08/02/2023

Electric Callboy + Holding Absence, Milano

08/02/2023

Foy Vance, Milano

08/02/2023

Pvris + Charlotte Sands, Milano

08/02/2023

Beast in Black, Trezzo sull’Adda

09/02/2023

Foy Vance, Bologna

09/02/2023

Foja, Roma

10/02/2023

Diaframma, Bergamo

10/02/2023

Fanfara Station, Poggibonsi

10/02/2023

I Fiumi, Lugagnano

10/02/2023

BardoMagno, Pistoia

10/02/2023

Strana Officina, Torino

10/02/2023

Rancore, Treviso

Agenda

Scopri tutti
Stain

Stain “Kindergarten”

Una sintonia fra Math-Rock basilare, alcune strizzate d’occhio non volute alla scena Midwest-Emo e una forte presenza dei Radiohead

“Kindergarten” è il nuovo EP degli Stain, una delle realtà più interessanti della scena alternative rock pugliese, in uscita il 12 novembre 2021 e distribuito da Audioglobe/The Orchard. Il titolo fa riferimento all’atteggiamento compositivo e relazionale che li ha caratterizzati nel processo creativo e un omaggio all’asilo degli anni ’30 in cui è stato registrato. Il progetto nasce fra I banchi di scuola e si evolve in una formazione a quattro che, dopo un periodo passato a fare cover, sentono l’esigenza di produrre inediti.

“Kindergarten”” si può descrivere come una sintonia fra Math-Rock basilare, alcune strizzate d’occhio non volute alla scena Midwest-Emo e una forte presenza dei Radiohead, soprattutto nella modulazione del cantato e alcune spaziature strumentali in cui la band azzarda diversi livelli di sperimentazione (vedi l’outro di “Nap” che entra in “Thanks Mama”, uno dei brani più Midwest dell’album).

Le sei tracce scorrono piacevolmente in una constante sorpresa da parte dell’ascoltatore viste le dinamiche e i vari crescendo e diversificazioni che i quattro riescono a fermare su nastro. Sarà anche il fatto che sono dei notevoli musicisti e hanno delle idee veramente fresche. Notevole menzione alle parti tiratissime di “Merry Go Round” neanche tanto distorte ma con degli overlapping di strumenti che vanno a creare un decente muro sonoro che sembra davvero girare come una giostra, divertentissimo il passaggio nello Sludge-Jazz e il pacatissimo cantato che dissolve la canzone in un vuoto finale.

Se ancora riesco a trovare del positivo nelle ultime generazioni e lodare l’ultima ondata Indie/Alternative/Midwest made in US e EU, e se non mi sono ancora chiuso fra i miei ascolti passati osannandoli a capolavori e condannando tutte le nuove uscite come “copiato e già fatto” vuol dire che il lavoro di questi giovani è da lodare.

Quindi tanta approvazione per gli Stain, ascoltiamoli.

Articolo di Alessandro Marano

Tracklist “Kindergarten”

  1. Clay
  2. Swingin ‘Till Boom
  3. Merry Go Round
  4. Nap
  5. Thanks Mama
  6. Erik Woodman

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!