03/03/2024

Appino, Roma

03/03/2024

Appino, Roma

03/03/2024

Shawn James, Milano

03/03/2024

James Senese JNC, Agrigento

03/03/2024

Suicide Silence, Milano

03/03/2024

Filippo Graziani, Milano

04/03/2024

Shawn James, Bologna

04/03/2024

Adam Bomb, Sacile (PN)

05/03/2024

IDLES, Milano

05/03/2024

Tinlicker, Milano

05/03/2024

Kim Petras, Milano

06/03/2024

Appino, Trento

Agenda

Scopri tutti

Krap Ymotana “Jam Therapy”

Tecnico mix di Funk e Progressive con sprazzi di Stoner e Grunge

Band nata in un limbo tra Pisa e Livorno. Esordisce così la biografia sui Krap Ymotana e per chi conosce il forte campanilismo che coesiste – da secoli – tra le due città, tutto questo fa sorridere. Ad ascoltare il loro primo lavoro ufficiale “Jam Therapy”, uscito il 2 febbraio e interamante autoprodotto, la rivalità tra le due città sembra acqua passata, complice anche il perfetto, quanto tecnico – rilevante il tecnicismo del trio – mix di Funk e Progressive con sprazzi di Stoner e Grunge. Tutto ciò va a confluire in un Alternative Rock a metà strada tra i primi Incubus e i più spavaldi Jane’s Addiction.

Funk ben udibile già da “I Ill light up This Joint Once You Stop Talking About Your Mother” che ci fa approdare in un ritornello estremamente orecchiabile a rammentare un po’ il Rock dei primi anni 2000. “Reykjavik” pare proseguire sulla stessa falsariga con un appiglio più classico, ma l’apparenza inganna già da metà brano: l’anima progressive inizia a prendere il sopravvento e un groove alla RATM ci accompagna praticamente fino alla fine. Echi di Alternative Metal in “DarKanatomY” che vanno a confluire in un continuum con la title track “Jam Therapy”, nel quale atmosfere più introspettive e sognanti prendono il soppravvento in un vero e proprio trip.

L’intima “Drama King” recupera suoni Post-grunge ’00 con un’anima psych, mentre l’onirica “sikarrA” con appiglio stoner e spirito progressive, ci accompagna fino a quello che è, a tutti gli effetti, il miglior brano del disco, “Martina”. Un susseguirsi di diverse emozioni e influenze in un perfetto viaggio sonoro lungo 8 minuti; paesaggi mesti e momenti più adirati anticipano il diabolico riff chitarristico, il quale si avventura in mezzo a panorami che non seguono linee dritte ma che si fanno trascinare dal momento. Da menzionare il superbo assolo di chitarra e la sezione ritmica estremamente valida. Solo chi osa vince. A concludere la strumentale stonereggiante quanto progressive “Outro”. Cala il sipario.

“Jam Therapy” è un notevole lavoro. La maturità compositiva della band è ben udibile e raggiunge l’apice con “Martina”. Apprezzabile, inoltre, la volontà di osare senza prefissare schemi ben precisi nelle strutture dei singoli brani, volontà che porta alla sperimentazione e al raggiungimento di sonorità sempre diverse e mai banali, capaci di toccare con mano due interi decenni di cultura rock con uno sguardo rivolto al futuro. In attesa del proseguo buon ascolto.

Articolo di Giulio Ardau

Track list “Jam Therapy”

  1. Intro
  2. Ill light up this joint once you stop talking about your mother
  3. Reykjavik
  4. DarK Anatomy
  5. Jam Therapy
  6. Drama King
  7. Sikarra
  8. Martina
  9. Outro

Line Up Krap Ymotana: Matyas voce, chitarra / Jhary batteria / Jacopo basso  

Krap Ymotana online:
Facebook https://www.facebook.com/Krapymotana/
Instagram https://www.instagram.com/krapymotana/

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!