19/04/2024

Ghostly Kisses, Milano

19/04/2024

Furor Gallico, Bologna

19/04/2024

Giovanni Truppi + Band vs Sibode DJ, Brescia

19/04/2024

Nobraino, Firenze

19/04/2024

Marlene Kuntz, Roncade (TV)

19/04/2024

Trophy Eyes, Milano

19/04/2024

Erlend Øye & La Comitiva, Bologna

19/04/2024

Malvax, Torino

19/04/2024

Lorenzo Polidori, Tommaso Doglia, Fabrizio Bianco, Firenze

19/04/2024

Blue Drama, Fiesole (FI)

19/04/2024

Will Hunt, Torino

19/04/2024

Finntroll, Milano

Agenda

Scopri tutti

Light And Scars “LITOW”

Il Rock mainstream di Sergio Marazzi si tinge di luce calda e diventa un abbraccio

LITOW (Light Is The Only Way), primo album del progetto Light And Scars, ha visto la luce il 16 giugno 2023, esattamente nel periodo in cui era giusto che uscisse: quando la morsa del freddo ha ormai allentato la stretta, la natura è rigogliosa per la primavera agli sgoccioli, e la luce che arriva a baciarti coi primi tepori ti rimette a nuovo. Sembrerò un po’ uno di quei giornalisti che si è fatto prendere la mano dalla poesia, ma in fondo è tutto qui il segreto che rende speciale il progetto Light And Scars. Dietro questo emblematico ossimoro si cela una sola mente: Sergio Marazzi. Un nome una garanzia, se si parla di Rock mainstream. Ma se negli album precedenti era la rivalsa, la sofferenza, la spinta per uscire dal grigio, dalla zona d’ombra, a trainare tutto, liriche comprese, stavolta sono il bianco e la positività a fare da motore, a pervadere composizioni che inducono ad aprirsi in un sorriso di speranza, qualunque palude si stia attraversando.     

Non mi volterò dall’altra parte / Non ignorerò la chiamata / Non sprecherò un altro giorno / Aspettando la nostra caduta recita la opener “Hope”. E questa chiamata che accoglie Sergio la sentiamo anche noi, mentre avanza il primo giro di acustica e la sua voce si fa strada fino a un ritornello che è pura americanità e frontiera. “On My Face” centra nelle liriche l’esatto manifesto professato dall’intero progetto: C’era un tempo in cui mi sentivo come un letto di fiume, così secco che perfino le pietre scappavano via. […] Ma oggi sto camminando lungo una strada assolata in un posto nascosto e solitario. 
Con “Next To You” arriva la prima ballad, intensa, emozionante… ma nonostante il racconto sia quello di un momento di crisi e impasse, il finale risulta salvifico nella rassicurazione della presenza, nel verbo dell’amore.

“Around The Bend”, lanciata da un fill di batteria, sboccia in un’apertura ampia e solare, una carezza solleticata da inserti di piano e parole di ferma fede, di fiducia in ciò che ci aspetta dietro la curva; anche quando tutto sembra perduto. “Tragic Spell” è di per sé un annuncio chiaro fin dal titolo; un brano più acido dei precedenti, roccioso, che lascia meno spazio al respiro, dedicato alla caducità di ognuno di noi, nessuno escluso. “Sad Times” parte sospesa su un piano delicato, forma una nuvola sonora sulla quale si alza la voce di Sergio, sicura e calda; una canzone che ha un’anima diversa, contaminata da campionamenti e da controcanti alla Mike Mills dei R.E.M. Siamo ormai nel cuore dell’album, non solo per mera scaletta.

Da “LITOW (Light Is The Only Way)”, chissà perché, mi aspettavo un One! Two! Three! Four! e un attacco alla Springsteen, con tutta la band a spingere anche l’anima. Ma non è così; ed è bello quando vieni sorpreso. Infatti continua la ricerca musicale e di arrangiamenti, l’accostamento giusto di suoni e strumenti, e anche un lavoro vocale diverso, più ampio. Una traccia che ti spinge a riascoltarla, insolita e bellissima. Senza dubbio, il pezzo più interessante del lotto. Con “Dreamer” si torna al chitarrismo più classico, un’altra ballata struggente a cui dà ulteriore spessore l’intervento vocale, da brividi, di un grande cantautore americano come Alejandro Escovedo.

L’andamento di “30 Silver Coins” è da profondo sud americano, e mi riporta immediatamente ad alcune chicche di Norah Jones. “Before It Rains”, pur nel suo procedere pacato e riflessivo, nasconde il messaggio politico più forte: un grido di battaglia a cui Sergio Marazzi ci chiede di unirci, in nome di quell’indignazione che, di fronte alle ingiustizie, dovrebbe scattare in tutti gli esseri umani.  
“Just A Matter Of Times”, primo singolo estratto, è una canzone in cui lo spirito della E Street Band si sente aleggiare chiaramente, non tanto nella scelta delle note quanto nell’approccio. Il brano è supportato da un efficace e colorato videoclip girato da Stefano Giorgetti (UberStudio), da vedere e da ballare senza freni (cliccare sul link per credere). Ma non fatevi ingannare dal tiro Rock disimpegnato, perché il tema resta negli stessi luoghi della precedente traccia: un’accusa socio-politica decisa e senza sconti. Un monito per tutti noi, ciechi e muti, a 90 gradi per la maggior parte del tempo: La Bestia è qui, in cerca di sangue. Assetata e crudele, si aggira nel fango. Non abbastanza, vuole sempre di più. Nessuno può rimanere vivo nella sua sporca guerra. Una nave che punta dritto…

E punta dritto al finale anche il disco, che chiude con “A New Day’s Gonna Come”, oscura e suadente, amara ma piena di voglia di riscatto e ricerca di sicurezza, in attesa di raggiungere il posto che tutti aneliamo: quella collina sicura, dove posso continuare a respirare e far riposare la mia anima.  
LITOW (Love Is The Only Way), prodotto e arrangiato da Don Antonio, registrato da Ivano Giovedì al Waveroof Studio, è nato in un luogo magico sulle colline romagnole, Il Crinale, e l’atmosfera che Sergio Marazzi deve aver respirato in quel posto si sente tutta. La speranza, ora, è che il Nostro non aspetti altri 12 anni per il prossimo disco, e che il progetto Light And Scars trovi subito nuova linfa per continuare a esistere. Perché abbiamo sempre più bisogno di pacche sulle spalle sotto forma di parole; abbiamo sempre più bisogno di abbracci di note.

Articolo di Simone Ignagni 

Track List “LITOW (Light Is The Only Way)”

  1. Hope
  2. On My Face
  3. Next To You
  4. Around The Bend
  5. Tragic Spell
  6. Sad Times
  7. LITOW (Light Is The Only Way)
  8. Dreamer
  9. 30 Silver Coins
  10. Before It Rains
  11. Just A Matter Of Times
  12. A New Day’s Gonna Come

Line up Light And Scars: Light and Scars Voce, chitarra acustica / Don Antonio Chitarre elettriche e acustiche, basso, lap steel, chitarra baritono, synth, tastiere / Piero Perelli Batteria, percussioni / Nicola Peruch Piano, hammond, synth, tastiere / Denis Valentini Batteria traccia 7, percussioni, background vocals / Daniela Peroni Background vocals / Alejandro Escovedo Voce traccia 8


Light And Scars online:
Official Site – https://www.lightandscars.com/
YouTube – https://www.youtube.com/@LightandScars

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!