30/05/2024

American Football, Milano

30/05/2024

Sgranar per colli & Bellavista Social Fest 2024, Buggiano (PT)

30/05/2024

Cor Veleno, Nerviano (MI)

30/05/2024

Nils Frahm, Milano

30/05/2024

Nils Frahm, Milano

30/05/2024

Vintage Violence, Novate Milanese (MI)

30/05/2024

Giorgio Canali & Rossofuoco, Roma

31/05/2024

Gabriella Martinelli, Firenze

31/05/2024

Diaframma, Buggiano (PT)

31/05/2024

Charlotte Sands, Milano

31/05/2024

Indie Head Quarter 2024, Malborghetto di Boara (Ferrara)

31/05/2024

Wacken Metal Battle Italy 2024, Firenze

Agenda

Scopri tutti

Redwolves “Future Becomes Past”

Colpiscono duro e al cuore, scomodando il paragone con i Rival Sons

Non c’è da niente da fare: il nord Europa è ormai la patria dell’Hard Rock. Negli ultimi 15 anni Danimarca, Svezia e Norvegia hanno ridato linfa al suono saturo delle Gibson, riuscendo laddove molti hanno fallito: trovare un equilibrio tra passato e presente. I Redwolves di Copenhagen sono gli ultimi arrivati ma hanno già trovato questo equilibrio. In “Future Becomes Past”, il loro esordio discografico, suoni sporchi, batterie “vere” che rifuggono i tanto odiati trigger e un suono delle chitarre che sembra arrivare direttamente degli anni ’70. Sfido chiunque a non ritrovare echi dei migliori Uriah Heep nell’opener “Plutocracy” per poi lasciarsi andare in una air guitar dance nella seguente “Rigid Generation”, perfetto singolo ancora non pubblicato.

A volte tutto suona così bene da sembrare prevedibile, ma non è così; la prevedibilità in questo caso è in realtà quel senso di “riscoperta” da parte dell’ascoltatore di come un disco hard rock dovrebbe essere. Il quartetto sa anche giocare con la dinamica come nella lunga “The Pioneer” più propriamente stoner, ma non perde mai di vista il presente e il fatto che il pubblico a cui aspirano ha magari iniziato ad apprezzare il Rock con “Absolution” dei Muse.

Non preoccupatevi però; dal trio inglese hanno solo preso in prestito quel tocco di epicità ed enfasi che non guasta. Permettetemi di essere blasfemo: è come se al centro ci fosse l’energia allo stato puro che il Rock deve infondere, alla destra le canzoni e alla sinistra il senso di immedesimazione e complicità immediata tra ascoltatore e band. I Redwolves sin dal primo disco – ma attenzione sono attivi dal 2012! – colpiscono duro e al cuore, scomodando il paragone con i Rival Sons, una delle poche “vere” rock band nate negli ultimi anni. Adesso non resta che sperare che il quartetto regga il confronto con se stesso, e ci stupisca ancora negli anni a venire.

Articolo di Jacopo Meille

Track list “Future Become Past”

  1. Plutocracy
  2. Rigid Generation
  3. The Abyss
  4. Fenris
  5. The Pioneer
  6. Voyagers
  7. Farthest From Heaven
  8. Temple Of Dreams

Line up Redwolves:  Rasmus Cundell Vocals / Simon Stenbæk Guitar / Nicholas Randy Tesla Jørgensen  Bass / Kasper Rebien Drums

Bandcamp: https://redwolvesmusic.bandcamp.com/

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!