30/05/2024

American Football, Milano

30/05/2024

Sgranar per colli & Bellavista Social Fest 2024, Buggiano (PT)

30/05/2024

Cor Veleno, Nerviano (MI)

30/05/2024

Nils Frahm, Milano

30/05/2024

Nils Frahm, Milano

30/05/2024

Vintage Violence, Novate Milanese (MI)

30/05/2024

Giorgio Canali & Rossofuoco, Roma

31/05/2024

Gabriella Martinelli, Firenze

31/05/2024

Diaframma, Buggiano (PT)

31/05/2024

Charlotte Sands, Milano

31/05/2024

Indie Head Quarter 2024, Malborghetto di Boara (Ferrara)

31/05/2024

Wacken Metal Battle Italy 2024, Firenze

Agenda

Scopri tutti

Melvins “Tarantula Heart”

Carriera sempre fuori dagli schemi e da certe logiche

Esce per la leggendaria Ipecac Records il 19 aprile il nuovo disco di una delle band meno convenzionali di sempre: i Melvins. Una carriera sempre fuori dagli schemi e da certe logiche che ne fanno per me già un motivo di ammirazione. “Tarantula Heart” non fa altro che continuare la tradizione, proseguendo un cammino che però parla anche di una certa evoluzione. Evoluzione in cosa? Beh nell’imprevedibilità soprattutto compositiva, e della scelta di suoni. L’album dura una quarantina di minuti di cui 19 sono ad appannaggio di una opening track devastante, che in realtà si muove su pochi riff portati all’esasperazione e alcuni cambi di stampo rumoristico e quasi certamente frutto di jam o improvvisazioni, con i microfoni ambientali sparati a mille. Le altre quattro canzoni hanno una durata più “normale” anche se “normali” non lo sono affatto. A tutti gli effetti la parola “normale” in relazione a questo disco non dovrebbe essere mai usata.

Dalle dichiarazioni del membro più rappresentativo dei Melvins, King Buzzo, trapela senza troppi veli il fatto che la band sia entrata in studio senza i brani totalmente pronti e li abbia adattati in itinere. Ma non è tutto. A quanto sembra il contributo del batterista Roy Mayorga, che personalmente reputo stratosferico, è avvenuta allo stesso modo, aggiungendosi così alla già esistente parte batteristica dello storico Dale Crover sempre durante le sessioni di registrazione. Cioè senza aver provato prima. Sì, avete capito bene. In questo disco ci sono due batterie.

Probabilmente l’unico che aveva in testa qualche intuizione su come dovesse suonare “Tarantula Heart” era il solo King Buzzo. Ma se per molti questo risulta assurdo, per certi altri la musica è anche questo. Per i Melvins a quanto pare la componente selvaggia e istintiva non possono essere in altra posizione se non in quella di comando.

“Tarantula Heart” di cosa parla? Non lo so, e probabilmente in questo preciso caso è secondario. È più importante il linguaggio che viene usato, cioè quello dell’impeto creativo, rispetto al messaggio stesso.  I Melvins dovrebbero tenere delle lectio magistralis sulla creatività in tutti i Conservatori del mondo, ma probabilmente il risultato sarebbe che gran parte degli studenti inizierebbero a rifiutare le regole che gli vengono insegnate e inizierebbero a sperimentare, sperimentare e sperimentare. È lontana da me l’intenzione di dire che questo sia un disco grezzo e privo di abilità tecniche: anzi. È esattamente il contrario. Tutti i musicisti coinvolti in questo delirio benedetto sono mostruosi, e lo dimostrano pure anche senza bisogno di cadere in onanistici solo et similia.

Volete un disco da ascoltare durante i vostri apericena del sabato nei vostri locali fighetti, vestiti fighetti, sorseggiando long drink o flute di champagne? Non è questo. Ma sarebbe fighissimo impadronirsi della console del dj e sparare a cannone “Allergic to food” in un contesto del genere. Dissacrante! Il titolo del dico dice già tutto. Su avanti. Facciamo un sondaggio su chi di voi nell’arco di una vita intera ha pensato al cuore di una tarantola. Nell’immaginario di tutti penso che togliendo gli appassionati di aracnidi e simili, sia una immagine che mai possa essersi costruita nell’ immaginazione di qualcuno.

Eccovi, dunque, un termine di paragone per dire quanto inusuale sia questo nuovo lavoro dei Melvins. Questo è un disco che dovrebbe diventare il simbolo della creatività. “Tarantula Heart” non è un disco a briglia sciolta: è un disco che non considera nemmeno l’esistenza delle briglie. Un must have assoluto.

Articolo di Bruno Giraldo

Tracklist “Tarantula Heart”

  1. Pain Equals Funny
  2. Working the Dich
  3. She’s got Weird Arms
  4. Allergic to food
  5. Smiler

Line up Melvins: King Buzzo guitar vocals noise / Dale Crover drums vocals / Gary Chester guitars / Steven Mcdonald bass vocals / Roy Mayorga drums synth

Melvins online:
Facebook: https://www.facebook.com/melvinsarmy
Instagram: https://www.instagram.com/melvinsdotcom/
Website: https://www.themelvins.net/

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!