27/09/2022

Opeth, Milano

27/09/2022

Three Days Grace, Milano

28/09/2022

Opeth, Roma

29/09/2022

C’Mon Tigre, Milano

30/09/2022

Paolo Nutini, Milano

30/09/2022

Negramaro, Milano

30/09/2022

Penny and Sparrow, Milano

01/10/2022

Assalti Frontali, Palermo

01/10/2022

Sons of the East, Milano

01/10/2022

Sons of the East, Milano

01/10/2022

Godspeed You! Black Emperor, Bologna

Agenda

Scopri tutti
The Rasmus

The Rasmus “Rise”

Robusto Pop Rock con venature talvolta hard, talvolta dark

Esce il 23 settembre 2022 su Playground Music “Rise”, decimo album per la rock band finlandese The Rasmus, anticipato dai singoli “Jezebel”, brano con il quale la band ha partecipato all’Eurovision Song Contest di quest’anno, e “Rise”. Il nuovo lavoro, prodotto da Desmond Child e Joshua, vede ancora la partecipazione in alcuni brani del vecchio chitarrista Pauli Rantasalmi, e contemporaneamente il debutto su disco di Emilia Suhonen che lo ha sostituito.

Per molti una “one hit band” con il loro singolo “In The Shadows” del 2003, The Rasmus sono in realtà una band che ha avuto un cammino solido e regolare fin dal 1994, anno della loro formazione, vendendo circa 300.000 dischi nella sola Finlandia e 4 milioni in tutto il mondo.

“Rise” è un disco godibile dall’inizio alla fine, pregno di quelle atmosfere che ti aspetti da una band che ha sempre scelto di colorare il suo robusto Pop Rock di venature talvolta hard, talvolta dark e comunque sempre ammantate da una coltre melodica e leggermente malinconica, tipica di molte produzioni scandinave.

Prima di gettarci nella drammatica e malata melodia di “Rise”, il Pop elettrico da classifica di “Live And Never Die” con la sua chitarrina funky e i suoi cori smargiassi apre l’album in maniera mainstream. Ci vuole l’elettronica e il beat spezzato di “Fireflies”, che pur senza discostarsi da una buona vena melodica aggiunge un tocco alternativo, e ancora di più “Odyssey”, una ballata che inizia con piano e voce e si tramuta poi in un pezzo corale con un pattern tribale di batteria e un bell’arrangiamento di chitarra, a togliere un po’ della patina luccicante che una produzione fin troppo accurata, ma non ci si poteva aspettare niente di meno, dona a questo album.

“Jezebel” è un altro grande singolo, cipiglio rock e arrangiamenti di archi usati ad arte, “Endless Horizon” passa senza infamia e senza lode, mentre l’atmosfera sospesa di “Clouds” fa decisamente meglio, così la seguente “Written In Blood”, un Rock piacevole e leggero. La chiusura di questo “Rise” è affidata a “Evil” composizione decisamente importante, oscura ed epica, pervasa da una buona linea melodica ma non particolarmente sfacciata, che si piega docilmente al peso di un arrangiamento imponente e a tratti solenne, uno dei migliori momenti dell’album.

Album piacevole e decisamente non impegnativo che ti cattura con un suono moderno e con alcuni pezzi veramente indovinati, una band dal gusto europeo con alcune peculiarità proprie che di tanto in tanto si fanno strada attraverso le maglie di una produzione fatta per piacere a 360 gradi.

Articolo di Andrea Bartolini

Track list “Rise”

  1. Live And Never Die
  2. Rise
  3. Fireflies
  4. Be Somebody
  5. Odyssey
  6. Jezebel
  7. Endless Horizon
  8. Clouds
  9. Written In Blood
  10. Evil

Line up The Rasmus: Lauri Ylönen Vocals / Eero Heinonen Bass / Emilia “Emppu” Suhonen Guitars / Aki Hakala Drums

The Rasmus online:
https://www.facebook.com/therasmusofficial
https://www.instagram.com/therasmusofficial
https://www.youtube.com/user/RasmusOfficial
http://therasmus.com/

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!