04/10/2023

Calibro 35, Roma

04/10/2023

Glüme, Milano

04/10/2023

David Eugene Edwards, Milano

04/10/2023

Alex Usai Band, Milano

04/10/2023

Dan Stuart, Milano

05/10/2023

Pino Scotto, Bergamo

05/10/2023

Emidio Clementi & Corrado Nuccini, Roncade

05/10/2023

Calibro 35, Roma

05/10/2023

Glüme, Roma

05/10/2023

Bruce Soord, Bologna

05/10/2023

Drusilla Foer, Milano

05/10/2023

Matt Corby, Milano

Agenda

Scopri tutti

VIRGINIA “Viaticum”

Perché la destinazione del nostro viaggio non sia una meta, ma un nuovo modo di vedere il mondo e se stessi

VIRGINIA, nome d’arte di Virginia Cristofori, dopo un’esperienza di gruppi e di solista, ha pubblicato il 27 aprile il suo primo ep, “Viaticum” (Jadda Music), una raccolta di ricordi e di esperienze descritte musicalmente, un vero e proprio viatico, denso di emozioni, per intraprendere nuove esperienze musicali e di vita. Si tratta di quattro pezzi ben congegnati dal punto di vista tecnico e artistico, equilibrati e omogenei, che ottengono il risultato di donare all’ascoltatore un prodotto musicale piacevole e di livello.

Il primo pezzo, “Closer”, inizia con un sottofondo dolce sul quale si muove un motivo semplice ma aggraziato, con un testo che esterna sentimenti di vario tipo; perfetto l’accompagnamento di archi così come l’intreccio musicale fra le varie componenti che conduce verso la parte finale, chiudendo in modo sognante. Il titolo descrive la voglia di avvicinarsi a una nuova versione di se stessi tramite la musica.
In “Insane” l’uso degli armonici e il ritmo elegante, con un complessivo e dosato riverbero, creano nell’ascoltatore un’attesa che conduce a prestare estrema attenzione alle parole che descrivono la chiusura di un amore, un virare dalla tristezza alla pacatezza, una sorta di elaborazione luttuosa musicale dove il ricordo dell’amore vissuto si tramuta in voglia di circondare l’altro e senso di protezione.

“Where’s my love” è una nuova e originale interpretazione di un pezzo del 2017 di Syml, pseudonimo di Brian Fennell, cantante statunitense. In questo pezzo l’uso abile della voce risalta ancor più grazie al sottofondo degli accordi staccati di piano elettrico, al successivo contrapporsi dei violini, e alla conseguente entrata in gioco di un ritmo cadenzato, per passare poi all’uso dei pizzicati. Un intreccio complessivo capace di suscitare emozioni importanti, una sorta di viaggio mentale fra gioia e tristezza, dove il senso di separazione descritto dal testo introduce il tema della protezione della persona amata, che si ritroverà poi nel pezzo successivo.

Infine “Little dirty bear”, nel quale l’unione delle parole con il substrato della chitarra sembra descrivere il senso di solitudine e la voglia di incontro con qualcuno che si prenda cura di noi, cercando di vedere ciò che ci circonda con uno sguardo più sereno, salvo concludere che la condizione di solitudine è qualcosa connesso alla condizione umana, da accettare, guardando comunque verso il futuro in modo pacato, consapevoli, come dice il titolo dell’intero album, di avere con sé un viatico, conforto e riflessione.
Un album da ascoltare, riascoltare, meditare e infine usare anche per il proprio viaggio di vita.

Articolo di Sergio Bedessi

Tracklist “Viaticum”

  1. Closer
  2. Insane
  3. Where’s my love (SYML cover)
  4. Little dirty bear


Line up VIRGINIA: Virginia Cristofori voce, chitarra acustica, chitarra elettrica, basso / Special guests: Vienna Camerota archi / Luca Nicolasi basso / Angelo Epifani pianoforte, electric piano, organo, synth, batteria, chitarra elettrica

VIRGINIA online:
Facebook https://it-it.facebook.com/virginia.cristofori.5
YouTube https://www.youtube.com/watch?v=HAlKkhLpAkw
Instagram https://www.instagram.com/vrg.vi/

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!