lo stile della band oggi potrebbe ricondursi a due filoni principali, il primo e la grande tradizione Alternative Rock bolognese a cui fanno capo i Massimo Volume e i mai troppo celebrati Starfuckers, mentre la seconda è tutto quel filone anni ’90/ anni ’10 del XXI secolo riluttante a categorizzazioni, gruppi come i Dismemberment Plan e gli Archers Of Loaf sempre impegnati alla ricerca del disco perfetto e sempre pronti a sperimentare in sede di studio di registrazione.

Il precedente album degli Hearthset, “L’uomo Meccanico”, rifacimento in chiave rock della colonna sonora del primo film muto della storia prodotto in Italia, ha influenzato la struttura di “Bound” dove in parte la forma canzone dei brani è stata sacrificata in favore di un racconto che prosegue per tutte le 11 tracce del lavoro. I brani sono spesso tra loro collegati dal finale che rimane aperto che continua nell’intro del brano successivo. La scelta di registrare con tutti gli strumenti nella stessa stanza con praticamente nessun lavoro di post produzione contribuisce a dare all’ascolto un’atmosfera nebulosa, ricca di sfumature dovute alle imperfezioni casuali che avvengono durante le performance.

Le parti di chitarra sono un variegato e dinamico patchwork di umori usato in maniera espressiva, variano dall’arpeggio acustico all’improvvisazione riconducibile al Free Jazz nel finale di “High Hopes” e nella traccia “Crossroads” passando per il Metal nella stessa, in “Tourists and Tourists” e nella parte iniziale di “The Mirror”. Le parti di batteria sono il fattore che mette ordine a tutto facendo tornare le parti al loro posto, parti ricche d’inventive e a tratti imprevedibili – un charleston come non te l’aspetti in “High Hopes”- mentre il basso ha un suono educato ma incisivo, dà profondità a un insieme che altrimenti sarebbe stato troppo tagliente.

“Bound” è un album lodevole per il lavoro che l’ha partorito, così come gli Earthset lo sono per l’impegno che stanno mettendo nel portare avanti un progetto artistico in grado di coinvolgere l’ascoltatore a 360°.

Articolo di Giorgio Cappai

Tracklist “Bound”

1. Entering this universe coming out of a blackhole
2. Tourists and terrorists
3.Arpeggio
4. Strings
5. High hopes
6. Unspeakable now
7. The mirror
8. The stranger’s eye
9. Crossroads
10. A momentary glance of simplicity
11. Pills

Line up Earthset Costantino Mazzoccoli chitarra / Luigi Varanese basso / Emanuele Orsini batteria / Ezio Romano chitarra e voce

Earthset online:

https://www.youtube.com/channel/UCflPJZXoRcY5hGvGrXZbEeQ/about
https://www.facebook.com/Earthset
https://www.instagram.com/earthset_/

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!