14/07/2024

Ludovico Einaudi, Roma

14/07/2024

Escape the Fate, Milano

14/07/2024

Massimo Silverio, Locorotondo (BA)

14/07/2024

Porretta Prog Legacy, Porretta Terme (BO)

15/07/2024

Calexico, Milano

15/07/2024

Mogwai, Bologna

16/07/2024

Black Eyed Peas, Rho (MI)

16/07/2024

Cristiano De André, La Spezia

16/07/2024

Blue, Bologna

16/07/2024

Crocodiles, Marina di Ravenna (RA)

17/07/2024

Thomas Umbaca, Camaldoli (AR)

17/07/2024

Ludovico Einaudi, Stresa (VB)

Agenda

Scopri tutti

Re-X “Tornare a vivere”

Genuino Rock nostrano con contaminazioni di Metal e Post Punk

È una botta di energia l’album del gruppo romano Re-X “Tornare A Vivere”, fuori dal 10 novembre. Nel disco autoprodotto di tredici tracce, convivono idee e slanci musicali diversificati: genuino Rock con contaminazioni di Metal e Post Punk, ma non mancano spunti melodici che vanno a controbilanciare i momenti più incandescenti.

Il gruppo inizia l’attività nel 2020 e pubblica nel 2021 un ep omonimo di quattro brani che li lancia nel panorama musicale nostrano, regalandogli con merito le finali di Sanremo Rock nel 2022. Dopo qualche vicissitudine occorsa all’organico, trovano assetto definitivo in una line up a tre elementi: voce, chitarra e batteria.  Grazie alla forte alchimia di questa formazione e a un intenso lavoro in studio, la band dà forma al nuovo lavoro, realizzando gli obiettivi prefissati nel progetto iniziale. Il gruppo dimostra coraggio nel realizzare un’opera che include pezzi sia in lingua italiana che in inglese, scelta che lascia presupporre un respiro internazionale.

“Tornare a Vivere” è un concept album, un disco che delinea il duplice percorso evolutivo di una persona. Nelle vicende narrate, viste con gli occhi dei vari protagonisti, si alternano le fasi concrete della vita e i momenti esperienziali vissuti sulla pelle, all’aspetto introspettivo, che trae slancio dalle consuetudini. Un viaggio che vuole essere soprattutto un’occasione di crescita personale. L’eterogeneità dei brani conferisce al lavoro un feeling peculiare nel suono e nelle liriche, inserendolo nel contesto di un percorso intimista che lascia spazio ai sogni. Si percepisce un tratto distintivo dello stile acquisito dalla band, ora aggressivo, ora più delicato.

I pezzi si dipanano attraverso la corposità dei riff, assoli di chitarra e la voce di Crystal Emiliani, capace di salire vorticosamente come nei brani “Il costo della velocità” e “Carattere di merda”, dai testi molto diretti. Alcuni pezzi sono senza dubbio potenziali hit, scandite da evoluzioni dinamiche adatte a passaggi radiofonici. “Paris”, introdotto dal violoncello, si snoda in un accattivante ritornello, così come rapiscono le chitarre taglienti di “If You Leave Me”. Tutti i brani vengono introdotti da momenti più intimisti prima di scatenare la loro vigoria.  “Il prezzo di una scommessa” inizia come una ballata; stessa cosa avviene nel ritmo metal di “La mia pelle”, o nella melodia di “Sogni senza importanza”. Quest’ultimo pezzo lascia il segno specialmente nel ritornello con i suoi intrecci strumentali evocativi. La voce magnetica e graffiante della vocalist qui si esalta ancora di più, prima che l’assolo di chitarra di Francis D. Mary intervenga a colorare un suono già effervescente. Non di meno importante il ritmo propulsivo del batterista Ivan Daniele, l’ultimo arrivato nella band che dimostra una perfetta integrazione nelle sonorità dell’ensemble.

Il percorso raggiunge il suo apice nella title track che cela nei versi più di quanto ci conceda a un primo frammentario ascolto. Qui i riff ricordano venature grunge; c’è una forza di impatto che fonde Psichedelia e Metal e la voce filtrata ben si sposa con l’intensità dei riff. Il testo sembra una sorta di esortazione a ritrovare sé stessi: aiutami, aiutami a cambiare e convincimi a ripartire da qui. Gli ultimi brani sono due bonus track, “He’s my Skin” e “Shitty Personality” e corrono in una girandola trascinante riproponendo i già menzionati “La mia pelle” e “Carattere di merda” in lingua inglese. 

La copertina, raffigurante il volo di una fenice, è un’ottima esemplificazione del tragitto compiuto dalla band con questo album. Il mitologico uccello, che risorge dalle proprie ceneri, rappresenta allegoricamente il coacervo di sensazioni affioranti nel disco che, anziché disperdersi nel buio, emanano una forza che spinge verso un futuro radioso. I tre musicisti desiderano regalare emozione e raggiungono l’intento in un progetto che non può non toccare l’animo di chi ascolta. Un album davvero interessante per una band nostrana di sicura prospettiva.

Articolo di Carlo Giorgetti

Tracklist “Tornare a Vivere”

  1. Il Costo della Velocità
  2. La mia Pelle
  3. If You Leave Me
  4. Paris
  5. Carattere di merda
  6. Il prezzo di una scommessa
  7. On my Knees
  8. Sogni senza importanza
  9. My Perfect Life
  10. I’m not Myself Anymore
  11. Tornare a vivere
  12. He’s my Skin (bonus track)
  13. Shitty Personality (bonus track)

Line up Re-X: Crystal Emiliani voce, cori / Francis D. Mary chitarre, voce, cori / Ivan Daniele batteria, percussioni

Re-X online:
Website:  https://www.re-x.it/
Facebook: https://www.facebook.com/ReXpaginaufficiale/
Instagram: https://www.instagram.com/re.xofficial/
Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCbm6Sem-MSMDxGcO3nm9kQw

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!