06/12/2022

Talèa, Gorizia

06/12/2022

Tre Allegri Ragazzi Morti, Prato

06/12/2022

Voivod, Mezzago

06/12/2022

The Zen Circus, Bologna

07/12/2022

Pierpaolo Capovilla e i Cattivi Maestri, Pordenone

07/12/2022

Talèa, Vicenza

07/12/2022

Voivod, Cagliari

07/12/2022

Tre Allegri Ragazzi Morti, Cesenatico

07/12/2022

Voina + Garda 1990, Bologna

08/12/2022

Voivod, Roma

Agenda

Scopri tutti
Electric Guitars

Electric Guitars “Freewheeler”

Album che a dispetto delle immancabili citazioni offre 40 minuti di sano e robusto Hard Rock scritto e suonato da musicisti di talento

Fuori il 12 novembre 2021su Mighty Music in formato digitale, cd e lp, “Freewheeler” è il quarto album in studio dei danesi Electric Guitars, nome tanto semplice quanto indovinato, dietro il quale si celano Soren Andersen e Mika Vandborg, due dei nomi più influenti della scena hard rock danese degli ultimi 20 anni.

L’album parte alla grande con il singolo “Dopamine” – di cui Rock Nation ha pubblicato il video in première italiana – , produzione accurata ma non eccessivamente patinata, le chitarre la fanno da padrone e alternano suoni più chirurgici a bordate di sano e ruvido Rock’n’Roll. Se “Freewheeler” rimanda a band come AC/DC, “Cut Loose” si gioca la carta Thin Lizzy con risultati sorprendenti, Soren e Mika sono entrambi eccellenti chitarristi e cantanti e la cura dedicata alle parti vocali in tutto il lavoro viaggia di pari passo con il talento strumentale profuso in queste dieci tracce. Va infatti detto che tutta la band funziona e il motore degli Electric Guitars viaggia a pieni giri nel cadenzato Heavy Boogie di “Zero Four” quanto nella martellante “Hot Blooded Woman”.

Ancora un pesante Blues nella indovinata “Incoming”, mentre in “Going Out” si cerca di uscire un attimo dal seminato, confezionando un canzone dalle venature più pop ma pur sempre irrobustita da chitarre ben orchestrate. Anche “Rainbow” cerca di creare una atmosfera più aperta e melodica, un po’ in stile D.A.D.  riuscendoci comunque molto bene e preparando il terreno per il terzetto conclusivo, che oltre alla già citata “Hot Blooded Woman” include una “Nervous Breakdown”, piena di pathos ma ugualmente molto orecchiabile.

Chiude l’album la torrida e intensa “Welcome History”, cinque minuti di riff e distorsioni anni ’70 che chiudono in bellezza un album che a dispetto delle immancabili citazioni, offre comunque 40 minuti di sano e robusto Hard Rock scritto e suonato da musicisti di talento, un album che non deve mancare nella vostra discoteca.

Articolo di Andrea Bartolini

Track list “Freewheeler”

  1. Dopamine
  2. Hot Blooded Woman
  3. Nervous Breakdown
  4. Zero Four
  5. Going Out
  6. Incoming
  7. Cut Loose
  8. Freewheeler
  9. Rainbow
  10. Welcome History


Line up Electric Guitars

Soren Andersen – Lead vocals, guitars / Mika Vandborg – Lead vocals, guitars / Peter Kjobsted – Bass, backing vocals / Morten Hellborn – Drums, backing vocals

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!