08/02/2023

Electric Callboy + Holding Absence, Milano

08/02/2023

Foy Vance, Milano

08/02/2023

Pvris + Charlotte Sands, Milano

08/02/2023

Beast in Black, Trezzo sull’Adda

09/02/2023

Foy Vance, Bologna

09/02/2023

Foja, Roma

10/02/2023

Diaframma, Bergamo

10/02/2023

Fanfara Station, Poggibonsi

10/02/2023

I Fiumi, Lugagnano

10/02/2023

BardoMagno, Pistoia

10/02/2023

Strana Officina, Torino

10/02/2023

Rancore, Treviso

Agenda

Scopri tutti
Spiritraiser

Spiritraiser “Ciklos”

Prog di qualità, eseguito con perizia e maestria, testi coraggiosi e forti

Intrigante, assolutamente intrigante e potente. Questo è “Ciklos”, l’ album del gruppo Spiritraiser, fuori dal 25 marzo 2022 e pubblicato dalla italiana Luminol Records. La band finlandese, originaria di Helsinky, non è al debutto avendo già all’attivo un disco “Inspiral” uscito il 28 settembre 2018, ma è questo il lavoro che si può definire come quello della maturità artistica.

Come al solito si potrebbero sprecare una marea di definizioni per coniare lo stile del gruppo: Alternative, Ambient, Metal, Hard/Rock, in realtà, pur non escludendo a priori nessun genere, questo è sicuramente un Prog di qualità, eseguito con perizia e maestria. 53 minuti di intensità pura, 10 brani la struttura del lavoro, con poche sbavature. Il suono nelle sue trame risulta assolutamente originale, corposo e fantasioso. Nell’album si susseguono momenti più duri ad atmosfere magiche colorate da tastiere, sintetizzatore o delicati arpeggi di chitarra. Molto originale anche la tonalità vocale del cantante Jules Näveri, che ben si adatta alle variazioni sonore.

Album concept, tutti i pezzi risultano legati da un filo conduttore. I testi, ideati e scritti dallo stesso Näveri , ruotano intorno alle vicende di una storia concernente lo sviluppo, dove un’entità superiore assegna prove a sfidanti per permettere loro il passaggio a un ciclo evolutivo più elevato che consenta la prevalenza del bene sul male.

Liriche coraggiose, forti, non semplici da interpretare musicalmente e qui entra in gioco la raffinatezza e preparazione dei musicisti. Proprio per queste ragioni, il disco può risultare di non immediata assimilazione, va ascoltato nella sua interezza e più volte per apprezzarne a pieno le peculiarità.

Mi entusiasmano “Invisible Enemy” con il suo intro indie, l’arpeggio della chitarra seguito poi da potenti riff e gran ritmo, l’atmosfera evocativa di “Stream” con un Naveri superlativo, l’effervescenza di “Quipu”, pezzo che, a mio giudizio, merita passaggi in FM, chitarra finale da brividi, le scorribande sonore di “Fearism”, il suono melodico e classicheggiante della conclusiva “Mountain”.
Un disco coinvolgente, lo consiglio caldamente.

Articolo di Carlo Giorgetti

Tracklist “Ciklos” 

  1. Artificial Light
  2. Invisible Enemy
  3. Glory
  4. Stream
  5. Quipu
  6. Sirens
  7. Fearism
  8. Virgin Soil
  9. TheWrong Giants
  10. Mountain

Line Up Spiritraiser: Jules Näveri Voce / Anssi Routanen Basso / Uula Korhonen Chitarra / Kristian Merilahti Batteria e percussioni, rogrammazione

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!