18/07/2024

The Warning, Bologna

18/07/2024

Ottodix, Treviso

19/07/2024

Rufus Wainwright, Melpignano (LE)

19/07/2024

Marlene Kuntz, Bologna

19/07/2024

Vintage Violence, Soriano nel Cimino (VT)

19/07/2024

Vinicio Capossela, Otranto (BA)

19/07/2024

Tre Allegri Ragazzi Morti, Roma

19/07/2024

Teenage Dream Party, Sarzana (SP)

19/07/2024

Dropdead, Piacenza

19/07/2024

A Forest Mighty Black, Montecchio Maggiore (VI)

20/07/2024

Laufey, Gardone Riviera

20/07/2024

Nick Mason, Bologna

Agenda

Scopri tutti
God of the basement

God Of The Basement “Bobby Is Dead”

È un disco che coinvolge tutti i sensi, con la sua capacità di ribaltare costantemente i punti di riferimento

Fiorentini ma londinesi di adozione, i God Of The Basement il 25 giugno 2021 arrivano al secondo disco pubblicato dalla Stock-a Production, etichetta indipendente gestita da un collettivo internazionale che opera tra Europa e Sud America.

Il quartetto formato da Tommaso Tiranno (voce), Enrico Giannini (chitarra e sampling), Rebecca Lena (basso e visual art) e Alessio Giusti (batteria) sembra aver camminato ogni centimetro della metropoli inglese e aver tratto ispirazione da ogni suono, odore e sapore incontrato. È un disco che coinvolge tutti i sensi, con la sua capacità di ribaltare costantemente i punti di riferimento proprio come accade quando cammini per Londra.

Mentre ascolti le tracce che compongono “Bobby Is Dead” è come se decidessi di prendere la metropolitana senza avere una meta precisa. Seguendo l’istinto, decidi dove fermarti e, una volta salito in superficie ti immergessi nel quartiere che ti si apre davanti agli occhi. La carica sbarazzina di “Yeah Yeah Yell” che lascia il posto alla dolce e melanconica melodia di “Six Six Cigarettes” – scelto come primo singolo – che mi ha ricordato i negozi coloratissimi che si trovano a New Cross, è solo un assaggio delle sperimentazioni della band che può picchiare duro e far pensare i Queen Of The Stone Age in “Haunted” grazie anche all’aiuto dei Dust & The Dukes, ma poi lanciarsi nei loop ipnotici di “Seven Eight Night”.

Menzione a parte per il secondo singolo “Never Made It To Hollywood” che scomoda Bo Diddley facendolo risuonare però nella notte acida di Camden e soprattutto per la title track: una funeral song che ogni rocker dovrebbe scegliere per il proprio ultimo saluto!

Articolo di Jacopo Meille

Tracklist “Bobby Is Dead”

  1. Intro
  2. Yeah Yeah Yell
  3. Six Six Cigarettes
  4. Honestly
  5. Undertaken #1 (feat. 10G)
  6. Never Made It To Hollywood
  7. Remix Six Cigarettes ( feat. X and Her)
  8. Undertaken #1 (feat. 10G)
  9. Seven Eight Night
  10. The Haunted (feat. Dust & The Dukes)
  11. Bobby Is Dead (feat. R. Brunori)

 Line up God Of The Basement

Tommaso Tiranno – voce / Enrico Giannini – chitarra e sampling / Rebecca Lena – basso e visual art / Alessio Giusti – batteria

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!