Son Volt “Electro Melodier”

Disco solido, onesto e ricco, con una forte dose melanconica che non frena il ruggire delle scalette

Chissà se Jay Farrar, leader e fondatore dei Son Volt, se la vive bene a essere considerato tra i padrini del genere “Americana” e “Alternative Country”. Tutte le vote che ascolto un nuovo disco della band, io mi ritrovo solo a godere delle loro canzoni senza troppo soffermarmi a definirle.

“Electro Melodier”, fuori su Thirty Tigers il 30 luglio 2021, non è da meno; un disco solido, onesto e ricco, con una forte dose melanconica che non frena il ruggire delle scalette. E non poteva essere altrimenti visto la scelta di chiamare l’album utilizzando due nomi di famosi amplificatori degli anni ’50 e ’60.

Le canzoni dei Son Volt raccontano l’America, come tante altre, ma hanno il pregio di soffermarsi sui particolari: è come se, entrando in un qualsiasi bar posto lungo una delle innumerevoli interstatali, potessi leggere nella mente di chi si trova al suo interno, ora seduto al bancone, o che gioca a biliardo in fondo alla sala o che è appena andato al cesso. La voce di Farrar, a metà strada tra quella di Michael Stipe e Tom Petty, ci inonda del suo flusso di coscienza, dei suoi pensieri e delle suoi ricordi o sogni.

Melanconia, non tristezza, questo il sentimento che domina il disco, con questo costante rimando sonoro al passato, con l’organo hammond che, sornione, tesse la sua tela armonica mentre le chitarre acustiche sembrano segnare lo scorrere inesorabile del tempo, come lancette polverose di un orologio che da troppo tempo è appeso in una cucina in cui non si cucina da tempo, ma si consumano solo cibi precotti. “These Are The Times”, canta Jay, e mentre canta queste parole, è come se in lui ci fosse il desiderio che qualcosa cambierà, ma la speranza e le forze sono sempre più labili.

Articolo di Jacopo Meille

Track list “Electro Melodier

  1. Reverie
  2. Arkey Blue
  3. The Globe
  4. Diamonds and Cigarettes
  5. Lucky Ones
  6. War on Misery
  7. Living In The USA
  8. Someday Is Now
  9. Sweet Refrain
  10. The Levee On Down
  11. These Are The Times
  12. Rebetika
  13. The Globe / Prelude
  14. Like You

Line up Son Volt

Jay Farrar: voce, chitarre acustiche ed elettriche / Mark Spencer: piano, organo, chitarra acustica slide, lap steel, cori / Andrew DuPlantis: basso e cori / Chris Frame: chitarre / Mark Patterson: batteria e percussioni

Ti è piaciuto? Condividilo!

22/09/2021

Zucchero, Taormina

22/09/2021

Zucchero, Roccella Jonica

22/09/2021

Little Pieces of Marmelade, Firenze

24/09/2021

Zucchero, Verona

24/09/2021

Piero Pelù, Firenze

25/09/2021

Zucchero, Verona

26/09/2021

City of the Sun, Milano

26/09/2021

City of the Sun, Bologna

26/09/2021

Omar Pedrini, Erba

27/09/2021

Sting, Taormina

06/10/2021

Zucchero, Firenze

23/10/2021

Ancillotti, San Marino

Agenda

Scopri tutti