14/07/2024

Ludovico Einaudi, Roma

14/07/2024

Escape the Fate, Milano

14/07/2024

Massimo Silverio, Locorotondo (BA)

14/07/2024

Porretta Prog Legacy, Porretta Terme (BO)

15/07/2024

Calexico, Milano

15/07/2024

Mogwai, Bologna

16/07/2024

Black Eyed Peas, Rho (MI)

16/07/2024

Cristiano De André, La Spezia

16/07/2024

Blue, Bologna

16/07/2024

Crocodiles, Marina di Ravenna (RA)

17/07/2024

Thomas Umbaca, Camaldoli (AR)

17/07/2024

Ludovico Einaudi, Stresa (VB)

Agenda

Scopri tutti

The Mysterines intervista

Fuori “Afraid of Tomorrows”, il nuovo incredibile album della band di Liverpool

The Mysterines arrivano al secondo full length, il feroce “Afraid of Tomorrows”, fuori oggi 21 giugno (la nostra recensione), facendo terra bruciata del passato per costruire qualcosa di nuovo e sempre originale.  La frontwoman Lia Metcalfe, il batterista Paul Crilly, il bassista George Favager e il chitarrista Callum Thompson hanno cercato di non sedere sugli allori dell’ottimo riscontro del precedente lavoro, si sono messi in discussione e cercato una costante trasformazione. Paul Crilly ce ne parla senza veli, durante una piacevolissima e lunga telefonata.

Paul spero di poter cogliere tutto quello che dici perché hai un accento very Scouse. Sono stata a Liverpool molte, molte volte, ma purtroppo l’accento è ancora qualcosa di molto difficile da comprendere per me...

Sì, non sono sorpreso, a dire il vero, ma sono contento di sapere che sei stata spesso a Liverpool. È una città fantastica, quindi non mi sorprende che te ne sia innamorata!

È appena uscito “Afraid of Tomorrows”. Il vostro primo full-length è stato una bomba, e questa situazione non è mai facile, bisogna mettere al riparo il successo raggiunto, ma allo stesso tempo bisogna andare artisticamente avanti senza ripetersi. Mi sembra che non abbiate avuto paura di questo. L’album ha la vostra personalità ma è qualcosa di davvero nuovo.

Credo che questa sfida sia partita molto presto nel concepimento del disco. Sapevamo di voler fare qualcosa di diverso, credo che questa sia stata l’etica dell’intero processo di scrittura e di registrazione. Non volevamo ripetere noi stessi e volevamo qualcosa che ci entusiasmasse. Non credo che pensassimo esattamente a ciò che potevano volere i fan. Se scrivi musica in questo modo fallisci. Credo che si debba fare quello che si sente giusto. Quindi l’intero processo è stato proprio questo, trovare essenzialmente un nuovo lato dei Mysterines. C’è voluto più tempo di quanto avremmo voluto, ma credo che ne sia valsa la pena, siamo tutti molto orgogliosi del prodotto finale. E credo che, come hai detto tu, ci siano degli elementi che fanno capire che si tratta della stessa band, ma anche che si tratta di una band che è maturata e cresciuta, cercando di reinventarsi.

È stato un processo fatto sia insieme come band sia come singoli musicisti?

Sapevamo di voler cambiare. Credo che ci sentissimo un po’ come una cover band, perché suonavamo canzoni che non ci somigliavano più, insomma non sentivamo più vicine a noi le nostre canzoni. Capisci cosa intendo? Siamo cresciuti molto come persone in questi due o tre anni di tour, i nostri gusti sono cambiati. Siamo cambiati come persone, come musicisti, come autori di canzoni e come performer. Quindi sapevamo tutti che volevamo cambiare il suono. Facendo così tanti tour e in modo così incessante, si migliora l’esperienza di essere in una band in molti modi diversi, nel modo in cui si comunica tra di noi e nel modo in cui si affronta la vita di tutti i giorni. Ma anche dal punto di vista musicale e sonoro, si migliora senza nemmeno rendersene conto. Ora siamo musicisti migliori. Siamo più bravi a stare in una band. Siamo più bravi a suonare insieme. Quindi sì, credo che sia stata una grande, enorme curva di apprendimento.

Tutti questi concerti e il fatto di aver suonato ovunque e in diversi Paesi, come vi hanno influenzato?

Penso che certi gruppi scrivano canzoni per il pubblico dei festival, canzoni che vogliono che piacciano al pubblico. Noi non siamo quel tipo di band, davvero. Ma credo che inconsciamente ci abbia influenzato in qualche modo.

Vi siete appartati in campagna per un po’ di tempo per scrivere questo nuovo album, il tempo trascorso insieme è servito anche a questo?

Vivendo in una città come Liverpool, c’è sempre molto da fare, per noi essere in tournée e poi tornare a Liverpool pensando di poterci concentrare e scrivere non sarebbe stato così semplice. Così io e Lia abbiamo prenotato questi B&B nel bel mezzo del nulla, lo abbiamo fatto tre o quattro volte e ha funzionato molto bene. Credo che se dovessimo incidere un altro album, lo rifaremo perché ha funzionato bene, per il tipo di personalità che abbiamo, meno distrazioni ci sono meglio è, e una volta che siamo entrati nello spirito delle cose, ci ha aiutato molto. È stato produttivo non essere da nessuna parte, è stato fantastico.

Siete una band difficile da confinare in un solo genere musicale. C’è chi dice che siete grunge, chi dice che siete anni ’90, chi dice che siete rock moderno, chi dice che siete alt rock e così via. Per me è difficile mettere le persone e la musica in un contenitore, quindi preferisco chiedere a te con quali aggettivi vorreste essere etichettati!

Non lo so. Beh, penso che sia difficile incasellarsi e credo che sia proprio quello che cerchiamo di evitare. Con il primo disco, la gente ci vedeva solo come una rock band e credo sia anche per questo che siamo cresciuti così tanto, perché non volevamo essere solo quello, capisci cosa intendo? L’esempio migliore per me sono i Radiohead, uno dei miei gruppi preferiti, e non si possono definire i Radiohead, no? Perché c’è così tanto in loro. Non sto dicendo che saremo i prossimi Radiohead, ma credo che ci piacerebbe essere considerati come una di quelle band che cercano costantemente di spingersi a reinventarsi dal punto di vista sonoro, e un nuovo album dei Mysterines non sarà semplicemente uguale al precedente. Penso che questo sia ciò che vorremmo sempre che si pensasse di noi come band.

Mi sembra che anche i testi siano andati in una nuova direzione. Sono piuttosto cupi. Quanto sono importanti questi testi per dirci chi sono i Mysterines adesso?

Credo che per ogni buona band o buon artista i testi debbano essere qualcosa che, ogni volta che li ascolti, ti colpiscono. Lia, che li ha scritti, ha detto che nel primo album c’erano molti personaggi ed era come una storia. Non erano così  realistici come nel nuovo album. Sta diventando più sicura di sé come scrittrice e come autrice di testi, sente di non aver più bisogno di nascondersi dietro le parole . È un po’ più come se questo fosse ciò che voglio dire e lo dico e basta. Adoro quando ascolti una canzone e c’è anche un solo verso che ti fa pensare: Oh, è fottutamente fantastico. Penso che i testi del primo album siano fantastici, ma credo che con questo nuovo album Lia sia stata brutalmente onesta come lo è lei come persona. Quando le parli, non usa mezzi termini. Quindi penso che avesse senso che anche i testi fossero così. Non si nasconde dietro personaggi assurdi o altro, ma dice solo quello che ha bisogno di dire. È una cosa che si fa crescendo e diventando più sicuri di sé, perché è una cosa difficile, no? Pubblicare musica è una sfida anche personale.

Per questo album avete cambiato produttore. Siete andati a Los Angeles da John Congleton che ha un nuovo studio e siete stati i primi a registrarci. Il ruolo del produttore è fondamentale per il suono e la visione musicale di una band.

John era l’uomo perfetto. C’erano molti nomi nella rosa dei candidati, ma non appena è stato nominato John, tutti e quattro abbiamo pensato: Sì, è quello giusto. La prima cosa che ci ha detto è stata: se volete fare la seconda parte di “Reeling”, allora non sono io la persona giusta. È stato perfetto per noi, perché era l’ultima cosa che volevamo fare. Non direi che il primo album non gli sia piaciuto, ma non era pieno di elogi. É stato un bene per noi, volevamo qualcuno che arrivasse e scuotesse un po’ la barca. È stato molto bravo a spingerci oltre noi stessi. È stato anche molto bravo a farsi coinvolgere solo quando era necessario, il che credo sia il segno di un grande produttore. I produttori che si occupano di tutto e mettono mano a tutto non credo siano giusti per noi e per esprimersi creativamente. Se non c’è bisogno di sistemare qualcosa, allora ci si siede e semplicemente si preme “registra”, e lui è bravissimo in questo. È stato fantastico per noi in molti modi. È una delle persone più divertenti che abbia mai incontrato in vita mia! Ha una conoscenza incredibile di tutto ciò che è creativo. C’era una serie costante di cose che ci suggeriva di seguire, sia che si trattasse di film o di musica, sia che parlasse di gruppi con cui aveva lavorato, sempre emozionante. Poteva essere un processo davvero difficile per quattro Scouser che andavano a Los Angeles per sei settimane per registrare il secondo album. Sulla carta, avrebbe dovuto essere piuttosto spaventoso, ma grazie a John, non c’è stato alcun problema.

Venite dal Merseyside; pensi che sia ancora un buon posto per coltivare l’amore per la musica nei giovani? L’atmosfera del luogo vi ha influenzato in qualche modo?

Sì, deve averlo fatto. Credo che il fatto di essere cresciuti in un posto come Liverpool, dove c’è musica ovunque, dove sei sempre circondato da grande musica, sia una cosa fantastica.

La gente associa Liverpool soprattutto ai Beatles, siete stanchi di questo?

Beh, no, perché sono i Beatles, capisci cosa intendo? Come si fa a stancarsi di loro? (approvo ndr). E anche quando non si pensa ai Beatles, ci sono così tante band e artisti straordinari da cui si è costantemente circondati. Credo che sia per questo che ci sarà sempre un’ondata di band di Liverpool. Sarà sempre così. Quando ho iniziato a suonare, quando ho raggiunto un’età in cui sapevo di essere appassionato di musica, andavo al Cavern con mio padre, il che probabilmente è un cliché nella storia di Liverpool, ma mi piaceva. Appena ci sono andato per la prima volta, mi è sembrato il posto giusto per me. Credo di essere stato un bambino piuttosto eccitabile e appassionato, quindi ero sempre entusiasta di tutto. Mi piaceva l’idea di suonare per la gente, forse perché da bambino ero un po’ esibizionista. Ma sì, crescere a Liverpool come musicista ispirato è il massimo. Non c’è città migliore per questo, davvero…

È bene ricordare alle persone che, per arrivare dove siete ora, c’è voluto molto duro lavoro.

Sì, ma credo che siamo stati fortunati, nel senso che abbiamo avuto molte persone che ci hanno aiutato. E i primi tempi, se ti metti in gioco da solo, possono essere piuttosto intimidatori. Ma quando hai qualcuno che ti guida… I primi anni di una band sono davvero difficili e penso che siamo stati fortunati ad avere un management abbastanza presto, così le persone sono state in grado di guidarci attraverso la merda, essenzialmente.  Siamo stati una band, noi quattro, solo per pochi mesi prima di registrare il primo album e poi, non appena il lockdown è finito, abbiamo fatto le valigie e siamo andati in tour per due anni e mezzo, abbiamo fatto un sacco di concerti, siamo stati nel Regno Unito, in Europa, in America, e ci è voluto molto tempo per capire come farlo e per essere sostenibili come persone. Credo che ogni band al mondo faccia lo stesso. Si pensa che basti uscire, divertirsi ogni sera, alzarsi e suonare, ma non è così semplice, c’è dell’altro. C’è voluto un po’ di tempo per imparare a comunicare meglio tra di noi e per diventare una band migliore e coesa.

Avete in programma un nuovo grande tour, nel Regno Unito all’inizio, alcune date in estate sul continente, poi negli Stati Uniti. E in autunno tornerete in Europa per un tour più strutturato. Verrete in Italia a novembre, a Milano, dopo essere stati qui nella mia città, dove vi ho visto nel giugno 2022 al Firenze Rocks.

Sì, quello è il concerto più grande che abbiamo mai fatto, e forse il più caldo! Non vediamo l’ora di tornare in tour, soprattutto con le nuove canzoni di “Afraid of Tomorrows”. Abbiamo già un’idea di come faremo questo tour, faremo la maggior parte del nuovo disco, se non tutto, e poi sceglieremo I brani che ci piacciono ancora del primo. Abbiamo partecipato ad alcuni festival di recente e questi nuovi concerti ci hanno fatto sentire molto bene. Noi non vediamo l’ora di tornare in tour, soprattutto per quanto riguarda concerti da headliner. Abbiamo fatto molti concerti di supporto, quindi non vediamo l’ora di poter suonare i nostri pezzi per un’ora o più. Di solito cerchiamo di infilare il maggior numero di canzoni in mezz’ora come opener, e non vediamo l’ora di poter suonare quello tutto che vogliamo. Potremmo anche fare un set di tre ore. Perché no? E ci piacerebbe tornare a Firenze, non so se quest’anno, ma spero in futuro. È una promessa!

The Mysterines interview

Paul I hope I can pick everything you say because you have a very Scouse accent. I’ve been to Liverpool many, many times, but unfortunately, the accent is still something very hard for me to pick.

Yeah, I’m not surprised, to be honest, but I’m glad to hear that you’ve been to Liverpool a lot. That’s cool. It’s a great city, so I’m not surprised you fell in love with it!

The new album “Afraid of Tomorrows” has just been released. Your first full-length was a blast, and this situation comes never easy, one has to shelter achieved success, but at the same time one needs to go artistically ahead of it without repetition. You had to challenge yourself for the new album on a very deep level. But it seems to me that you were not afraid of going ahead. It has your soul, it has your personality, but it’s something very new.

It was very early on in the process, this challenge. We knew that we wanted to do something different. That was the kind of whole ethos of the whole record, the whole writing and recording process. We didn’t want to repeat ourselves and we wanted something that excited us more than anyone else. I don’t think we were exactly thinking about what the fans wanted. I think if you’re writing music in that way, you’re kind of setting yourself up to fail. I think you’ve got to do what you feel is right. So I think the whole process was just finding essentially a new side to The Mysterines. And I think it took longer than maybe we would have wanted, but it was worth exploring new ways for that amount of time. And we’re all really proud of the final product. There are elements that, you can tell it’s the same band, but you can tell that it’s a band that’s kind of gone away and matured and grown up and trying to reinvent themselves.

Was it a process made together as a band and as individual musicians?

Yeah, we knew that we wanted to change. I think we kind of felt a little bit like a cover band because we were playing these songs that didn’t really feel like us anymore. I wouldn’t say we’ve grown out of it, but it just didn’t feel like it was like our songs anymore. Do you know what I mean? I feel like we’ve grown a lot as people over that two, three years of touring. And I think our taste had changed. I think we changed as people, as musicians, as songwriters and stuff like that. So we all knew that we wanted to change the sound. Just touring that much and so relentlessly, you get better at being in a band in loads of different ways, in the way that you communicate with each other and the way that you deal with the day-to-day life of it. Also musically and sonically, you just get better without even realizing it. We’re better musicians now. We’re better at being in a band. We’re better at playing music with each other. So yeah, I think it was all a big, massive learning curve.

All these concerts and playing everywhere and different countries, how has influenced you?

Yeah, subconsciously it probably did. I think certain bands write songs for a festival crowd, songs that they want the crowd to like. We’re not that kind of band, really. But I think subconsciously it maybe did influence us in some way.

You secluded yourself in the countryside for a while to write the new album, this peculiar time together worked toward it as well?

Living in a city like Liverpool, there’s always so much going on. To be on tour and then come back to Liverpool thinking that we were going to be able to concentrate and write, it wasn’t as simple as that. So me and Lia booked these B&Bs in the middle of nowhere and we did it three or four times and it worked really well for us. I think if we do another album, we would do it again because it worked fine. I think for the type of personalities we are, the less distractions the better, and once we kind of got into the swing of things, it really helped us. It was productive being nowhere altogether, it was great. I really enjoyed it, it was good.

You are a band hard to confine in one music genre. Some says you’re grunge, some says you’re 90s, some says you’re modern rock, some says you’re alt rock and so on and on and on. It’s difficult for me to put people and music in a box so I prefer to ask you which adjectives you’d like to be labelled with.

I don’t know. Well, I just think it’s hard to kind of put yourself in one box and I think that’s exactly what we try and move from. With the first record, people just saw us as a rock band and I think that’s why we kind of grew out of that so much, because we didn’t want to just be that, you know what I mean? The best example of it, in my eyes is, in recent times anyway, Radiohead, they’re one of my favourite bands and you couldn’t define Radiohead, could you? Because there’s just so much to it. I’m not saying that we’re going to be the next Radiohead, but I think we would like to be thought of as one of those bands that are constantly trying to push themselves to reinvent themselves sonically, and a new Mysteries album it’s not just going to be the same as the last one. I think that’s what we would always like to be thought of when people think of us as a band. Not necessarily like, oh, they’re a rock band, or whatever.

It seems to me that also the lyrics have gone forward with this album. They are quite dark. How important are these lyrics to tell us who The Mysterines are now?

I think with any good band or good artist, the lyrics need to be something that, whenever you hear them, they kind of hit you there.  Lia, who wrote them, said that in the first album there was a lot of characters and it was kind of like a story. It wasn’t as close to the bone as the new album is. And I think that she is purely just becoming more confident as a writer and as a lyricist. She feels like she doesn’t need to hide behind the lyrics anymore. It is a bit more like this is what I want to say and I’m just saying it. And I think there are certain lyrics that, I love it when you listen to a song and there’s just one line that just makes you think, oh, that’s fucking great. I think that the lyrics in the first album are great, but I think that with this new one, Lia has just been as brutally honest as she is as a person. When you speak to her, she doesn’t mince her words. So I think it made sense for the lyrics to also be like that. It’s not her hiding behind like crazy characters or something, it’s just her saying what she needs to say. That just comes with growing up and becoming more confident because it’s a daunting thing, isn’t it? Releasing music is daunting.

You changed producer for this album. You went to LA to John Congleton; he has a new studio and you were the first to record in it. The role of the producer is paramount for the sound and for the musical view of a band. Did he took the best out of you?

John was the perfect guy. There were a lot of names on the shortlist, but as soon as John was mentioned, I think all four of us were like, yeah, that’s the guy. And I think what worked really well with John is that the first thing he said to us was if you want to make “Reeling” part two, then I’m not the guy. That was perfect for us because that was the last thing that we wanted to make. I wouldn’t say he didn’t like the first album, but he wasn’t full of praise for it. So I think it was good for us. We wanted someone to kind of come in and rock the boat a little bit. He was so good at pushing us beyond ourselves. He was also very good at getting involved only when he needed to, which I think is the sign of a great producer.

You know, people who are hands-on with everything, I don’t think that’s the way to do it. If something doesn’t need to be fixed, then you just sit back and just press “record”. And he was great at that. Actually he was great for us in many ways. He is one of the funniest people I’ve ever met in my life. He’s got such an amazing knowledge of anything creative. There was just a constant array of things that he was suggesting us to put attention to, whether it was films or music or just talking about bands that he’s worked with, which is always exciting. It could have been a really intimidating and daunting process, four Scousers going over to LA for six weeks to record the second album. On paper, it should have been quite scary, but I think because John is so good at his job, it wasn’t. It was a great experience. I’m a big fan of John’s work, so I think it was a great experience and I’m made up with how it came out. I think he’s an amazing producer. He wanted to do something different and so did we. So it was the perfect combination. It was great.

You come from the Merseyside; do you think it’s still a good place to nurture passion and love of music for young people? So when did you first started to play and sing? What triggered the passion? Did the atmosphere of the place influence you somehow?

Yeah, it must have done. I think just growing up in a place like Liverpool, it’s just music everywhere, you’re surrounded by great music, which is a great thing.

People associate Liverpool mainly with The Beatles, are you sick of it?

Well, no, because they’re The Beatles, you know what I mean? How could you ever get sick of hem? ( I agree ndr) And even when you don’t even think about The Beatles, there’s so many amazing bands and so many amazing artists that you’re constantly surrounded by. That’s why there always will be a massive surge of Liverpool bands. It will always be like that. When I started to play, when I got to an age when I knew that I was into music, I used to go to The Cavern with my dad, which is probably quite a cliché in the Liverpool story, but I loved it. I think as soon as I did it, as soon as I went there for the first time, it just felt right. I was quite an excitable, passionate kid, so I was into everything all the time. I loved the idea of playing music to people. Maybe it’s because I was a bit of a show-off as a kid. But yeah, growing up in Liverpool as an inspired musician, it’s the best. There’s no better city for it, really…

It’s good to remind people that to get where you are now, it took a lot of hard work.

Yeah, I think we were lucky in the sense that we had a lot of people helping us out. And those early days, if you’re going in all guns blazing on your own, it can be quite an intimidating place. But when you’ve got someone to kind of guide you through that… The early years of a band are really hard and I think we were lucky that we had management quite early on, so people were able to guide us through the shit, essentially. We’d only been a band, the four of us, for a matter of months before we recorded the album, and then as soon as lockdown ended we essentially just all packed bags and we were gone touring for two and a half years, we did a lot of gigs and it was UK, Europe, America over and over again. It took us a long time for us to work out how to do it and to be sustainable as people. I feel like every band in the world does that as well. You think that you’re just going to go out and you’re just going to get pissed every night and get up and play, but it’s not as simple as that, there’s more to it. I think it took us a while to learn how to communicate better with each other and essentially just become a better band.

You have a new huge extensive tour coming. You come to Italy in November, in Milan, after being here in my own city, where I saw you in June 2022 for Firenze Rocks.

Yeah, that’s the biggest gig we’ve ever played, and maybe the hottest!  We’re really looking forward to getting back to touring, especially with the new songs of “Afraid of Tomorrows”. We’ve got a vague idea of how we’re going to do it. I think we’re going to do the majority of the new record, if not all of it, and then kind of pick the ones that we still like from the first. We’ve been doing a few festivals recently, and these new gigs have just felt so good. We’re really looking forward to getting back into touring, especially our own headline gigs as well. I think we haven’t been headliner for a while. We’ve been doing a lot of support gigs and stuff, so we’re looking forward to getting back to being the headliner and being able to play our own tunes for an hour or more. Usually it’s like trying to cram in as many songs into half an hour, and I think we’re looking forward to being able to just play whatever we want. We might even do a three-hour set. Why not? Oh, and I’d love to come back to Florence, I don’t know whether we will be doing that this year, but hopefully In the future. That’s a deal.

Articolo di Francesca Cecconi
Foto credit Steve Gullick

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!