30/05/2024

American Football, Milano

30/05/2024

Sgranar per colli & Bellavista Social Fest 2024, Buggiano (PT)

30/05/2024

Cor Veleno, Nerviano (MI)

30/05/2024

Nils Frahm, Milano

30/05/2024

Nils Frahm, Milano

30/05/2024

Vintage Violence, Novate Milanese (MI)

30/05/2024

Giorgio Canali & Rossofuoco, Roma

31/05/2024

Gabriella Martinelli, Firenze

31/05/2024

Diaframma, Buggiano (PT)

31/05/2024

Charlotte Sands, Milano

31/05/2024

Indie Head Quarter 2024, Malborghetto di Boara (Ferrara)

31/05/2024

Wacken Metal Battle Italy 2024, Firenze

Agenda

Scopri tutti

Wellworn Banana “Anytime”

Accordi di chitarra e batteria grezza, come sanno fare il grunge e l’indie rock

“Anytime” è l’esordio solista di Wellworn Banana (voce e chitarra dei Flying Vaginas), uscito il 2 aprile 2020 per MiaCameretta e Lady Sometimes. Non siamo in Italia, sicuramente non a Frosinone, da dove il nostro Wellworn Banana proviene. Siamo dentro a spazi molto più grandi, dove il respiro può essere molto più profondo, la vista più ampia e gli accordi più lunghi. Il paesaggio è deserto, non c’è nessuno che si possa scorgere all’orizzonte, come suggerisce la copertina ben rappresentativa di Irene Scarchilli. Se per lei il colore dominante è il verde, per me è il giallo, tagliato da ombre di rocce e montagne, saturo di una malinconia che si riempie di accordi di chitarra e batteria grezza, come sanno fare il grunge e l’indie rock. La voce è lontana, sussurra cantando, dando una sensazione di fretta, di sospensione verso qualcosa che sta più in là, nascosto chissà dove.

Si preparano le valigie e si viaggia con questo disco, un viaggio auto-organizzato e per pochi. Il suono è semplice, essenziale, caldo e grezzo. Prima si preparano insieme le valigie, scanditi dalla ballata “P.”, poi si parte e accelerando si comincia a correre, “Song One” ce lo fa capire da subito. In sostanza, non si smette più (“Grandmother”, “Blast Off” , “Rui Costa”, “Adele”), solo una pausa più oscura e affaticata (“Slow Time”), un cazzeggio più sbandato e leggero (“Instrumental Song”), per poi chiudere con un finale che allontana, progressivamente, fino a nascondere completamente allo sguardo (“Yo La Song”).

Ancora una volta largo alla indie-ciociarìa quindi. Nulla di rivoluzionario, ma lo spazio se lo merita.

Articolo di Marco Zanchetta

Track list “Anytime”

  1. P.
  2. Song One
  3. Grandmother
  4. Blast Off
  5. Slow Time
  6. Rui Costa
  7. Instrumental Song
  8. Adele
  9. YoLa Song

Line up Wellworn Banana: Wellworn Banana voce e chitarra / Strueia basso / Andrea Sperduti batteria / Simone Alteri chitarra su “Yo La Song”

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!