01/03/2024

Appino, Perugia

01/03/2024

Appino, Perugia

01/03/2024

N*O*Y*S*E, Mezzago (MB)

01/03/2024

David Ellefson (ex Megadeth), Bergamo

01/03/2024

Giorgio Canali & Rossofuoco, Milano

01/03/2024

Davide Van De Sfroos, Gorgonzola (MI)

01/03/2024

Any Other, Bari

01/03/2024

Giorgio Canali & Rossofuoco, Milano

01/03/2024

Adam Bomb, Fondo (TN)

01/03/2024

Ilaria Pilar Patassini, Torino

02/03/2024

James Blunt, Milano

02/03/2024

Filippo Graziani, Pistoia

Agenda

Scopri tutti

Johann Sebastian Punk “Rinascimento”

Autoironica, divertente, leggera ma talvolta agrodolce, la scrittura appare sempre ben calibrata e ispirata

Pubblicato il 4 novembre 2022, “Rinascimento” è il nuovo lavoro discografico di Johann Sebastian Punk, al secolo Massimiliano Raffa, fuori su Cassis Publishing/Believe. Si tratta di un ep di 5 brani, un lavoro che, dopo quattro singoli già pubblicati nel 2022, gli ultimi due inclusi in questo ep, conferma il nuovo corso di questo progetto risorto a nuova vita nel 2021 dopo essere stato accantonato per tre anni dall’artista stesso.

La personale rilettura del Pop Rock, chiamiamolo italiano solo perché cantato in lingua madre, che oramai contraddistingue il percorso artistico del nostro, si conferma in questo suo nuovo lavoro e ascoltandolo ci piace pensare a Johann Sebastian Punk prima come un fan che come un musicista, uno di quegli appassionati di musica dal gusto trasversale, capace di andare dai Sex Pistols agli Electric Light Orchestra, passando per i Kraftwerk e Lucio Battisti.

Autoironica, divertente, leggera ma talvolta agrodolce, la scrittura di Joahann Sebastian Punk appare sempre ben calibrata e ispirata, l’iniziale “24 Ore”, già uscita come singolo, è una tavolozza piena di colori che ci conduce in mille luoghi per poi tornare a casa piacevolmente inebriati. Il Beat Rock della seguente “Senza Direzione”, il primo singolo pubblicato, ci lascia invece con un groove dentro che si stempera nella seguente “Acrobazia”, ballata liquida e dal retrogusto lisergico che pare inzuppata negli anni ’60 poi essere lasciata ad asciugare al sole dei giorni nostri.

L’elettronica, quella un po’ vintage degli anni ’80, accompagnata da una bella melodia è l’ossatura invece dei sette minuti di “Celebrità”, un brano che nella sua lunga coda strumentale richiama senza scampo le produzioni storiche di Giorgio Moroder contaminate da chitarre alla Gilmour e fraseggi di tastiera dal gusto prog. Chiude il lavoro “Risollevato” una ballata che funge da catalizzatore di tutti gli elementi che compongono la musica di Johann Sebastian Punk, per l’occasione verniciati con una mano pesante di archi e tastiere.

Canzoni o canzonette, decidete voi, la musica di questo “Rinascimento” segue in ogni caso un percorso che è quello scelto dall’autore, senza per forza sentire il bisogno di reinventare o trasgredire, Johann Sebastian Punk celebra un solo bisogno: quello del piacere di fare e ascoltare musica e, aggiungo io, ad alti livelli.

Articolo di Andrea Bartolini

Track list “Rinascimento”

  1. 24 Ore
  2. Senza direzione
  3. Acrobazia
  4. Celebrità
  5. Risollevato

Line up: Johann Sebastian Punk Voce, chitarre, tastiere / Matteo Cantaluppi Chitarra, tastiere, basso, batteria / Luca Anello Batteria / Carmelo Emanuele Patti Archi / Filippo La Marca Pianoforte, tastiere / Enrico Gabrielli Flauto / Roberto Dragonetti Basso / Daniel Plentz Percussioni

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!