23/02/2024

Appino, Livorno

23/02/2024

Appino, Livorno

23/02/2024

Stef Burns with Mr. Feedback, Bergamo

23/02/2024

Bengala Fire, Torino

23/02/2024

Piqued Jacks, Pistoia

23/02/2024

Davide Van De Sfroos, Saronno (VA)

23/02/2024

Any Other, Piacenza

23/02/2024

Rosko’s, Cusano Milanino (MI)

23/02/2024

Billy Cobham, Milano

23/02/2024

Menk’, Bologna

24/02/2024

Appino, Bologna

24/02/2024

Appino, Bologna

Agenda

Scopri tutti

Veronica Fusaro “All The Colors Of The Sky”

Alt Pop solare e emozionante

Nelle mie canzoni mi piace avvolgere i sentimenti malinconici in carta da regalo colorata dichiara Veronica Fusaro, ed è senz’altro un’auto-definizione molto calzante. È sulla spinta di questa consapevolezza che ha visto la luce l’esordio della Nostra sulla lunga distanza: “All The Colors Of The Sky”, fuori dal 20 gennaio per Deepdive Records. L’artista svizzera, di origine italiana, forte della solida produzione dello storico produttore Paul O’Duffy, propone il suo emozionante Alt Pop con solarità, dimostrando una notevole crescita rispetto ai precedenti ep. D’altronde l’esperienza maturata nel corso degli oltre 500 live (fra piccoli club o sui palchi di festival importanti come Glastonbury, Eurosonic, Blue Balls, Moon & Stars, senza contare le date di supporto ad artisti del calibro di Eagle Eye Cherry e Mark Knopfler), ha dato i suoi frutti in termini di focalizzazione e padronanza espressiva.

L’album parte con “Cry Me An Ocean”, un brano piano-oriented dall’andamento prettamente Soul, in cui le influenze statunitensi lasciano il segno. “Summer Lighting” è l’ABC della “seconda traccia”: più scanzonata della precedente, leggera e luminosa come da titolo. Un punto in più va assegnato all’interessante l’intervento del sassofono di Tom Waters., che mischia i sapori e rende tutto più interessante. Su “I Don’t Remember (You)” Veronica si muove a proprio agio, facendo sembrare semplicissima la bella interpretazione vocale, che denota una notevole sicurezza del mezzo vocale, soprattuto in rapporto alla giovane età. In “Because They Love You” stavolta è la chitarra a salire in cattedra, e la nostra si diverte a corteggiare linee alla Amy Winehouse, senza tuttavia citarla in maniera banale, mantenendo sempre la propria anima personale. Interessanti, di nuovo, gli inserimenti dei fiati, e poi colpisce l’andamento del brano che accelera volutamente i bpm, come se la foga espressiva si trascinasse dietro tutta la band.           

“Wreck Me” è la prima traccia che può definirsi propriamente una ballata, sospesa come alcune composizioni magiche di Norah Jones, a cavallo fra Soul e Modern Blues. “Weekend”, singolo diretto e convincente, presenta anche uno spassoso videoclip in cui l’immaginazione di Veronica traspone tutto in chiave musicale: le bacchette da cibo cinese che si trasformano in bacchette da batteria, la racchetta da tennis in chitarra, un ortaggio al supermercato in microfono. Il brano, fresco, ben articolato e ben arrangiato, funziona e coinvolge. In “Fool” emerge chiaramente l’influenza esercitata dall’atmosfera italiana anni ‘60, soprattutto nelle strofe, salvo poi tornare nel futuro grazie a uno dei ritornelli più riusciti del combo.    

“Beach” sembra inizialmente tradire l’aspettativa da brano leggero suggerita dal titolo, salvo poi trovare quella malinconia estiva altrove, nei momenti solitari che rendono speciali quegli attimi intimi della stagione del sole. La traccia seguente, “Grey Colored Sky” pesca uno solo dei colori promessi dal titolo: il grigio. Ne viene fuori una canzone dolcissima, a tratti commovente nei movimenti pianistici e nell’interpretazione della Fusaro, mai eccessiva, mai fuori contesto, ma misurata e profonda.              
“Better With You” vorrebbe partire scanzonata ma non riesce mai ad esserlo del tutto, perché la malinconia portante la riconduce sempre nei territory del “minore”. 
          
Chiude il lavoro “Don’t Be So Hard On Yourself”, una delicata dedica poggiata sull’acustica in omaggio al tempo che passa, ai rimpianti che ci accomunano. Uno sprone ad accettare i passaggi della vita, a viverli in maniera positiva: tutti perdiamo treni, tutti invecchiamo, tutti sbagliamo, perciò è inutile essere così duri con se stessi, almeno quando non serve.       
Un esordio felice, vivace e confortante, per un artista da seguire con un occhio di riguardo; perché se è vero che il buongiorno si vede dal mattino, nel mondo di Veronica Fusaro si prospetta una splendida giornata.          

Articolo di Simone Ignagni

Track List “All The Colors Of The Sky”           
1. Cry Me An Ocean   
2. Summer Lightning 
3. I Don’t Remember (You)    
4. Because They Love You      
5. Wreck Me   
6. Weekend    
7. Fool              
8. Beach           
9. Grey Colored Sky    
10. Better With You   
11. Don’t Be So Hard On Yourself 

Veronica Fusaro Online:
Website https://veronicafusaro.com/
Facebook https://www.facebook.com/veronicafusaro
Instagram https://www.instagram.com/veronicafusaro/
Bandcamp https://veronicafusaro.bandcamp.com/
You Tube https://www.youtube.com/@VeronicaFusaro

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!