16/04/2024

Patrick Wolf, Roma

16/04/2024

Erlend Øye & La Comitiva, Milano

16/04/2024

Cristina Donà e Saverio Lanza, Pisa

16/04/2024

Spite, Milano

16/04/2024

Tré Burt, Savona

17/04/2024

Benjamin Ingrosso, Milano

17/04/2024

The Jesus And Mary Chain, Milano

17/04/2024

Erlend Øye & La Comitiva, Torino

17/04/2024

Patrick Wolf, Milano

17/04/2024

The Jesus And Mary Chain, Milano

17/04/2024

Twenty One Pilots, Bologna

17/04/2024

Tré Burt, Milano

Agenda

Scopri tutti

Little Albert “The Road Not Taken”

Sonorità rock blues in un viaggio sonoro fra strade polverose e deserte

Il secondo album solista di Little Albert, fuori il 29 marzo per Virgin Music / Universal Music, dimostra tutte le doti tecniche ed espressive di questo chitarrista. “The Road Not Taken” è un disco interessantissimo che rende omaggio ai grandi nomi del Blues rimanendo comunque ancorato a influenze moderne. Già conosciuto come chitarrista del gruppo italiano dei Messa, in questo album è possibile ascoltarlo in una versione molto diversa, vicina alle sue radici musicali.

Il viaggio musicale inizia con “Still Alive” un’ottima combinazione di Rock Blues con influenze stoner. Il sound è curato ed evocativo, ascoltandolo a occhi chiusi si viene lanciati su strade deserte e polverose. La voce di Little Albert è perfettamente amalgamata agli strumenti diventando uno strumento narrativo assieme alla sua chitarra. Con la seconda traccia “Demon Woman” ci muoviamo invece su dei licks molto classici del Blues arrivando in alcuni passaggi a evocare l’hendrixiana “Red House”. Il sound, molto semplice e gradevole, riesce a mettere in risalto il fraseggio e la tecnica chitarristica, un vero e proprio omaggio ai maestri del genere.

Si ritorna sulle strade polverose con “See My Love Coming Home” dove si possono percepire le varie influenze di questo chitarrista che affondano sicuramente negli anni Settanta. Atmosfere on the road evocate con grande gusto grazie all’uso degli effetti soprattutto di modulazione. Nei successivi brani dell’album, le modulazioni saranno ancora più accentuate regalando un tono di Psichedelia agli arrangiamenti e lasciando emergere l’ottimo livello compositivo negli assoli. Nonostante la notevole tecnica, la chitarra di Alberto Piccolo (vero nome di Little Albert) non è mai eccessiva e non cerca di impressionare l’ascoltatore, ma rimane sempre molto misurata e piacevole da ascoltare pur mettendo in risalto le sue doti chitarristiche.

L’album termina con “This House Ain’t No Home” chiudendo in bellezza un viaggio di sette brani che fa venire voglia di riascoltare subito il disco da capo. La produzione curata, la bravura dei musicisti e la classe di Little Albert, rendono questo “Road Not Taken” una vera perla nell’attuale panorama musicale blues italiano.

Articolo di Daniele Bianchini

Track list “The Road Not Taken”

  1. Still Alive
  2. Demon Woman
  3. See My Lovin Coming Home
  4. Hiding All My Love Away
  5. Blue and Lonesome
  6. Magic Carpet Ride
  7. This House Ain’t No Home

Little Albert online:
Facebook https://www.facebook.com/littlealbertblues
Instagram https://www.instagram.com/littlealbertblues/

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!