14/04/2024

Dotan, Milano

14/04/2024

Myrkur, Milano

14/04/2024

Yard Act, Milano

16/04/2024

Patrick Wolf, Roma

16/04/2024

Erlend Øye & La Comitiva, Milano

16/04/2024

Cristina Donà e Saverio Lanza, Pisa

16/04/2024

Spite, Milano

16/04/2024

Tré Burt, Savona

17/04/2024

Benjamin Ingrosso, Milano

17/04/2024

The Jesus And Mary Chain, Milano

17/04/2024

Erlend Øye & La Comitiva, Torino

17/04/2024

Patrick Wolf, Milano

Agenda

Scopri tutti

The Kingdom “Orthodrome”

Sonorità sofisticate all’interno di un’esplorazione in perfetto equilibrio fra varie influenze musicali

“Orthodrome” (autoproduzione, 2 gennaio 2023) è il primo album del gruppo The Kingdom nella formazione composta da Marco Da Rold, fondatore, e Adriano Bruno Cavallini; un album piacevole, ben congegnato, difficilmente inquadrabile nella semplicistica etichetta di musica elettronica dal momento che l’ascoltatore può percepire varie influenze, tutte rivisitate in una fusione intelligente.

Un nome molto particolare per questo album, che richiamando il concetto geometrico della distanza fra due punti posti su una superficie sferica, implicitamente rievoca le geometrie non euclidee. Così come esistono rappresentazioni differenziate dello spazio, vi è la possibilità di rappresentazioni differenziate della stessa musica: l’ascolto dei pezzi suscita nell’ascoltatore reminiscenze che vanno lette in questa chiave rappresentativa. Non riff recuperati o pezzi di melodie conosciute inserite in una trama di musica elettronica, ma veri e propri quadri musicali evocatori, una sorta di esplorazione di varie forme musicali con un uso studiato di suoni elettronici analogici ottenuti dagli strumenti e non da computer.

In “Ator” si nota l’intelligente fusione fra suoni di synth e voce, elaborata in modo tale da fare incontrare a quest’ultima le oscillazioni del synth; nell’entrata a tempo ben congegnato il brass synth, non eccessivo, con effetti di fondo che si muovono sul riff continuo del synth e che poi si stemperano in una sorta di vento per riprendere un ritmo e un’armonia diversa. A metà pezzo si recuperano le sonorità iniziali per poi procedere oltre, indulgendo a improvvisazioni vagamente jazz, andando a una conclusione con musicalità mitiche costituite da cori synth. Il pezzo può risultare lungo all’ascolto, ma la piacevolezza fa in modo che l’ascoltatore non si stanchi.

“Convey Extravagance” suscita la sensazione di moto continuo data dalle voci di piano elettrico che girano intorno agli effetti di voce che si manifestano per primi all’inizio del pezzo, per poi inserirsi su una melodia synth wah ben definita, con un unisono del basso veramente spettacolare. A metà il basso che prende il sopravvento, inserendosi insieme a un synth potente, ci riporta su sonorità un po’ più blues e poi rock, sfocianti in un cantato abbastanza onirico e in una melodia eseguita dal synth con dei glissando che rimangono come una trama sotto al cantato. Indovinato l’uso del suono di campana tubolare che fa riprendere la melodia iniziale.

In “Drafting Mosalk” si nota l’esposizione, ripetuta, di un riff veramente originale, sul quale si innesta poi il ritmo e quindi il canto, creando un effetto crescendo che successivamente va a concludersi in un intreccio di suoni ed echi. “Dayira”, è anch’esso un pezzo molto lungo, che inizia con sonorità libere, una sorta di recupero di suoni da uno spazio profondo, con un successivo inizio a tempo di un arpeggiatore che lavora su suoni che via via vengono leggermente modificati, quasi impercettibilmente; un incessante ripetersi che si stempera per dare spazio al canto ritmato per poi riprendere e, alla fine, andare verso un effetto confuso che si perde in sonorità remote.

L’album “Orthodrome” dimostra come la musica elettronica non debba necessariamente essere categorizzata in sottogeneri, ma possa invece costituire un unicum dove le singole caratteristiche sono bilanciate, dove la ricerca dei suoni va di pari passo con tracciati melodici di una certa rilevanza, in un costante equilibrio, e dove le sfumature blues, rock, jazz si muovono comunque all’interno di una struttura rigorosa, un album che si spera sia il primo di una lunga serie.

Articolo di Sergio Bedessi

Tracklist “Orthodrome”

  1. Ator
  2. Convey Extravagance
  3. Drafting Mosaik
  4. Dayira

Line up The Kingdom: Marco Da Rold keyboards, synth, voce / Adriano Bruno Cavallini, basso, synth

The Kingdom on line:
https://www.instagram.com/thekingdom1975/
https://www.facebook.com/TheKingdom1975/
https://www.youtube.com/playlist?list=OLAK5uy_nBq-nXAGl66CqM9NX7dXAJKOPmB4p90Dc
https://soundcloud.com/thekingdom75/ator
https://thekingdom75.bandcamp.com/

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!