Luka Kuplowsky

Luka Kuplowsky “Stardust”

Luka Kuplowsky “Stardust” – Mama Bird Recording 2020 C’era una volta un cantautore, uno di quelli con la chitarra, la perenne malinconia latente, le canzoni d’amore e tutto il resto. E poi c’è Luka Kuplowsky.

Luka Kuplowsky “Stardust” – Mama Bird Recording 2020

C’era una volta un cantautore, uno di quelli con la chitarra, la perenne malinconia latente, le canzoni d’amore e tutto il resto. E poi c’è Luka Kuplowsky. Dal 2 ottobre 2020 c’è anche un nuovo disco da ascoltare, “Stardust”, una piccola favola raccontata con delicatezza e maestria. Ma andiamo con ordine.

Dopo l’EP di cover “Judee Justin Arthur Mary” uscito a inizio anno, arriva il quarto lavoro discografico dell’artista canadese dal titolo “Stardust”, pubblicato per Mama Bird Recording, registrato agli Union Sound Studios e anticipato dalla titletrack “Stardust” e dai singoli “Crazy” e “Positive Push”.

Luka Kuplowsky

Le 11 tracce del disco si rifanno pienamente a un cantautorato folk jazz di estrema finezza, che parla attraverso le voci di musicisti di evidente bravura e eccezionale sensibilità: Evan Cartwright (batteria e alle percussioni), Thom Gill (Chitarra, Piano), Josh Cole (Basso, Synth) e una piccola squadra di fiati (Anh Phung – Flauto, Brodie West – Sax Alto, Nicole Rampersaud – Tromba) e archi (Aline Homzy – Violino e Viola, Beth Silver – Violoncello) a dare un tocco unico a un sound già di per sé fuori dal comune.

Da un lato la scrittura raffinata di un autore in grado davvero di distinguersi  (Ho fatto arrossire un angelo, / con la mia sofferenza? / Con la mia perdita? / O non è stato abbastanza? / Quell’angelo mi ha spazzato via / come polvere di stelle?, “Stardust”), dal cantato quasi sussurrato, penetrante e catalizzatore di attenzione, mentre ti chiede Puoi sentire la mia voce / in mezzo a tutto questo rumore? / Io ascolterò la tua (nella bellissima “Sayonara Blue”); dall’altro arrangiamenti curati, originali, straordinariamente evocativi, che non stancano mai l’ascolto e stupiscono in continuazione. La ripresa della voce e degli strumenti ricrea perfettamente la spazialità dei suoni, dando l’impressione di trovarsi in studio, completamente avvolti.

C’è un senso della misura incredibile nel calibrare così bene una tale quantità di elementi perché non lascino sopraffatti, inducendo a distrarsi: questo è un album capace di regalare una perfetta visione d’insieme, è un lavoro compiuto, un piatto cucinato alla perfezione, con precisione e sentimento. Oh, Canada, non avrai davvero pensato di tenerti questa perla preziosa soltanto per te?

Quando la pioggia si fa pesante, per me un altro bicchiere di vino” … E questo disco in sottofondo, grazie.

Articolo di Valentina Comelli

Track List “Stardust”

  1. Do I Have to Be 3
  2. Never Get Tired (Of Loving You)
  3. Stardust
  4. Crazy Love
  5. Rough Times
  6. City by My Window
  7. Positive Push
  8. Sayonara Blue
  9. Skyline
  10. Stardust (Reprise)
  11. Be New

Line Up Luka Kuplowsky

Luka Kuplowsky – Voce, Chitarra

Evan Cartwright – Batteria, percussioni

Thom Gill – Chitarra, Piano, Wurlitzer

Josh Cole – Basso, Synth

Felicity Williams – Cori

Robin Dann – Cori

Anh Phung – Flauto

Brodie West – Sax Alto

Nicole Rampersaud – Tromba

Aline Homzy – Violino, Viola

Beth Silver –  Violoncello

Craig Harley – Organo

Ian Daniel Kehoe –  Synth

 

 

 

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!

24/09/2021

Zucchero, Verona

24/09/2021

Piero Pelù, Firenze

25/09/2021

Zucchero, Verona

26/09/2021

City of the Sun, Milano

26/09/2021

City of the Sun, Bologna

26/09/2021

Omar Pedrini, Erba

27/09/2021

Sting, Taormina

06/10/2021

Zucchero, Firenze

23/10/2021

Ancillotti, San Marino

Agenda

Scopri tutti