23/02/2024

Appino, Livorno

23/02/2024

Appino, Livorno

23/02/2024

Stef Burns with Mr. Feedback, Bergamo

23/02/2024

Bengala Fire, Torino

23/02/2024

Piqued Jacks, Pistoia

23/02/2024

Davide Van De Sfroos, Saronno (VA)

23/02/2024

Any Other, Piacenza

23/02/2024

Rosko’s, Cusano Milanino (MI)

23/02/2024

Billy Cobham, Milano

23/02/2024

Menk’, Bologna

24/02/2024

Appino, Bologna

24/02/2024

Appino, Bologna

Agenda

Scopri tutti

Have Mercy “Numb”

Brani fortemente emozionali devoti a un Pop chitarristico anni ’00 senza disdegnare elementi punk

Era da parecchi mesi che non sentivo un disco dagli States e come un fulmine a ciel sereno, direttamente dal Maryland, ecco qui gli Have Mercy. Poche le informazioni disponibili su questo quartetto originario di Baltimora; attivi dal 2009, quattro album all’attivo, tanti concerti in giro per gli USA e – soprattutto – una critica musicale poco cortese nei loro confronti, arrivando pure a definirli degli eterni perdenti che mai perderanno il loro status. Tralasciando le gratuite cattiverie giornalistiche e non, vi scrivo oggi del loro quinto album “Numb”. Uscito l’8 dicembre 2023 per la Rude Records, è composto da 10 brani altalenanti e fortemente emozionali, devoti a un Pop chitarristico anni ’00 senza disdegnare elementi punk estremamente leggeri, con testi che parlano della nuova relazione del cantante e della riparazione/disconnessione dei rapporti con le persone.

Apre le danze “Alive” e no, non è una cover dei ben più noti Pearl Jam: 3:21 minuti capaci di riecheggiare tutto il Post-Grunge dei primi anni 2000, dagli Hoobastank fino ai più mielosi Foo Fighters. La title track “Numb”, una ballad dall’alto tasso emotivo, va a smorzare notevolmente i toni, i quali, invece, si riaccendono in “Hey” con un ritornello più solare e speranzoso. “Friday”, tra U2 e Blink182 (si, può sembrare un ossimoro), risuona di un’inconsueta speranza malinconica. Un brano quasi adatto per primi amori adolescenziali. Chitarre acustiche e paesaggi sognanti in “Big Surprise”, capaci di gettarsi in una notevole e appiccicosa melodia. “Middle” riaccende le distorsioni e ci ricatapulta dritti agli inizi del nuovo millennio con un brano che non sarebbe sfigurato nella colonna sonora di American Pie. Con “I Can’t Stay” e “Sick Of It” tornano a mitigarsi – tra malinconia e disperazione giovanile – le atmosfere che, invece, si riaccendono con “Hit The Ground”. In chiusura “Floating”, dove un introspettivo inizio va a confluire nell’angosciante finale, perfetto per chiudere il sipario di un disco simile.

In fin dei conti “Numb” è un disco onesto e pertinente a un pubblico giovanile, grazie soprattutto alle meste melodie e agli echi di rabbia che qua e là si fanno strada. La poca voglia di buttarsi e cercare nuove soluzioni sono, sicuramente, i motivi delle critiche lette nel web, ma è evidente che a loro sta bene così. Come canta Andrea Appino l’arte è pensiero che esce dal corpo, e infondo chi siamo noi per giudicare?  Se siete dei nostalgici del vostro periodo adolescenziale allora questo è un album che fa per voi.

Articolo di Giulio Ardau

Track list “Numb”

  1. Alive
  2. Numb
  3. Hey
  4. Friday
  5. Big Surprise
  6. Middle
  7. I Can’t Stay
  8. Sick Of It
  9. Hit The Ground
  10. Floating

Line Up Have Mercy:  Brian Swindle voce, chitarra, tastiere / Andrew Johnson chitarra, cori / Todd Wallace batteria / Nick Woolford basso, cori

Have Mercy online:
Facebook: https://www.facebook.com/HaveMercyMD/
Instagram: https://www.instagram.com/havemercymd/
Web: https://www.ruderecords.com/pages/have-mercy

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!