SeeYouSpaceCowboy

SeeYouSpaceCowboy “The Romance Of Affliction”

Gli amanti dello Screamo/Metalcore/Djent faranno salti di gioia, qui I generi e sottogeneri sono racchiusi come un’enciclopedia di citazioni e prestazioni

Fuori il 5 novembre 2021 per Pure Noise Records, “The Romance Of Affliction” è il secondo album dei SeeYouSpaceCowboy, band di San Diego che prende il nome da una frase mostrata in molte End Cards dell’anime Cowboy Bebop. Album estremamente di genere, gli amanti dello Screamo/Metalcore/Djent faranno salti di gioia, visto che tutti i generi e sottogeneri dell’Emo/Screamo anni 2000 sono racchiusi come un’enciclopedia di citazioni e prestazioni.

La band ama definirsi, a detta della cantante Connie Sgarbossa, SassCore – da sassy, che si traduce in italiano “impertinente” ma che in lingua anglofona si può definire cheeky, insolent, brash, pert etc etc. Il disco è il modo di Connie per combattere I suoi demoni personali e cercare di gestire le proprie paure e ansie; lei confessa che dopo due settimane dalla fine del disco ha rischiato di morire per overdose, dichiarando che il fatto è la manifestazione concreta di ciò che ha messo nelle tredici canzoni del disco.

Se si passa alla parte stilistica, il disco si divide in passaggi tipici dello Screamo ed Emocore dei tempi d’oro, ricordando a tratti I Fightstar o I Funeral For A Friend, andando in parti più estreme (come i Growl o gli Scream) che riflettono un amore per la scena britannica (vedi “Bring Me The Horizon” di Suicide Season e gli Architects di “Hollow Crown”).

Accenni minimi ai Dillinger Escape Plan, padri indisscussi del Djent, sbucano in ogni angolo quando le sospensioni in doppiacassa con chitarra grasse e stridule appaiono. Lo Djent. Che poi lo Djent è il fratello stupido e maleducato del MathCore. Lo dico giusto per guardarci in faccia e dirci la verità. Tredici tracce, con un paio di scenette che vanno ad alleggerire il bagaglio pesante di problematiche e afflizioni della Sgarbossa, con una serie di ospiti veramente interessanti, vedi SHAOLIN G in “Sharpen What You Can”, oppure If I Die First in “The Romance Of Affliction”.

Analisi finale: se amate il MetalZoom e le chitarra a sette corde, Il punch della cassa pulitissimo e definito, atmosfere che passano da Blast-Beats a Sludge-Core, cantati melodici con note altissime che si alternano con urla, allora è pane per I vostri denti. Astenersi perditempo.

Articolo di Alessandro Marano

Track list “The Romance Of Affliction”

1. Life As A Soap Opera Plot, 26 Years Running (ft. Keith buckley)
2. Misinterpreting Constellations
3. The End To A Brief Moment of Lasting Intimacy
4 . Sharpen What You Can (ft. SHAOLIN G)
5. With Arms That Bind and Lips That Lock
6. Losing Sight Of The Exit…
7.  …And My Faded Reflection In Your Eyes
8. Intersecting Storylines To The Same Tragedy (ft. Aaron Gillespie )
9. Ouroboros As An Overused Metaphor
10. Anything To Take Me Anywhere But Here
11. The Peace in Disillusion
12. Melodrama Between Two Entirely Bored Individuals
1 3.The Romance Of Affliction (ft. If I Die First)

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!

02/12/2021

Claudio “Gallo” Golinelli, Pistoia

02/12/2021

Andrea Chimenti, Roma

02/12/2021

Nanowar of Steel, Campobasso

03/12/2021

Nanowar of Steel, Bari

04/12/2021

Nanowar of Steel, Cosenza

04/12/2021

Roberto Angelini, Pisa

05/12/2021

Andrea Chimenti, Taranto

05/12/2021

Roberto Angelini, Milano

07/12/2021

Nanowar of Steel, Firenze

08/12/2021

David “Boosta” Dileo, Roma

09/12/2021

Flavio Ferri, Pistoia

11/12/2021

Lovesick Duo, Bologna

Agenda

Scopri tutti