23/06/2024

IDLES, Padova

23/06/2024

Apolide Festival, Ivrea (To)

23/06/2024

Fontaines D.C., Lido di Camaiore

23/06/2024

Brujeria, Bologna

23/06/2024

La Prima Estate Festival, Lido di Camaiore (LU)

23/06/2024

E, Fano (PU)

23/06/2024

Gossip, Segrate (MI)

23/06/2024

Dogstar, Gardone Riviera (BS)

23/06/2024

Tre Allegri Ragazzi Morti, Ivrea (TO)

23/06/2024

Comeback Kid + Bane, Bologna

23/06/2024

The Smile, Roma

24/06/2024

Paolo Nutini, Lignano Sabbiadoro (UD)

Agenda

Scopri tutti

W.A.S.P. “The Seven Savage: 1984/1992”

Cofanetto di una delle band dal look più trasgressivo che l’America  abbia prodotto negli anni ’80

“Jingle bells, Jingle bells, Jingle bells all the way”… è quasi Natale e per le strade e i negozi di tutto il mondo o quasi riecheggiano canzoni che parlano di gioia e amore… ma che ne direste di mettere sotto il vostro albero un cofanetto di una delle band dal look più trasgressivo che l’America  abbia prodotto negli anni ’80? Pensate per un attimo a mettere sul piatto del vostro stereo la notte della vigilia “Hellion” o perché no la censuratissima “Animal (F**k Like A Beast)” e godervi l’espressione dei vostri parenti… Tutto questo è possibile quest’anno perché la Madfish ha deciso di pubblicare l’8 settembre il cofanetto dei W.A.S.P. con tutti i vinili pubblicati dalla EMI/Capitol tra il 1984 e il 1992. 8 vinili interamente rimasterizzati tra cui spicca uno dedicato a rarità tra le quali spicca proprio la già citata “Animal” che adesso è anche rinnegata dal leader Blackie Lawless.

Con i loro primi tre album, i W.A.S.P. divennero tra le più oltraggiose e irriverenti che l’America abbia partorito. Senza dimenticare quello che Alice Cooper aveva già osato fare sul palco negli anni ’70, Blackie ha costruito un look cupo e trasgressivo che si ispirava non poco ai film di Mad Max mettendolo al servizio di una musica sì dura ma anche ricca di ritornelli killer. Mantenendo un ritmo inimmaginabile oggi, pubblicarono il debutto, “The Last Commamd” e “Inside The Electric Circus” in due anni a cavallo tra il 1984 e 1986 e suonando dal vivo costantemente. E se è vero che in parte la qualità delle canzoni subì un calo, è pur vero che i nostri furono sempre in grado di garantire una manciata di singoli a effetto. Il debutto con le sue 10 canzoni non ha perso un briciolo del suo fascino ignorante e verace come una fettuccina all’Amtriciana. “Hellion”, “L.O.V.E. Machine”, la martellante “I Wanna Be Somebody” potrebbero scalare la classifica oggi nel 2023.

“The Last Command” e “Inside The Electric Circus” non hanno la stessa irriverenza anche perché non possono più giocare sull’effetto “sorpresa” del debutto, ma hanno dalla loro inni metal come “Wild Child”, “Blind In Texas”, “Ballcrusher il primo e la title track e un’ottima versione di “I Don’t Need No Doctor” il secondo. Con “The Headless Children” la musica cambia, mantenendo le chitarre affilate ma rivelandosi più profonda e articolata, oltre che più legata all’ hard rock degli anni ’70, complice la presenza di Ken Hensley ex Uriah Heep e Blackfoot che suona le tastiere e l’organo hammond su tutto il disco. È questo il disco da riscoprire: il drumming poderoso di Frankie Banali preso in prestito dai Quiet Riot, rende “The Heretic”, “Mean Man” e la cover del classico degli Who “The Real Me” dei veri gioielli di metal hard rock, anticamera di “The Crimson Idol”, un concept album e un quasi disco solista che discapito delle ottime critiche dell’epoca non fu del tutto compreso dal pubblico.

Concludono il box il live “Live… in the Raw” e il vinile che racchiude tutte le b-side pubblicate negli anni e inserite nelle varie ristampe ma mai su CD in cui tutto l’amore di Lawless per i grandi gruppi degli anni ’60 e ’70 viene fuori: “Locomotive Breath” dei Jethro Tull, “Paint It Black” dei Rolling Stones, l’ottima “Mississippi Queen” dei Mountain e una inaspettata “When The Leveee Breaks” dei Led Zeppelin.

Non vi resta che scrivere la lettera a Babbo Natale e chiedergli farvi passare un felice Natale metal!

Articolo di Jacopo Meille

Track list “The Seven Savage: 1984/1992”

VINYL1 – W.A.S.P.
I Wanna Be Somebody
L.O.V.E. Machine
The Flame
B.A.D.
School Daze
Hellion
Sleeping (In The Fire)
On Your Knees
Tormentor
The Torture Never Stops

VINYL 2 – The Last Command
Wild Child
Ballcrusher
Fistful Of Diamonds
Jack Action
Widowmaker
Blind In Texas
Cries In The Night
The Last Command
Running Wild In The Streets
Sex Drive

VINYL 3 – Inside the Electric Circus
The Big Welcome
Inside The Electric Circus
I Don`t Need No Doctor
N.A.S.T.Y.
Restless Gypsy
Shoot From The Hip
I`m Alive
Easy Living
Sweet Cheetah
Mantronic
King Of Sodom And Gomorrah
The Rock Rolls On

VINYL 4 – The Headless Children
The Heretic (The Lost Chiild)
The Real Me
The Headless Children
Thunderhead
Mean Man
The Neutron Bomber
Mephisto Waltz
Forever Free
Maneater
Rebel In The F.D.G.

VINYL 5 – The Crimson Idol
The Titanic Overture
The Invisible Boy
Arena Of Pleasure
Chainsaw Charlie (Murders In The New Morgue)
The Gypsy Meets The Boy
Doctor Rockter
I Am One

VINYL 6 – The Crimson Idol
The Idol
Hold On To My Heart
The Great Misconceptions Of Me
The Story Of Jonathan (Prologue To The Crimson Idol)
Phantoms In The Mirror
The Eulogy

VINYL 7 – Live… in the Raw
Inside The Electric Circus (live)
I Don`t Need No Doctor (live)
L.O.V.E. Machine (live)
Wild Child (live)
9.5. – N.A.S.T.Y. (live)
Sleeping (In The Fire) (live)
The Manimal (live)
I Wanna Be Somebody (live)
Harder Faster (live)
Blind In Texas (live)
Scream Until You Like It (Theme from Ghoulies II)

VINYL 8
Bonus Tracks & B-sides
Animal (F**k Like A Beast)
Show No Mercy
Paint It Black
Savage
Mississippi Queen
Flesh And Fire
D.B. Blues
Locomotive Breath
For Whom The Bell Tolls
Lake Of Fools
War Cry
When The Levee Breaks

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!